giovedì 25 febbraio 2016

Disegno propaganda s.

  • Ciò che prepara l’enorme macchina sostituzionista è, in effetti, come dice lei, una non-civiltà, una barbarie post-industriale e iper-economista in cui sarebbe compiuta la fabbricazione, da parte di quella che chiamo “l’industria dell’ebetudine”, dell’uomo sostituibile: de-originato, de-nazionalizzato, de-culturato, de-sessuato, cosificato, intercambiabile e delocalizzabile a piacimento. [...] In effetti, esso sostituisce un popolo che ha perfettamente preparato alla Grande Sostituzione, il popolo degli uomini sostituibili, con un popolo ferocemente identitario, arabo-musulmano, islamico quando non islamista. Per dirla in un altro modo, esso sostituisce un popolo di bovini (industriali) con un popolo di iene.

    Renaud Camus
    Il nuovo comunismo è venuto per sostituire i popoli
    (PrimatoNazionale.it)

Qualche giorno fa ero incappato in questo commento e poi nel documento ONU citato. Houellebecq  ha sottolineato come il governo socialista in carica attuasse una censura sistematica di tutti i fatti di violenza dovuti il processo di islamizzazione della Francia. Beh, romanzo, no!? Romanzo un cazzo: il 13 è stata la ricorrenza del terzo mese dalla strage di Parigi, al Bataclan. Mi fermo un attimo.
Osservo che l'industria dell'ebetudine procede con la propaganda asfissiante, martellante, incessante, multimediale che apologizza l'invasione e la sostituzione, per dirla alla Renaud Camus, in modo incessante, ogni giorno. In questi giorni sono incappato in questo:
o - 1
o - 2, notare la foto
o - 3
o - 4
o - 5
o - 6
o - 7
o - 8, notare il grado di sofisticazione
o - 9
o - 10 e 11, la partecipazione delle castalie dei magistrati al piano è evidente
o - 12, la grande affabulazione
e così via.

La foto di Aylan è stata somministrata in tutti i modi possibili (l'informazione che il padre era scafista apparsa fugacemente, l'informazione che la foto era stata preparata altrettanto fugace).
La propaganda è per definizione una frode ideologica basata sulla ripetizione sistematica di molteplici falsi e sulla rimozione altrettanto sistematica delle verità scomode.

Io chiedo come mai, nell'era dell'(a mala) informazione globale, ubiqua, totale, pervasiva, omnicomprensiva non ci siano foto della strage al Bataclan di Parigi. Cazzo, non è possibile!
Allora, posso concepire che chi era dentro avesse, per una volta, rinunciato ad un selfie in una situazione elettrizzante, ma chi è intervenuto ha avuto tutto il tempo e il modo (e immagino il dovere professionale come polizia scientifica di documentare fotograficamente la mattanza).
Ho eseguito la ricerca

o - in italiano;
o - in inglese;
o - in tedesco;
o - in spagnolo;
o - in francese.

Diciamo che avrei potuto ampliare l'insieme di parole di ricerca, utilizzare sinonimi, etc. .
Nella infosfera sapete quante foto ci sono della mattanza? Una. Una sola foto (quella a corredo di questa pagina). Se non ci fosse nessuna foto, parte della massa inizierebbe a porsi qualche domanda. Così ce n'è una sola in modo che... non ci si ponga la questione della censura.
Si noti che dopo un po' di ricerca ho trovato solo una copia della foto a dimensione e dettaglio decenti, quella che appare in questa pagina. Ovviamente un organo dei sostituzionisti ha ritenuto che fosse poco conveniente mostrarla nella sua crudezza e quindi, per il vostro bene, l'ha censurata con il noto metodo della pixelizzazione.

23 commenti:

  1. Comunque, il problema è il "nemico interno".
    Gente educata dalla nascita nella menzogna e nei paradossi. Che poi esprime quella "classa dirigente" che vedi qui: Il Sacro e il Profano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più una religione è moralista più gli adepti sono falsi e ipocriti.

      Elimina
  2. Cosa dovremmo commentare? E' tutto lì da vedere (a meno d'avere la classica mortadella sugli occhi).

    RispondiElimina
  3. Non mi pare che la liberta'di informazione sia molto in auge ultimamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo è mai stata, direi.
      Solo che ora, visto che la libertà è negata dai (post)comunisti (post)socialisti progressisti etc. e vale il loro dogma

      Ciò che decide Il Partito è democratico; ciò che non è omologato a quanto deciso da Il Partito non è democratico anzi è fascista.

      allora è tutto meravigliosamente progressista, corretto, democratico e antifa, antirazzista, ecologico, migliore. Poi non è censura ma solo giusta rimozione delle informazioni fasciste xenofobe intolleranti.

      Elimina
    2. La "libertà" è qualcosa che esiste nelle nostre teste. Gente che esiste per servire non può essere "libera", anzi, ha in odio la "libertà". Quindi mente, come sopra.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Sono pazzi criminali. Prego notare l'assoluta illogicità e la menzogna. Sarebbe interessante chiedere a quelle teste di cazzo perché gli studenti dovrebbero studiare l'arabo invece del cinese, per dirne una.

      Boh, ormai è come la proverbiale palla di neve che rotola lungo un pendio. Io mi domando se chi scrive quelle puttanate lo fa con convinzione per mestiere.

      Elimina
    2. Concordo con Lorenzo. Aggiungo che non voglio imparare altri idiomi forestieri: già mi rompono abbondantemente l'anima quelli che circolano ora. Da musicista, devo dire che diventa anche una questione sonora, una forma di inquinamento acustico. Oltre alle odiose cadenze forestiere invadenti che hanno invaso il mio territorio natale proveniendo da altre aree d'Italia dovrei sorbirmi anche quelle che arrivano da ambiti ancor più distanti (in tutti i sensi)? Per forza, come effetto dell'ennesima azione violenta di stupro culturale, può darsi. Per scelta, mai e poi mai.

      Elimina
    3. MrCoso, imparare una lingua significa imparare la cultura retrostante. Se io dovessi scegliere, preferirei imparare il cinese e quindi rendermi edotto di quell'universo, piuttosto che imparare l'arabo che mi porta in dote la merda.

      Elimina
    4. Se tu potessi scegliere (e puoi scegliere) probabilmente faresti come me e rispediresti al mittente entrambi i pacchetti. Per qualche ragione, credo che tu lo stia già facendo.

      Elimina
    5. Non ho una posizione subalterna rispetto ad altre "culture", questo è sicuro, però non mi dispiace imparare se è una mia scelta e non una imposizione.

      Elimina
    6. La follia continua.
      http://www.ilgiornale.it/news/cronache/decisione-choc-scuola-bambini-lezione-dellimam-1229869.html

      Elimina
    7. Andrea...

      La follia consiste solo nel fatto che gli insegnanti, i presidi, i provveditori, eccetera, pur guadagnandosi lo stipendietto e la pensioncina da sgherri dello Sceriffo, devono poi vivere tra le macerie del mondo che stanno demolendo.

      Ma la azione di cui sono agenti è spietatamente lucida, non è folle. C'è un progetto, un Piano e viene attuato con meccanica efficienza, senza curarsi più di nasconderlo con una cortina fumogena.

      I cosiddetti "genitori" sono dei poveri minchioni che si agitano solo quando gli si pone davanti qualche cosa che non riescono a ignorare, come invece fanno per TUTTO IL RESTO.

      Non c'è percezione, non c'è elaborazione, quindi non ci può essere reazione. Tutti ruminano le loro vite come bovini al pascolo.

      Elimina
    8. Tra l'altro, sono ovviamente molto più pericolosi gli insegnanti dell'imam.

      Elimina
    9. Osservo, Lorenzo, che dopo decenni di "cortina fumogena" in cui tutti i riflettori sono stati puntati esclusivamente al consumare di più e quindi l'unica grande narrazione sia stata quella del "lavoro", ci si stia approcciando ad un punto di svolta nella guerra civile e filosofica che corre tra la cosiddetta idea del mondo di sinistra e tutti gli altri. Osserviamo anche sempre di più che questa è irriducibile rispetto alla società che ci è stata ereditata. Al suo pavesarsi, all'emergere quindi agli occhi dei "bovini al pascolo" del nuovo mondo multitutto-volemose bbene, si legge bene tra le righe come in questi si stia creando un certo rigetto. Basta vedere i commenti su ogni giornale, e il mio commento qui sotto. Temo che sia già oltrepassato il punto di non ritorno in cui le nuove generazioni ritengano il Mondo Nuovo l'unico degno di senso, ma sono felice di appartenere a quei pochi che ancora non si arrendono.

      Elimina
    10. Sul mio blog citavo per l'ennesima volta, si sono ripetitivo, la questione del sistema pensionistico.

      Mi è capitato nella vita di parlare con gente che ha vissuto per decenni nello stato di animazione sospesa del "lavoratore dipendente", dando per scontate tutte le fandonie sui "diritti del lavoratore".

      Quando gli ho fatto notare che un sistema di previdenza che non si basa sull'accantonamento e la restituzione dei contributi ma semplicemente sul prelievo fiscale è destinato è fare collassare il bilancio dello Stato per l'accumularsi del debito, annessa la famosa "guerra generazionale", prima hanno smaniato come diavoli aspersi con l'acqua santa e poi hanno concluso "vabè, io ho diritto alla pensione, i giovani poi saranno cazzi loro".

      La "guerra civile" è impossibile causa la capillarità e la profondità del lavaggio del cervello a cui la gente è sottoposta. Alzano la testa dal pascolo solo quando gli ficcano qualcosa nel culo ma anche allora devono andare bene a fondo, fino al piloro, altrimenti alla fine un minimo di fastidio vale pure la Juve su Sky e la vacanza a Sharm.

      Le "nuove generazioni" sono stupide come quelle vecchie ma sono molto più soggette al lavaggio del cervello di una volta, col miglioramento e la diffusione delle tecnologie della "comunicazione".

      Mi diceva un mio amico che i figli se gli gli smette di funzionare "Uazap" per qualche motivo, vengono colti da crisi epilettiche a cui segue catatonia. E cosi rimangono fintanto che lui o gli aggiusta il furbofono o gliene compra un altro. Parliamo di ragazzi che quando gli si storta il manubrio della bicicletta chiamano il babbo perché li vada a prendere, che si può mica raddrizzare il manubrio, fantascienza l'idea di tornare a casa a piedi, cercare una chiave inglese e aggiustarsi la bici da soli.

      Arrendersi dici... bah, io posso anche non arrendermi ma mi sembra di essere Soldini su una barca in mezzo al Pacifico. Chi se ne accorge se mi arrendo o non mi arrendo, se faccio un peto o se tiro le cuoia? Non faccio nessuna differenza.

      Elimina
    11. Ecco qui il collegamento all'articolo riportato da Andrea.

      La decisione choc della scuola: bambini a lezione dall'imam

      Cosa dire?
      Il problema è così grave e profondo ed esteso.
      Per dirla alla Wendel Berry, abbiamo masse di homo sempre più sradicate dalla terra, dalla realtà, dalla natura e queste sono manipolate, ulteriormente rincoglionite da gruppi occulti portatori di interessi assai rilevanti e - questo è pure peggio! - apologeti di una visione di un Mondo Nuovo al quale ogni distopia impallidisce.

      Lorenzo ha ragione quando dice che sono più pericolosi gli insegnanti dell'imam.
      L'imam è un patogeno esterno, i sostituzionisti, gli apologeti del mondo nuovo sono i più potenti repressori del sistema immunitario.
      E' una SIDA ideologica, in primis.

      Elimina
  5. La dissociazione del sistema media dalla realtà è incredibile. Notare che non c'è 1 commento uno favorevole alle tesi dell'articolaio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sono sempre più le persone che traggono utilità dal lavorare al sostengo, ampliamento, diffusione di problemi di estrema gravità.
      Anche il sistema mediatico, infine, è un eccellente filtro passamerda.

      Elimina
  6. Come ne usciamo vivi, ragazzi?
    Che lenta agonia di civiltà. Stare fermi uccide, combattere il mostro è impossibile, dato ancora troppo pochi lo riconoscono come tale.
    E poi ci sono i collaborazionisti. Magra consolazione sapere che saranno quelli che subiranno la botta più forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne usciamo. Stiamo contemplando il crepuscolo della civiltà dei Padri, poi verrà la notte.

      Elimina
  7. A proposito, leggere QUESTO DELIRIO

    Questa "penna illustre" è un uomo che ha il coraggio di scrivere:

    "Prima della crisi il ceto medio emergente aveva tentato di diventare soggetto politico mettendosi in proprio, autonomizzandosi sia dalla grande borghesia che dal proletariato"

    Autonomizzandosi sia dalla grande borghesia che dal proletariato. Non si tratta di un foglio stampato col ciclostile della mia prima giovinezza, no no, articolone sul giornalone.

    Poi ci chiediamo chi, come, perché.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.