martedì 2 maggio 2017

Naturamare - 5

(Naturamare - 4)

Amo la costa alta e selvaggia. Amo i piccoli borghi antichi, appollaiati su di essa. Così Porto Ercole rimane uno dei posti prediletti, anche per la spiccata influenza, nelle architetture,  degli stilemi spagnoli della seconda metà del Cinquecento, influenze dovute allo Stato dei Presidi. Rocca e piccolo borgo fortificato furono messi a ferro e fuoco, distrutta da una flotta corsara, nel giugno del 1544, gli abitanti (eccetto i 200 che furono deportati come schiavi) uccisi, flotta condotta dal turco Barbaros Hayreddin, italianizzato in Barbarossa. Mamma li turchi! (già, passati cinquecento anni ci siamo dimenticati tutto e tutto tornerà a ripetersi).
Ecco qualche foto della seconda giornata, in giro e in cammino tra cale dell'Argentario volto a mezzogiorno e della visita al borgo antico e alla sua rocca.

L'Isolotto (Elefante) sul fondo nella prima discesa, alla cala dell''Acquadolce.



Interno della Rocca.
Bastioni meridionali e vista sulla Feniglia.

Capperi che faro!

La parte recente di Porto Ercole, dall'angolo orientale dei bastioni.

Fico e valeriana maggiore a cornice di una balaustra: così poveri, spontanei.
Su questa terrazza, una volta, vidi una splendida festa. Dolce vita in grande bellezza.

Seconda della giornata, cala della Piletta.
Anche in questa seconda giornata uno del gruppo ha fatto il bagno.
Non ha resistito ad azzurri, blu, turchesi, zaffiri.

20 commenti:

  1. Finalmente...oggi fai respirare il blog con questo post ecologico...e credimi, di 'sti tempi intossicati dalla politica,politicanti e politichese, se ne sente il bisogno UUIC

    va bè, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daoist
      Io ritengo che la politica sia una cosa importante: quali decisioni prendere per assicurare le migliori prospettive per la comunità della quale si fa parte e per l'ambiente del quale essa è ospite.

      Elimina
  2. Concordo con commento number one.
    Trekking?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una giornata un poco più leggera, rispetto alla precedente, con più
      camminate frammezzate da alcuni trasferimenti in auto.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Questa uscita sarebbe stata prevista in Levante, al parco delle Cinque Terre, altro posto di costa (più) alta e di borghetti gioiello abbarbicati su di essa.
      Purtroppo il punto di appoggio, nell'entroterra - una bazza, come si dice qui! - non è stato disponibile.
      Diciamo che conosco poco le possibilità di alloggio in quei luoghi, purtroppo. A questo giro c'era una partecipante che non aveva ampi margini di spesa: questo significa che ho dovuto scartare altre possibilità di alloggio nelle Cinque Terre che, notoriamente, hanno prezzi piuttosto elevati.

      Elimina
  4. uomo, ma quei posti lì non sono un pò troppo da sinistra radical chic? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il luogo per eccellenza dei kompagni milionari al caviale (Chicco Testa, D'Alema, Napolitano, etc.) è Capalbio, qualche chilometro più a sud.
      Direi che il problema non è dei luoghi ma di quella castalia di furbastri ipocriti (la famosa terza categoria lorenziana).

      Elimina
    2. e ma pure lì non si scherza. una casa lì al mq quota come a san babila. uomo radical chic anche tu insomma :-)

      Elimina
  5. off topic.....

    https://www.facebook.com/AmacaMicheleSerraRepubblica/photos/a.397341043732451.1073741828.388541611279061/1037063243093558/?type=3&theater

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco ma lo sa che tale Michele Serra viene pagato per scrivere il suo pezzo che deve dire una certa cosa in un certo modo e essere inserito come un riquadro a completare un certo prodotto?

      Michele Serra è uno che per mestiere storpia la gente, come tanti prima di lui e tanti dopo.

      La gente che, complice tutta una vita di lavaggio del cervello, non si rende conto che Parigi non è Francia perché a Parigi non ci abitano i Francesi, cosi come a Milano non abitano i Milanesi.

      Te sei il primo che festeggia il mega palazzo di acciaio e vetro di proprietà degli emiri arabi e/o delle banche dove non si sa chi ci vive perché ti sembra sia "bello" che il segno di una tua idea di "modernità" globale.

      Non ti domandi se quelli che costruiscono il mega palazzone, quelli che lo possiedono e/o quelli che ci abitano si sentono milanesi o sanno qualcosa di Milano. Oppure, se gli importi qualcosa del Giambellino o anche se pensino di riunirsi in assemblea con gli altri Milanesi per votare oppure se pensino semplicemente di assumere qualcuno che gli pulisca il giardino.

      A proposito delle stragi, mi viene male perché lo devo dire, quando sarebbe tutto scontato. Il bimbo "migrante" te lo ripropongono ovunque, il bimbo sciacciato dal camion invece non l'hai mai visto, è stato rimosso come se non fosse mai esistito.

      La contrapposizione non è tra citta e campagna, che per altro Michele Serra nella sua grandezza di mezzemaniche attribuisce alla modernità quando risale ai tempi di Ur in Babilonia. La contrapposizione è tra i "cittadini del mondo" che abitano a Parigi come abitano a Buenos Aires o Sidney, che non hanno nessun legame con il luogo in cui vivono e la cultura locale e la "vandea" odierna, ovvero quelli che nella "rivoluzione" non ci vedono il magnifico progresso quanto il proprio annientamento, fine, scomparsa.

      Ci si dovrebbe infine domandare chi agogna, favorisce, festeggia la propria fine.

      Elimina
    2. resta il fatto che anche in Italia i cinquestelle i voti li prendono più in Sicilia che a Milano, o la lega più a Sondrio che a Milano. conosci la mia teoria: la provincia è una merda. e comunque anche al giambellino quelli sopra di voti ne prendono pochi

      Elimina
    3. Allora...
      Le civiltà urbane fino dalla notte dei tempi si strutturano in una campagna coi suoi centri minori che alimenta una metropoli dove vivono gli artigiani, i sacerdoti e i guerrieri, ovvero le caste "superiori".

      Ma il Mondo Nuovo che vende Michele Serra per conto dei suoi referenti vede una aristocrazia APOLIDE, che è ovunque e in nessun luogo, con la sua corte di nani e ballerine che sta operando una trasformazione su scala planetaria per creare una popolazione uniforme ed asservita. Asservita perché uniforme, indifferenziata, senza passato e senza futuro.

      Il "contado" non è la "periferia" italiana, è tutto il mondo, ovunque. La "città" non è un luogo fisico, è lo stato mentale di chi vive come cortigiano delle sopracitate elite apolidi.

      Chiudo facendoti presente che "cinquestelle" e "lega" sono due cose completamente diverse e per molti versi antitetiche. Possono essere accomunate solo da uno che vede il mondo attraverso le lenti solite lenti deformanti cattocomuniste, da cui il mondo si definisce per contrapposizione, o sei "noi" o sei "loro", dove "loro" sono i "fascisti" o "le destre". E nessuno va a vedere cosa significano quelle parole.

      Elimina
    4. Ma non vedi che fanno a gara per rincorrersi su posizioni politiche tipo quelle sulla migrazione? Dai che sei troppo intelligente per non vederlo! Ma ora siamo troppo ot e uuic si incazza!

      Elimina
    5. Ah perché andare in montagna e incontrare dei neri e chiedersi cosa ci fanno li sarebbe una "posizione politica"? La immigrazione esiste proprio perché i tuoi amici ce l'hanno buttata addosso il più velocemente possibile perché diventasse il famoso "dato di fatto". Come "dato di fatto" è li da vedere e non si può eludere.

      Adesso la faccenda si sposta sul fatto di accogliere gli immigrati africani come se fossero un evento lieto, un colpo di fortuna, una benedizione, oppure come se fossero un problema. Nel primo caso non cerchi una soluzione, anzi, tanto peggio tanto meglio. Nel secondo caso cerchi una soluzione, giusta o sbagliata che sia.

      Ergo, che due "movimenti politici" propongano una soluzione, indipendentemente se sia giusta o sbagliata, fattibile o non fattibile, è SOLO OVVIO, meccanicamente insito nelle premesse.

      E' anche una tautologia dire che questi "movimenti" non propongano le stesse cose che propone il PD. Perché esistono proprio perché e solo perché propongono qualcosa di diverso, non necessariamente meglio o peggio.

      Non siamo affatto OT, perché le foto che io pubblico sul mio blog per me rappresentano la MIA terra, roba mia. Per te invece rappresentano un luogo qualsiasi del mondo dove tu liberamente vai e vieni. Con tutte le conseguenze, per esempio come dicevo che non percepisci nessuna "violazione" se a Milano degli emiri costruiscono gli stessi palazzi assurdi che fanno a casa loro.

      Elimina
    6. Quando lessi Gli sdraiati mi accorsi di come l'autore fosse una persona con un sacco di problemi. Ora leggo l'Amaca di mercoledì 26 aprile e ho una seconda conferma.

      Elimina
    7. Non so come definirli: si atteggiano a intellettuali e scrivono ciò che permette a loro di portare a casa uno stipendio più alto possibile.
      Sono molte queste persone di plastica, essere involuti e adatti ai conformismi dell'artificiale cittadino, ragionano per slogan e luoghi comuni, fra qualche anno girerà il vento e saranno apologeti del contrario di ciò che affermano con forza oggi.
      Diciamo che Macron, in Francia, è un altro campione di fasullità perbenista.
      Un'altro plasticato che è talmente finto da risultare patetico, è Parenzo, che ascolto spesso a La Zanzara.

      Sono ... a me fanno quasi pena perché osservo una perdita di dignità, un po' per il furore ideologico che li fa apparire come rimbecilliti, un po' perché vendere il proprio pensiero per scrivere del ciarpame è la massima aberrazione per una persona che dovrebbe essere "intellettuale".

      Francesco. tu sai che io considero l'urbanismo e l'inurbamento di masse sempre più estese un problema esistenziale, un dispositivo macrosociologico che porta a gravi regressioni nelle capacità di discernimento e intellettive, ad oscurantismi ributtanti, mode e idiozie di massa che io sottolineo in queste pagine, di volta in volta.

      Quella della catechesi della benedizione dei "doni, ricchezze, opportunità" è una delle stupidaggini che vengono ripetute da mane a sera.
      Anche tu vivi nel tuo mondo dorato e isolato dalla rimescolamento il mescolone esplosivo che si sta creando. Come scrissi in passato, la "fantastica" polveriera multietnica, arriverà anche nei posti di svampiti. In Siria, le elite, non è che poi riescano a cavarsela così bene.
      Ad un certo punto la società a scoppio sfugge di mano e le castalie di plastica scoppiano con essa, col disastro che pensavano di poter sfruttare.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.