giovedì 2 ottobre 2014

Ghiaccio sangue ricostruzione - 2

(Ghiaccio sangue ricostruzione)

Anche ieri un'ora e tre quarti di intervento. All'inizio ho avuto una piccola crisi, un principio di mancamento. Non sentivo nulla, eccellente anestesia. Solo che sentire il chirurgo dentista lavorare col bisturi prima per preparare e poi con la fresa per creare lo spazio per i perni di titanio nell'osso mi faceva senso, 'na roba mentale. Essere coscienti che il tuo corpo viene lavorato con strumenti, sentirne i suoni, le vibrazioni, il fresare, il sapore del sangue o l'odore dei tessuti etc. Una questione di crapa.
Avevano visto che iniziavo un po' a collassare si sono fermati, ho respirato bene, tolto le scarpe, il dottore ha lavorato... con la crapa iniziando a descrivere una tizia mezza ignuda che aveva visto in riviera, vestita di niente, con un filo interdentale tra i glutei e davanti larga così (prende una spatola in acciaio larga un centimetro e mezza e me la fa vedere). Una donna bellissima, oltretutto. Un po' la pausa, un po' la distrazione, dopo qualche minuto hanno potuto riprendere con l'intervento. La mente si era un po' abituata, poi un po' di dolore ma due riprese di anestesia hanno permesso che tutto si concludesse senza grandi problemi. Comunque alla fine ero bagnato di sudore.
Durante la seconda metà erano in quattro, il dentista e tre assistenti, due sulla poltrona e una a preparare, gestire, etc. . I colori verdi, cuffie, cuffiette, sonde, etc. Tutta 'sta roba per me!? Sticaatsi!
La crapa osserva la chirurgia e ne rimane impressionata.
Tempo addietro sentivo una persona che aveva avuto un intervento di  protesi della testa del femore in epidurale: era stata predisposta una cortina che impediva la vista ma il/la paziente sentiva la sega e altri strumenti all'opera. Sarebbe molto dura per me, io mi impressiono anche solo per un po' di sangue o per sentir lavorare sulla nella mandibola.
Per il momento bene, anche se sono un po' rintronato. Ghiacco, medicamenti, riposo.
Nulla, nulla rispetto a quei dolori cheancoranontrovoaggettiviadeguati.


26 commenti:

  1. UUIC, ti dispiace se ritengo la candid camera il pezzo migliore del post ?

    RispondiElimina
  2. Uomo, tanta solidarietà per il tuo intervento odontoiatrico, ma... 'sti viscidoni della candid non si possono guardare!

    RispondiElimina
  3. Prego ogni giorno di non avere problemi ai denti....

    RispondiElimina
  4. x Francesco:
    Questo e' un diario in cui scrivo anche delle "robe", note di cammino.
    Oggi sono cosi', un po' rintronato, 'sta pagina sara'un po' cazzara.

    x Wannabe Figa:
    La candid no mi sembra granche' ma non ho trovato di meglio. Troppo carica.

    x Spirito Libero:
    I medici dentisti, l'odontoiatria e la tecnologia che usano sono una delle cose positive del modernismo.
    Quando hai mal di denti sono le ... cose piu' importanti del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era per sdrammatizzare UUIC. qualcosa ai denti ho fatto anche io. devo dire che non ho mai avuto timore.

      Elimina
  5. Eh, le cure mediche, il titanio, il progresso, la microchirurgia, le tecnologie...

    Eh-eh, bello decrescere, neh?

    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che dire di questi homines occidentali che insistono nella cura, nel preservarsi con i dentini nuovi invece di accettare il decadimento fisico naturale e finalmente morire... Ma poi sarà biodegradabile la protesi in titanio?

      Quant'è vero che tra il dire e il fare, c'è sempre di mezzo "e il" ;-))

      Dai, ti trollo un po', ma si fa per scherzare! Stai sereno e curati. ;-))

      PS: e ricordati di pregare che tra vent'anni arrivi qualche immigrato che produca il reddito per far sì che ti venga pagato un assegnuzzo con la pensioncina...(a meno che non basti bipedinone per mantenerti, ma ne dubito!)

      ;-))

      Elimina
  6. x Francesco:
    Sdrammatizzare: grazie. :)
    Razionalmente neppure io ho timore.
    Anzi...
    Diciamo che pero' quando i giochi si fanno seri, i timori iniziano a giocare.

    x nottebuia:
    Tu hai una visione pauperista, rudimentale della decrescita che non e' ne' quella della decrescita ne' la mia.
    Vado agli estremi.
    Meno quantita', piu' qualita'.

    Ad esempio: il titanio e' limitato.
    Quindi se e' necessario che possa soddisfare la domanda, e' ovvio che esso dovrebbe essere recuperato e che la domanda sia in un limite finito.
    questo e' del tutto incompatibile con la crescita
    I - che propugna un ciclo lineare, aperto del titanio per aumentare ilBAU
    II - che la stessa popolazione che sostiene la domanda (e si dimentica sempre la seconda meta oscura, che produce rifiuti sempre piu' spesso non biodegradabili) aumenti esponenzialmente (le solite litanie psicotiche del =x.y% all'anno).

    Anche supposto che finanza ed economia siano gli aspetti piu'importanti (e non lo sono) il bilancio e' fallimentare. Si pensi solo al fatto che la parte rlevante del reddito ottenuto qui e' rimandato altrove come rimesse con una colossale emorragia di capitali che si aggiunge a quella per il recupero delle risorse dei quali siamo 5 o 6 volte deficitari rispetto alla disponobilit'a nazionale.
    Si pensi solo al costo in servizi, alla loro sovraccarico etc.
    Questo dell'immigrazione come fonte di ricchezza e' una stupidaggine che tanto piu' assurda tanto piu' e' diffusa.
    Non si e'mai visto che in una famiglia che si sta impverendo il raddoppio o la triplicazione dei membri porti ricchezza, membri che vengono a dormire, mangiare e poi mandano altrove il reddito che percepiscono.
    Hai quelle risorse, quel reddito, quella torta, devi aumentare le fette.
    nottebuia, dai, non scrivere delle stupidaggini.

    La mia pensione mi viene rubata dalla pletora di pensionati baby, d'oro, di platino, prepensionati, preprepensionati, pensionati giovani, falsi invalidi, diversamente validi pensionati, pensionati dell'ultimo momento e del penultimo, pensionati a sistema retributivo e altra gentaglia della quale io sono schiavo del fiscogleba in questo colossale conflitto intergenerazionale creato da folli con le vostre credenze crescitiste su base esponenziale.

    RispondiElimina
  7. L'anestesia elimina (qualche volta riduce soltanto) il dolore, ed è già una gran cosa, ma farsi mettere le mani in bocca resta comunque una schifezza. Condivido le tue impressioni e la tua interpretazione: sentirsi "fare a pezzi" resta una cosa rivoltante, dolore o non dolore. Il dolore, ovviamente, peggiorerebbe le cose. Per questo ritengo che sarebbe opportuno, anche in presenza di anestesie locali, mascherare lo stato di coscienza generale con qualche droga opportuna, tipo oppiacei. Da racconti che mi son stati riportati quando sei sotto l'influsso di opportune dosi di oppiacei percepisci tutto, ma osservi le cose come se non ti riguardassero. E no, non credo che ritrovarsi oppiacei in corpo una volta tanto nuocia in modo rilevabile alla. Solo che abbiamo un atteggiamento religioso/moralista nei confronti delle droghe che ci porta a pensare oppiacei=Satana, il che è piuttosto sciocco, perché gli oppiacei sono uno strumento medico come un altro, e come tutti gli strumenti possono giovare o nuocere a seconda di come sono impiegati.

    P.S. Dico quel che dico perché ho avuto per ben quattro volte episodi di lussazione alla spalla con sfondamento della capsula articolare. Le operazioni di riduzione vengono tentate senza anestesia né locale né generale e solo dopo svariati tentativi andati male si ricorre ai farmaci. Ti garantisco che è come essere nelle mani d'un torturatore dell'inquisizione seicentesca. Quando alla fine arrivano i farmaci che ti sollevano dallo stato di coscienza vivi la cosa come una liberazione. Se anche ti dicessero che a quelle iniezioni conseguirebbe la morte, le chiederesti a gran voce. Ovviamente ho anche subito delle estrazioni di denti in anestesia locale (due denti del giudizio), ma non c'è paragone, credimi.

    RispondiElimina
  8. Scritto di fretta, scusa per gli svarioni.

    RispondiElimina
  9. uomo, comunque nottebuia non ha tutti i torti. adesso tu l'hai voluta spostare la cosa, però tante volte nel leggerti o leggere altri tuoi "sostenitori" robe quelle che hai fatto tu non... andrebbero fatte !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma Uomo lo sa, solo che fa orecchie da mercante... ;-)
      E' un po' il gioco delle parti e lui deve dire così...

      Elimina
    2. @nottebuia hai stuzzicato e adesso...

      :-))

      Elimina
  10. x MrKeySmasher:
    Osservazione pertinente.
    Per quanto io ci sia stato un po' male, ritengo che tutto questo abbia un... qualche senso. Pensa solo al fatto di accorgersi del corpo e della sua importanza.
    Il mio principio di mancamento non era dovuto al dolore, - come avevo scritto l'anestesia ha funzionato e bene - ma a reazioni della mente.
    Tutto cio' detto, direi che anche sulla chimica anestetica ci sono projezioni moralistiche. Ricordiamo della chiesa, da sempre ostile al piacere e favorevole al dolore (che e'uno stupidata pazzesca, visto che lo strumento cognitivo principe, come osserva anche Hesse, e' il contrasto).
    Del resto abbiamo un sistema di valori che considera caccadiavolo la mariuana e ti permette di sfondarti il fegato e tutto il resto con l'alcol.

    Dolore terribile, quello che soffristi, Mister Key Smasher. Estrazioni dei denti e altri della chirurgia odontoiatrica non sono NULLA rispetto al dolore degl ascessi, la' sotto, il granuloma in mezzo all'osso.

    x Francesco:
    Spostare un caxxo.
    Se mi trovi una pagina in questo diario in cui io affermo alcunche' di aprioristicamente contrtrio nei confronti della medicina, ti offro una cena.
    La decrescita e'una riduzone quantitativa complessiva per garantire una buona quantita' di risorse pro capite e che esse siano RINNOVABILI e quindi il tutto SOSTENIBILE e questo non vi entra.
    Ci sono ampi settori della decrescita "di sinistra", cattolica e comunista che sono moralisticamente pauperisti ma quella NON e' la mia decrescita.
    Proprio perche' si vive piu' e meglio anche grazie alla medicina e' necessario essere di meno.
    Se quelli che stanno sull'autobus ci stanno piu' a lungo, e ne scendono di meno per ciascuna ora/fermata e' del tutto ovvio che e' necessario fare MENO figli.
    E' chiaro, no!?
    Perche' non accettate questa elementarmente aritmetica ovvia caratterizzazione della realta'?

    Potrei capire qualche critica la mio antimodernismo, semmai. Io non son cosi' radicale, non sono un elfo.
    Tecnologia e energia usati dalle masse per le peggiori cose non sono certo quelle per la medicina.
    Certo che se uno che vive di piu' con la bocca sana poi si mette a voler crescere, a fare altri figlio, a consumare di piu', allora la cosa diventa - come gia' e' - nefasta.

    RispondiElimina
  11. x nottebuia:
    Sebbene il problema delle migrazioni di massa sia fuori luogo in questa pagina, rimadno
    o - alle considerazioni generali di Michele Brunati e
    o - ad alcuni conti ragionevoli di Gilberto Oneto su questa credenza assurda immigrazione = ricchezza
    Mi chiedo come sia possibile credere a una roba cosi'?
    Mah.

    RispondiElimina
  12. @Uomo -- un po' OT rispetto al post --

    Credo che il problema della tua pensione sia demografico. Al momento attuale le 100 persone in età lavorativa (tutti i baby boomers) mantengono le 10 in pensione
    Tra 20-30 anni il rapporto naturale della popolazione italiana (senza apporti di immigrati) si invertirà, ossia ci saranno 10 persone in età lavorativa che dovranno mantenere i 100 invecchiati che diverranno improduttivi.

    I casi son due: o si fanno entrare gli immigrati per aumentare la popolazione in età lavorativa oppure si deve aumentare la capacità produttiva di quei 10 che lavorano, per fare in modo che riescano a produrre abbastanza per mantenere i 100 vecchi (e qui però bisogna "crescere"...che non vuol dire andare in giro coi macchinoni e stampare soldi...non mi trollare e sii ragionevole!) ;-)

    -- end OT rispetto al post --

    RispondiElimina
  13. Solo a leggere il resoconto dell'operazione sono stata male, Uomo. Lo studio dentistico è il luogo che più mi incute paura e disagio (penso di appartenere alla maggioranza in questo sentire). Ti auguro di rimetterti presto.

    p.s. La cosa che mi fa sorridere è come dalla poltrona del dentista e relative tue sensazioni, si passi a scrivere di pensioni ed immigrazione. Ma qua è una prassi: parli di A e ci si trova a M in men che non si dica : )

    RispondiElimina
  14. x nottebuia:
    Uno dei problemi della crescita esponenziale che alimenta se stesso.

    Rimando ad un lavoro molto interessante di Andrea Furcht,
    Demografia, immigrazione, delinquenza, terrorismo islamico: i
    luoghi comuni del terzomondismo
    , §1.2 La questione pensionistica, a pag. 5

    No vorrei alimentare qui ulteriormente questo fuori argomento.

    x Lisa Miller:
    Pensa che lo studio dentistito e', per me, un luogo di salvezza, di rinascimento, di benessere. Dopo che hai avuto alcuni tipi di mal di denti, non c'e'e nulla di meglio, di pou'importnate che uno studio dentistico.
    Oggi un po' gonfio ma va abbastanza bene. Grazie.

    Se le cose fossero fatte bene (a volte non c'e' tempo, a volte non c'e' voglia) uno troa una delle pagine che trattano di quell'argomento (ho una categoria recente, massmigrazionismo), pubblica la' il suo intervento.
    Qui sarebbe OT anche un rimando a quello, ma almeno la discussione proseguirebbe nei luoghi consoni.

    RispondiElimina
  15. comunque una cosa è chiaro

    sicuramente diventi più bello ! :-)

    RispondiElimina
  16. Saranno/furono molari, là in fondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miii...i denti del GIUDIZIO !!!! Penitenziagite !!!

      Elimina
  17. Il racconto (anzi i racconti, ché ho letto anche gli altri due) dei tuoi dolori dentali mi ha messo un'ansia addosso che non ti dico... eppure io non ho paura del dentista.
    Come stai? Va meglio?

    RispondiElimina
  18. Nottebuia: "Credo che il problema della tua pensione sia demografico." [ecc.]

    Faccio sommessamente rilevare che il problema è già stato risolto: noi figli del baby boom, dopo aver pagato e ripagato millemila volte per chi ha la responsabilità d'averci generato, ci ritroviamo già senza alcuna pensione. Documentarsi per credere.

    Dunque la quanto mai usurata balla colossare "più immigrazione, se no niente pensione" è ormai smascherata. L'immigrazione, fenomeno pianificato e implementato ad arte non è a nostro vantaggio e non ha nulla a che fare con la questione pensionistica.

    Vogliamo parlare di dove vanno a finire le svariate migliaia di euro che ogni anno (ad oggi per trent'anni, quindi per quarantadue, fino a costituire un più che ingente montante) dovrebbero essere state accantonate a mio beneficio? Chi se le è rubate? Chi le sta rubando ora? Quante cose ci sono state pagate e ci vengono tutt'ora pagate?

    Considerato come stanno andando le cose, una bella presa di coscienza da parte della mia generazione dovrebbe più o meno suonare così: "Bene, finora abbiamo giocato, ora ho capito. Smetto di lavorare e produrre ora, ridatemi la ricchezza che ho già generato, sotto forma di beni immediatamente fruibili". Il sistema di menzogne, raggiri e ricatti col quale mi si tiene il morso in bocca cadrebbe immediatamente, e non basterebbero gli alberi di mezz'Italia per impiccare i grassatori. Ovviamente sarebbe una rovina per tutti, non solo per la mia generazione. Ma il mito di Sansone è un gran bel mito, e di quando in quando mi fa sognare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Key, ciò che dici mi sembra sensato. Rilevavo un problema di "piramide demografica rovesciata" che rende insostenibile il sistema.
      La soluzione potrebbe essere anche quella di mantenere stabile la popolazione italiana, tanto per fare un esempio ovvio.
      (poi c'era anche una provocazione lanciata a UomoInCammino ma era, appunto, una chiara e aperta provocazione! ;-) )
      In realtà la "pensione" è un patto sociale. Se tu campi fino a 180 anni la pensione ti viene pagata anche se tu hai percepito più di quanto hai versato.
      Il punto è: studiare qualcosa che sia economicamente sostenibile e che sia anche accettato giuridicamente dai cittadini. Un patto civile tra le persone che abitano uno stato.
      Il punto è: il patto era nella Costituzione e questa sta saltando per un chiaro intento politico: tutto il resto segue, dietro le tante bugie e i tanti interessi di una crisi protratta artificialmente.

      Elimina
  19. UUIC: "No vorrei alimentare qui ulteriormente questo fuori argomento."

    Chiedo scusa, quando ho risposto a Nottebuia non avevo ancora letto questo.

    RispondiElimina
  20. x nottebuia:
    ?

    x Clorinda:
    Oggi sono cosi' cosi', i cazz di antibiotici, un poco gonfio lì, sminkiiato, avevo persino un po' di freddo, ora mi sono fatto una borsa dell'acqua calda.

    x MrKeySmasher:
    Grazie per il contributo.
    Quando le persone si rendon conto del problema in cui sono immerse fino al collo, spesso tentano di illudersi costruendosi dei presunti lati positivi.
    Mah.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.