lunedì 29 febbraio 2016

Palesare la violenza

La guerra migratoria inizia rivelarsi quello che è. Una conquista a forza di un continente.
Il costruire delle barriere non è solo un ovvio, elementare dispositivo di sicurezza (i rimpatri sistematici rimangono quello principe) ma ha il primato di svelare, di rendere palese, esplicita l'immane violenza delle migrazioni di massa.
L'attacco è ora alle guardie di frontiera macedoni al confine con la Grecia. La guerra ai sostituiti,  proseguirà poi all'interno, non appena i numeri consentiranno il prevalere.


11 commenti:

  1. Ancora una volta... "cosa vuoi commentare? è tutto lì da vedere."

    RispondiElimina
  2. Roma ne é l'emblema. Nemmeno un candidato della lega la salverà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale "candidato della Lega", a Milano il sindaco è un vecchio marpione di Rifondazione Comunista.

      Torno a dire, gli immigrati sono il sintomo, non la malattia. La malattia è che milioni di Italiani furono e sono comunisti, ergo riconducibili ad una delle tre categorie degli idioti assistiti, degli eterni adolescenti e dei furbastri.

      Elimina
    2. Ecco, un'altra catechista gramsciana che farcisce di oppio la testa dei piccoli.

      Elimina
  3. Risposte
    1. A Rai Radio3 ascoltavo i deliri del giornalista fanatico internazinalista, pro entrata della Turchia nella Comunità Europea, altri chr invitano a studiare l'arabo a scuola.
      Dalla colonizzazione yankee a quella islamica.
      Forse ce la meritiamo.
      Perché M Erdogan non dovrebbe fare lo scafista quando qui siamo pieni di collaborazionisti, e scafisti cattolici e comunisti?

      Elimina
    2. Direi di lasciare perdere, facciamo finta che vada tutto bene perché tanto abbiamo superato il punto di non ritorno. Non ne parliamo più, ne di immigrati, ne di "diritti", ne del bilancio dello Stato, ecc.

      Elimina
    3. Sì, dai, e studiamo anche l'arabo, come ieri l'altro hanno consigliato a lungo pure su Rai Radio 2 (nel corso d'un'intera trasmissione che si chiama Caterpillar). Però per qualche ragione sono sicuro che la comunanza di esortazioni tra le diverse reti Rai è una semplice coincidenza.

      Elimina
    4. Premessa
      1)
      Studiare una lingua oltre alla lingua madre fa solo bene. Però prima bisognerebbe sapere e aver studiato la PROPRIA linga madre. E qui si aprirebbe un mondo.
      Prima dell'arabo quindi l'italiano.

      2)
      Si può studiare una lingua straniera nel proprio tempo libero. Fine.

      3)
      Mi sembra sia opportuno studiare lingue di altri europei, prima.

      > studiamo anche l'arabo, come ieri l'altro hanno consigliato a lungo pure su Rai Radio 2
      Oh che fortuita e stranissima coincidenza?
      Non è che la massa degli invasori più incazzata con gli invasi è proprio quella araba?
      Che strano!
      Che coincidenza!
      Veramente incredibile come possano manifestarsi queste coincidenze incredibili.

      Ecco il lavaggio del cervello necessario alla ugualizzazione prima e alla sostituzione poi.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.