mercoledì 4 maggio 2016

Mamma che invecchia

Sento la mamma che invecchia, la salute la lascia. La sofferenza, comunicata con una voce tremolante come le sue mani, di un corpo che perde funzioni e vigore, entra nel suo corpo, nella sua anima.
La mia impotenza si aggiunge al dolore, lo alimenta.

24 commenti:

  1. Seguo questo tuo diario da... da quanto? da un anno? forse due? Be', negli ultimi mesi ho colto una trasformazione nel tuo modo di raccontare ciò che ti circonda; ne deduco che ci sia stata una trasformazione nel tuo modo di percepire e di interpretare ciò che ti circonda. La parabola sale e poi scende. Invariabilmente. Rappresenta una funzione matematica che comporta uno e un solo risultato. Pensarci nella fase ascendente non è da tutti, scoprirlo in quella discendente, sì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perso il commento per una chiamata, uffi!
      Ritengo sia nell'ordine delle cose.
      Parlavo ieri collacmoglie di uno dei miei maestri: fino ad una certa età puoi essere un bravo ballerino ma solo dopo sarai un Tanghero: devi avere pathos, devi aver intravisto la sorella nera, anche solo da lontano ancora. Ciò avviene solo in vetta e sul versante che scende.

      Elimina
  2. Difficile vedere invecchiare i propri genitori.
    Ti capisco in pieno.

    RispondiElimina
  3. Per tanti anni o avuto un rapporto conflittuale con mia madre. ...sentivo di non essere all`altezza del suo modello e delle sue aspettative. Cibsono stati scontri epocali e anche periodi senza sentirsi. Ora che invecchia e vedo anche io i segni della stanchezza e i primi tremori. ..provo per lei affetto e tenerezza. Fa ancora tanto e la ammiro molto per le sue scelte di vita. Io ho fatto tutto il contrario. Ma penso che ora abbia imparato ad accettarmi come sono, con i miei limiti. Anche ora non mancano appunti da parte sua ma il tono é smussato. Spero negli anni che ci resteranno di aumentare l`affetto e la vicinanaza. ... ti auguro lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può vivere (bene) avendo un conflitto colle proprie radici.
      Anche solo egoisticamente è meglio voler loro bene.
      Noi comprendiamo i loro limiti, esse, i nostri.

      Elimina
  4. Mia mamma ha oltre ottanat'anni e sta meglio di me. Sarà antipatico ma c'è una cosa peggiore che vedere invecchiare i genitori, è vedere invecchiare noi stessi. Non credo ci sia niente di peggio di avere una immagine di se stessi che non corrisponde più alla realtà dei fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso sarà tua mamma a soffrire: vedere i propri figli con pocacslute fa proprio male.
      In genere è nell'ordine delle cose la decadenza dei genitori e quando ci si allontana da questo i genitori soffrono e soffrono di più.
      Accettare il proprio decadere è molto dura.
      Mercoledì misura mamma mi disse :- Oggi posso dire che la vecchiaia si è impossessata di me.

      Elimina
    2. E secondo te io racconto le mie rogne a mia madre?

      Elimina
    3. Tua madre vede, capisce.
      Esse possono sapere tutto, capire tutto.
      Anche noi figli.
      Basta un tono di voce, anche solo al telefono. Poi se c'è la frequentazione fisica (frequente) allora le persone alle quali vogliamo bene sono libri aperti.

      Elimina
  5. Conosco bene questa tua sensazione di impotenza. E' purtroppo inevitabile. L'importante è che tutto avvenga con serenità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che restiamo al decadere invece di accettarlo.
      Quando c'è proprio la disfunzione del corpo, il dolore, l'impotenza ci può essete serenità?

      Elimina
  6. Invecchiare fa parte della vita. Cerca solo di far si che sia sempre nel modo migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa inconfutabile realtà non la si comprende né subito né poi con facilità.
      Non è un ragionamento razionale, è una presa di coscienza mente ma anche anima - spirito - corpo.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Ciao, avrei tanto voluto vedere mia madre invecchiare. Mi sarebbe piaciuto accompagnarla in quella fase della vita, sorridere delle sue tenere rughe, dirle che è sempre bellissima. Mi commuovo quando leggo questi post. Perché lei mi manca. E ormai, da 19 mesi, tento di accettarne l'assenza. E' un vuoto. Doloroso e trasparente. Di quelli che non si coloreranno mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Solidea.
      Ho letto qualche pagina del tuo diario, ho visto quel lungo jato.
      Quando frequentai HBM, in molto corsi e laboratori avanzati, vidi molte persone con la sofferenza di una rottura, di sospesi acuminati e pesanti, con le proprie radici, con i propri genitori. Il lavoro era, in quei casi, SEMPRE quello di ricucire, di riavvicinare, di conoprendere prina e perdonare poi.
      Non possiamo vivere bene senza affetto per i nostri papà e mamma, questo è un lavoro benefico,utile, ecologico anche solo dal punto di vista egoistico.
      Io penso che se tu ora custodisci questo ricordo, questo struggimento che è duro nel dolore ma anche soave nell'avvicinarti a lei, rimani in contatto con lei e questo ti farà bene.
      Pensa a lei come tua compagna emotiva, ora, come angelo, nel livello spirituale. E' una presenza che custodisci. Per coloro che credono nella metafisica dopo la morte, è anche una sorta di tributo, di farle sentire che ora quanto ella fu importante, anche solo per te.
      Nel trasparente ci posssno essere tutti i colori della luce.

      Elimina
  9. Sai da te che questo è il ciclo dell' esistenza...c'è un tempo per nascere...uno per crescere-vivere, invecchiare...che chiude il ciclo di noi stessi. Rifletti: L'unica certezza che abbiamo è nella morte...allora forse ci sarà dato sapere: PERCHE' SI NASCE ?

    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scrivevo a Magnolia, questa è una realtà oggettiva inoppugnabile.
      E'la comporensione a livello di anima, della sfera emotiva, in quella psicologica che NON è affatto scontata, che richiede impegno.

      Buon sabato, caro Daoist.

      Elimina
  10. Povera mamma, con figli lontani!
    Chi la accudisce?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia sorella e mio fratello le sono piu / molto vicini.

      Elimina
  11. Rispondo via furbofono: dal lavoro riesco talvolta ad accedere a blogger ma raramente al diario. Risponderò al ritorno, in treno, e in fine settimana.
    Buongiorno a voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo / h9o la sensazione che sia un problema dovuto a strumenti aziendali nonescluso dovuto al fatto che alcuni pirla devono aver, recentemente, aperto delle mail con patogeni vari e che quindi ci sia un controllo piuttosto pesante sul traffico rete.

      Elimina
  12. Dico sempre che l'unica alternativa all'invecchiamento è il morire da giovani.
    Forse ciò che potrebbe rendere meno angoscioso l'approssimarsi degli eventi è la consapevolezza di aver speso bene la propria esistenza e di sentirsi sazi della vita, come i vecchi - forse - di un tempo.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.