venerdì 26 settembre 2014

Accoglienza imposta - 2


Sebbene mitigato dall'essere virtuale, questa discussione ha assunto toni molto accesi.
Questo, involontariamente, è un piccolo modello delle tensioni e del degrado (dipende, forse mi chiedo se non abbia ragione Fra nel suo W la guerra!) nella qualità dei rapporti a cui vanno incontro i gruppi sociali quando sono sollecitati in maniera via via progressiva (v. esperimento processo reale recente su grande scala).

Le tensioni più efficaci nel destabilizzare i sistemi sociali sono:
(parte rilevante dell'ultimo lavoro di Jorgen Randers analizza questi due fattori di crisi)
Nell'assalto alla scialuppa (la metafora è molto efficace e vi suggerisco di tenerla a mente) abbiamo l'equipaggio che sta iniziando a scontrarsi via via più energicamente sul da fare. In qualche modo è l'inizio di un comportamento noto.
Siamo già dentro l'esperimento, sia pur nella mitigazione del livello concettuale, del virtuale, di qualche margine di sicurezza residuale.

39 commenti:

  1. la discussione ha assunto toni accesi perchè nel post precedente sono state dette un mare di cazzate, e non solo da te. visto che ti piace il politicamente scorretto io mi arrogo il diritto di essere cintura nera di politicamente scorretto e quindi lo dico. non c'entra nulla neanche il fastidio verso queste persone diverse. è OVVIO che se un rom mi ruba in casa a me dà MOLTO fastidio. è ovvio che se il vicino di autobus puzza ed è marocchino mi dà MOLTO fastidio.

    ma sai qual'è il punto ? è che mi dà fastidio quando è un italiano a puzzare accanto a me. oppure quando a rubare è l'evasore fiscale di Treviso veneto da otto generazioni. mi dà fastidio TUTTO CIO' CHE LEDE LA MIA SFERA PERSONALE.

    però so anche che ci sono fenomeni che non si possono controllare, neanche col napalm. te l'ho già consigliato una volta, guardati "i figli degli uomini" con Clive Owen. un film bellissimo dove in una (forse neanche tanto) ipotetica società futura le migrazioni si fermano con i carri armati.

    anzi, non si fermano proprio.

    io non sono cattolico, non amo i monoteismi, non ho sentimenti di pietas particolari, ma ho LA RAZIONALITA' che è alla base del pensiero occidentale. e al calo di risorse del pianeta contribuiscono dei bolognesi come te. molto di più di quei disperati che affogano a centinaia nel canale di sicilia.

    comunque stasera hai la milonga, ma se per caso c'è qualche extracomunitaria che sillaba usi per identificarla ?

    RispondiElimina
  2. Visto che pubblichi una cartina e qualche dato, una domanda:

    La popolazione cresce di più dove c'è maggiore ricchezza e benessere o dove ci sono più disuguaglianze, sottosviluppo e malessere?

    (la domanda è valida sia guardando la mappa mondiale, sia guardando all'interno degli stessi paesi ricchi occidentali. Tra l'altro, dai dati di index mundi non emerge correlazione con aggressività e fondamentalismi religiosi, come peraltro si vede molto bene dalla cartina stessa che hai pubblicato)

    RispondiElimina
  3. Acciderbolina! Ho letto sia questo che il post precedente e notato il vespaio che ne è sorto. Se fossi in tv, Uomo, avresti un audience del 110 per cento ! Nemmeno la puntata in cui Santoro ebbe come ospite il Berlusca ti batterebbe ;D

    RispondiElimina
  4. By the way, divertiti con gli scenari per l'Europa

    Poi fatti qualche domanda e datti qualche risposta sul perchè e sul per come vengono perseguite certe politiche

    ;-)

    RispondiElimina
  5. x Francesco:
    > ci sono fenomeni che non si possono controllare, neanche col napalm

    Questa è una delle molte credenze.
    Ci sono paesi in cui c'è un controllo ferreo sulla migrazione e delle più disparate culture, orientamenti politici, sistemi economici, credi religiosi, continenti.
    Australia, Corea del Nord, Qatar, Cuba, Israele, etc.
    Il controllo è molto articolato: impedire ingressi non autorizzati, rimpatri sistematici, schedature del DNA e di altre biomisure, sul controllo demografico (ad esempio se i lavoratori ospiti fanno figli vengono rimpatriati immediatamente ), sul fatto di far scontare le pene nei paesi d'origine, misure severe (ed efficaci) come la pena capitale, misure drastiche sul lavoro in nero, obblighi di comunicazione ai ministeri competenti di varie informazioni relative al rapporto di lavoro del lavoratore ospite (periodi di ferie, assenze, cambio di mansione, etc.), etc.

    La diversità da opportunità (quindi scelta, nella disponibilità di risorse, etc.) diventa un fattore di crisi quando imposta.
    I condomini sono un esempio paradigmatico di cosa succede nella convivenza e come essa diventa aumentando e il numero delle persone e diminuendo gli spazi.
    L'etologia osserva un degrado netto dei comportamenti sociali all'aumentare delle dimensioni del gruppo e al diminuire degli spazi.

    Questa è la realtà e la scienza che non volete osservare.

    La metafora dei carri armati è la realtà in Siria, quella dei machete in Ruanda.
    In Palestina cosa succede? Quali sono gli esiti dell'immigrazione di massa per gli indigeni?
    Perché non ricordi questi carri armati qui e ora e perdi tempo con quelli cinematografici?

    x nottebuia:
    Ti avevo già risposto, forse non hai letto.
    Qui.
    Gli scenari che citi sono già stati smentiti dalla realtà.
    In Italia la popolazione è aumentata dell'1.8% solo nel 2013 un anno in cui l'afflusso dei migranti era decisamente ridotto rispetto a quello di quest'anno.
    Ma il dato numerico, pur nella sua sconcertante gravità, è poco rispetto alla qualità dei cambiamenti e alla instabilità strutturale che essi comportano (ho collegato qualche spunto in questa pagina).

    x Lisa Miller:
    In sistemi così complessi in crisi è estremamente probabile di entrare in uno stato di panico, uno stato in cui pensieri e azioni sono ancora più irrazionali e assurdi di quanto non siano già normalmente.
    Ho scritto che in questo piccolo condominio o equipaggio virtuale, le reazioni sono estremamente forti e molto emotive.
    Prendere atto dell'esistenza di un problema è spesso drammatico. Alcuni problemi non furono risoliti proprio per resistenze psicologiche, morali.
    Jared Diamond ha analizzato questo fattore che egli indica come anacronismi culturali (religiosi, etc.) e lo considera uno dei cinque fattori di crisi grave in tutte le culture che sono collassate.
    Possiamo osservare anche qui le resistenze terribili a prendere atto dell'esistenza di un problema.
    Nella soluzione dei problemi questo è il primo passo (ma non solo, anche in molti meditazioni buddiste e in varie tecniche mentali, ad esempio, la presa di coscienza, l'osservazione attenta della realtà e di un suo aspetto problematico è il primo passo e considerato fondamentale).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UUIC, visto che hai citato le realtà condominiali come esempio nel tuo discorso, mi permetto di segnalarti un "romanzetto" che lessi tanto, tanto tempo fa: Condominium. Ho scritto "romanzetto" tra virgolette, perché non è un caso se la fantascienza (qui sarebbe più appropriato fantasociologia) viene definita anche letteratura speculativa. Le vicende descritte sono poco sopra il livello delle telenovela, ma se uno guarda lo scenario sullo sfondo, che è il vero centro d'attenzione per lo scrittore serio di fantascienza, ecco che emerge lo spessore. Del resto, m'è capitato di leggere un paio di libri di Baumann, e non è che sia poi tanto più o meno speculativo di Ballard, solo che il primo ostenta l'erudizione e ne fa il suo articolo da esposizione, il secondo maschera l'erudizione sotto una spessa patina di intrattenimento.

      Elimina
  6. io passo UUIC. non ha senso andare avanti

    RispondiElimina
  7. Fondamentalmente hai ragione, Francesco.
    Non so se citare il pessimismo (il realismo) di Sartre sulla incomunicabilità, sulla solitudine per isolamento da incondivisibilità dei vissuti personali o il fallimento dell'uso della razione come strumento per superare quello che è uno dei capisaldi della teoria della comunicazione che è... come è impossibile non comunicare è anche impossibile comunicare profondamente.

    Molto brevemente: quasi tutti non ci discostiamo da poco dal nostro sistema di valori e credenze e se lo facciamo per pressione esterna succede raramente e per lassi di tempo brevi.
    La famosa punta del ghiaccione, appunto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fallimento dell'uso della ragione come strumento...

      Elimina
    2. OT - Man, perdonami, però tu stesso dovresti regolare il flusso di interventi in risposte coincise e pregnanti, pena la leggibilità complessiva. (Questo se vogliamo scambiare idee, altrimenti stappiamo tutti una birra e ne viene fuori una zuffa da talk show in TV) Thnx :-)

      Elimina
  8. Nottebuia, non ho capito a cosa ti riferisci.

    Per la leggibilità cerco di usare i collegamenti per i rimandi.
    Cerco di mantenere un ordinamento temporale rispondendo sempre in fondo.
    Questo modello di diario però consente anche risposte per commento e a volte mi è scappata qualche risposta "in mezzo".
    Preferiresti che riportassi di nuovo parti o risposte quando esse sono sfuggite?
    Indicazioni?

    Giustamente bisognerebbe sempre tendere alla massima sinteticità, alla concisione.
    L'argomento, peraltro, attraversa moltissimi aspetti e muove un sacco di emotività.

    RispondiElimina
  9. Mi riferisco al fatto che, per chi non è sul pezzo, è difficile rileggere e capire velocemente i contributi di tutti.

    Come "padrone di casa" dovresti provare a tenere ordine nei flussi, incentivando un po' di sintesi.

    Tanto è ovvio che nessuno cambia idea, no? ;-))

    Tanto vale favorire la leggibilità e poter capire chi dice cosa in maniera rapida e valorizzare tutti i contributi (internet era nato così, poi i grandi numeri...)

    RispondiElimina
  10. Come dicevo altrove, per me è impossibile partecipare a questo blog. Non solo perché non condivido l'uso e abuso di retorica e metafisica ma anche perché retorica e metafisica vengono serviti in formato "bombardamento a tappeto", migliaia di righe quando per scrivere la stessa cosa ne basterebbero probabilmente una decina.

    Però secondo me UomoCoso sulla metafisica non ci sente e a quanto pare a nessuno sembra strano che i commenti (un po' di tutti) siano cosi prolissi.

    Quindi, come ho già scritto, peccato. Questa è la minestra che serve la locanda.


    RispondiElimina
  11. Uomo, almeno viviamo tempi interessanti ed in un tempo molto breve che non so quantificare o forse non voglio molti individui cambieranno il verso delle loro preoccupazioni ed istinti...Per la serie " a fa i froc col cul.....degli altri ..."

    RispondiElimina
  12. x Lorenzo:
    In questa pagina stringata i commenti sono più stringati di quella precedente.
    In quanto alla metafisica (non so cosa c'entri col problema della violenza migratoria di massa o sul come rapportarsi ad essa che son cose molto pratiche e quotidiane) non è che è la fisica degli altri che disturba che sia metafisica?
    Esistono molti paesi che adottano misure che qui non si possono neppure nominare, fisica che qui viene considerata metafisica da bandire.

    L'invito ad una maggiore concisione è importante e lo faccio mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Primo, questo è il tuo blog e non voglio forzare un cambiamento in un senso o nell'altro. Idem per i frequentatori che possono scrivere cosa gli pare come gli pare.

      Ho fatto l'ennesimo inutile sforzo maieutico per fare in modo che forse qualcuno si accorga che cosi com'è non va bene.

      Riguardo la metafisica, ne abbiamo già parlato, per me una qualsiasi discussione che si fonda su postulati, dogmi di fede, concetti primitivi, è finita prima di cominciare perché ci sono due sole alternative, rifiutare le premesse oppure accettare le premesse e tutto quello che ne deriva. Inoltre, anche non partendo da dogmi di fede, quando in una discussione si enunciano concetti su scala galattica si ottiene la metafisica a posteriori dato che qualsiasi affermazione sopra un certo livello diventa non falsificabile.

      Riguardo la retorica, ti reputo abbastanza sveglio da capire da dove arriva e perché. A questo punto o qualcuno la demolisce e ottiene l'effetto di allontanare dal blog i retori, oppure la alimenta. Questione di scelte.

      Elimina
  13. Due post che inevitabilmente sponano la dialettica delle parti...comunque mi sto chiedendo se hai avuto modo di seguire-leggere alcuni scritti di Zgmunt Bauman che trattano problematiche della società in cammmino verso il 3° millennio; ad esempio sull' Identità, sull'Appartenenza ecc. e che secondo Bauman siamo di fronte a processi sociali, individuali, emotivi, strutturali, economici ecc. Cito alcuni testi: La Società Liquida, Vita Liquida, Modernità Liquida, L'Arte della Vita ecc.
    Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero in proposito, e complimenti per gli ultimi post.

    Buona giornata A-Men.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PIù probabile il contrario : i temi civili ed individuali seguono, devono seguire le condizioni ecologiche ed in ultima analisi, anzi prima, termodinamiche; se circa 140 anni fa qualcuno ( F.W:N.) scrisse Dio è morto, cioè si è sollevato il velo sull'inganno e sulla pochezza del cappio teologico sulla morale dell'individuo, oggi con Lovelock ,Dawkins la stessa equivocatissima Carson è morto l'individuo non perchè soffocato dalla società soffocante ma perchè proprio i diritti dell'individuo hanno creato una società insestente, fatta dalla sommatoria di 7 miliardi di cittadini, che ha saccjeggiato la Natura e compromesso il futuro nostro e dei nostri compagni di viaggio animali: morte all'individuo, finalmente può nascere in alternativa al nulla un amorale di comunità o come si diceva su Vulcano ( Star Trek) l'interesse dei molti, ( e quindi quello delle geenrazioni future) è prevalente sull'interesse dei pochi ( e quindi della generazione presente)..Te capì ?

      Elimina
    2. Le generazioni future non esistono (ancora), quelle presenti sono persone in carne ed ossa. Che le persone in carne ed ossa considerino con molta attenzione quanto sia o non sia opportuno imporre l'esistenza alle ipotetiche e non ancora reali "generazioni future" -- dalle scelte delle persone in carne ed ossa dipenderà il destino delle "generazioni future" fatte a loro volta carne ed ossa solo in conseguenza di scelte altrui.

      Mi si perdoni l'involuzione, ma la nostra lingua, strumento frutto d'una cultura particolare, non è strutturata per esprimere concetti di questo genere. Le perifrasi uccidono la chiarezza.

      Elimina
  14. x Fra:
    Certamente ciò che inizia ad accadere è molto interessante.
    Diciamo che mi piacerebbe avere un luogo autonomo e isolato da cui osservare il processo e dal quale ricordare quotidianamente alle masse impanicate tutto quanto ecologisti e scienziati dicono da tempo cose per le quali essi sono insultati, dileggiati e linciati da sempre.
    Sarebbe un godimento straordinario per me.

    RispondiElimina
  15. Dico come la penso, in stile laconico.

    Tutti i fenomeni che la gente ritiene conseguenza di leggi fisiche, mutamenti naturali, cambiamenti, evoluzione, PROGRESSO, in realtà sono conseguenza di progetti di ingegneria sociale su scala mondiale, studiati a tavolino ed eseguiti da una elite occulta sovranazionale.

    A questo punto mi si dirà che la mia affermazione è su scala galattica quindi rientra nella categoria delle affermazioni non falsificabili. Cosa volete che vi dica, io ho fatto lo sforzo di verificare la probabilità che la situazione corrente, nei suoi componenti principali, si possa essere determinata per "cause naturali". La probabilità è pressoché zero, come pensare che un muro si sia prodotto come risultato della caduta accidentale di pietre una sopra l'altra.

    Se vogliamo abbassare il tiro e considerare solo l'Italia, la mia opinione è banale, l'Italia è subordinata non solo alla elite occulta di cui sopra ma anche a "n" elite palesi, basti pensare che fino dalla fondazione della Repubblica i due partiti politici egemoni andavano a prendere ordini col cappello in mano da leader stranieri. Tutta la favoletta dei "migranti" altro non è che la riprogrammazione delle coscienze tramite i soliti strumenti di controllo delle masse la quale è funzione del progetto di annientamento etnico e culturale dell'Italia e più in grande dell'Europa. Il "cui prodest" lo lascio a voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiunta: il famoso "diritto internazionale" è un'altra balla. Il "diritto" esiste solo quando esiste qualcuno con gli strumenti e la volontà di applicare la SUA legge. Il "diritto internazionale" è la legge della potenza egemone in un dato periodo storico. Nel nostro caso poi la "legge" diventa strumento del piano di ingegneria sociale di cui sopra.

      Come capita in Italia dove la magistratura indaga solo certi reati e certe persone e ignora altri reati e altre persone, allo stesso tempo il "diritto internazionale" spinge le cose in una direzione o un'altra. Lo stesso personaggio che in un altro contesto sarebbe acclamato come eroe della patria col monumento in piazza può diventare il nemico pubblico. O viceversa. Un certo fenomeno che in un altro contesto sarebbe trattato come l'annuncio della fine del mondo, viene invece festeggiato come una benedizione. O viceversa.

      Elimina
    2. Soluzioni? Ovviamente nessuna a livello tattico. A livello strategico bisogna che ogni singola crapa collegata a Matrix venga scollegata. Di tutta la gente che conosco nella "vita reale" ce ne saranno forse due o tre. Tutti gli altri sono dentro il loro bozzolo.

      Elimina
    3. Che roba! A volte scrivi cose che mi fanno reclinare mestamente il capo, altre (come in questo caso) te ne vieni fuori con commenti che avrei potuto benissimo scrivere io. Davvero, questa cosa è strana.

      Elimina
    4. Sarebbe meglio se invece di reclinare il capo o qualsiasi altra cosa si entrasse nel merito delle affermazioni motivando il dissenso o chiedendo lumi.

      Se vai su Wikipedia c'è una pagina sulle famose "teorie del complotto". La morale della pagina è che sia tutta una montagna di scemenze, dalla morte di Elvis alla Area 51 passando per i Savi di Sion. D'altra parte è tautologico che se esiste un complotto è quasi impossibile provarlo a meno della delazione di uno dei leader della congiura, oppure a cose fatte.

      Abbiamo saputo che la Juventus manipolava le partite di calcio per decenni eppure erano solo "chiacchiere da bar" finché un tribunale ha emesso una sentenza penale. E nonostante i tribunali, non sapremo comunque mai cosa è veramente successo nelle segrete stanze.

      Elimina
  16. Perso il commento. Uff.

    x Daoist:
    Di Bauman lessi:
    o - Vita Liquida
    o - Modus Vivendi
    o - Capitalismo parassitario
    Critica feroce alle assurdita' della coppia consumismo sociale - capitalismo parassitario dal punto di vista sociologico e altri: spiega perche' gli ufficiali del natante spingono il resto dell'equipaggio a distruggere il natante (pattern ricorsivo : ci sono i sotto ufficiali, i capimozzo etc, attraverso i vari livelli di gerarchia).
    Cosa ne penso: molteplicita' di caratteristiche della specie che aumenta esasperandoli le dinamiche dei predatori. Solo che alcuni della specie se ne sono accorti.

    x Fra:
    Autodivinazione della specie: la sua parte ideologicamente egemone che ha creato un dio a immagine e somiglianza di homo e l'ha resa credenza che sostiene, dal punto di vista ideologico, l'ecocidio. Genealogia della Morale di Nietzsche rimane un caposaldo scientifico nell'illustrare il processo.
    Le evidenze scientifiche e delle conoscenze soccombono a questa morale.
    La rottura del patto generazionale del lasciare ai figli un podere migliore (metafora di Randers e altri del Club di Roma) e' diventato il modus vivendi (suicida).
    Diciamo che i monoteismi sono i mandanti ideologici dell'ecocidio e quindi, anche di cio' che sta lentamente iniziando a succedere alla specie.
    La complessiva incogruenza di quel sistema di pensiero e azione verra' quindi terminato.
    Mi sento molto vicino alla tua posizione sulla critica all'antropocentrismo; infatti, non cosi'provocatoriamente, mi diverto a definirmi neopagano.

    RispondiElimina
  17. x MrKeySmasher:
    Ancora disponibile per i tipi della Feltrinelli.
    Leggo:
    “Un elegante condominio in una zona residenziale, costruito secondo le più avanzate tecnologie, è in grado di garantire l'isolamento ai suoi residenti ma si dimostrerà incapace di difenderli. Il grattacielo londinese di vetro e cemento, alto quaranta piani e dotato di mille appartamenti, è il teatro della generale ricaduta nella barbarie di un'intera classe sociale emergente. Viene a mancare l'elettricità ed è la fine della civiltà, la metamorfosi da paradiso a inferno, la nascita di clan rivali, il via libera a massacri e violenza. Il condominio, con i piani inferiori destinati alle classi inferiori, e dove via via che si sale in altezza si sale di gerarchia sociale, si trasforma in una prigione per i condomini che, costretti a lottare per sopravvivere, danno libero sfogo a un'incontenibile e primordiale ferocia. "Era trascorso qualche tempo e, seduto sul balcone a mangiare il cane, il dottor Robert Laing rifletteva sui singolari avvenimenti verificatisi in quell'immenso condominio, nei tre mesi precedenti. Ora che tutto era tornato alla normalità, si rendeva conto con sorpresa che non c'era stato un inizio evidente, un momento al di là del quale le loro vite erano entrate in una dimensione chiaramente più sinistra. Con i suoi quaranta piani e le migliaia di appartamenti, il supermarket e le piscine, la banca e la scuola materna - ora in stato di abbandono, per la verità - il grattacielo poteva offrire occasioni di scontro e violenza in abbondanza."
    Devo assolutamente leggerlo, appena finito Che male c'e' di Gaia Baracetti.
    Cio' che avevo previsto di Pessoa, Kundera ed Hesse scalera' indietro di una posizione.
    Grazie per la segnalazione.

    x Lorenzo:
    Apprezzo suggerimenti e critiche. Compreso l'invito alla concisione.
    La mia metafisica si basa sull'ecologia e sulla matematica, sulla biologia.
    O – homo non puo' vivere se non in un BIOtopo che produce risorse e ricicla rifiuti
    o – la funzione esponenziale non e' ammessa in sistemi chiusi se non per lassi di tempo brevissimi e per cio', in quasi tutti i sistemi (solo alcuni fenomeni della fisica nucleare) di fatto non esistono
    o – i comportamenti di homo sono sostanzialmente biologici ma sono peggiorati fino all'esasperazione dalla cultura

    L'espansionismo cinese ad origine numerica indica allora che la tua teoria di un processo pianificato di annientamento europeo allora non e'.. completa: esistono altri processi di annientamento.
    Stessi organizzatori?

    Non ci sono soluzioni tattiche. I paesi che contrastano con efficacia le migrazioni di massa, allora, sono paesi di uraniani o di saturniani?

    Ritengo che l'antietica della irresponsabilita' sia generale della cultura italiana: la magistratura e' animata da italiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. [esclamazione che si riferisce all'organo genitale femminlie]!!

      Prima di scrivere, leggere, capire, magari riflettere.

      Io ho scritto due cose:
      1. quello che la gente da per scontato come "naturale" in realtà è progettato a tavolino. Questo si riferisce ai fenomeni contemporanei genericamente definiti "globalizzazione" e corollari come lo spostamento di masse di persone, guerre periferiche, fenomeni finanziari ed economici, eccetera.

      2. nello specifico dell'Italia e dell'Europa il problema demografico ha due facce, crescita prossima allo zero o negativa degli autoctoni, immigrazione massiccia da certe aree della Terra. Questo ovviamente rientra nel disegno generale di cui sopra ma lo scopo specifico e a breve scadenza è diluire gli Europei etnicamente e culturalmente. Prego notare che ho scritto etnicamente (questo è il dato meramente demografico) e culturalmente (questo si ottiene tramite il dato demografico e tramite opportuno uso degli strumenti di controllo delle masse). Infatti se le due cose non fossero portate avanti in sincronia, gli Europei si potrebbero magari accorgere che il cavallo di legno fuori la porta non è decorativo.

      Adesso poi veniamo alla confusione mentale: i Paesi che "contrastano con efficacia" in realtà non contrastano una fava. Non possono contrastare il meccanismo se non ponendosi esplicitamente CONTRO i poteri egemoni di questa epoca. Ammesso e non concesso che i governi siano consapevoli della realtà delle cose, ammesso e non concesso che non siano asserviti ai poteri palesi e occulti che stanno attuando il disegno di ingegneria sociale, appena si mettessero di traverso finirebbero come Berlino nel '44.

      Veniamo alla tua "metafisica".
      Esempio, fisica: in Cina ci sono X milioni di persone.
      Esempio, metafisica: dato che al mondo ci sono troppe persone, moriremo tutti e poi il mondo sarà più bello.

      La seconda affermazione postula che il valore K siano "troppo", postula che "moriremo tutti" e non dice ne quando ne come, postula che l'evento catastrofico sia condizione necessaria e sufficiente alla realizzazione di un "eden" connotato positivamente.

      Elimina
    2. A proposito di visioni apocalittiche, sono abbastanza vecchio da avere letto le storie degli anni '70. Nessuna delle previsioni catastrofiche si è poi avverata. Il delirio sui condomini è presente decine di film di fantascienza, cosi come gli scenari catastrofici e post-atomici ma ad oggi non si è verificato ne la profezia maya ne the day after.

      Qualcuno ha detto che ripetendo una certa affermazione, essa diventa vera. Diventa vera solo per certi, non per tutti.

      Elimina
    3. Mmm... pensa che io invece tante di quelle estrapolazioni le vedo incarnate nella realtà attuale, ovviamente fatta la tara di tutte le iperboli che per forza di cose caratterizzano la narrativa in quanto genere di intrattenimento.

      Un esempio per tutti: hai presente Tutti a Zanzibar? "Spiumato il pollo" per denudarlo del romanzo, è una descrizione impietosa del mondo d'oggi. Scritta sul finire degli anni '60.

      Altro esempio? Largo! Largo!, guarda caso anch'esso scritto sul finire degli anni '60. Sarà anche stata una moda, chissà.

      In un altro blog, qualcuno mi ha fatto notare che chi scriveva quei romanzi faceva invariabilmente parte di una certa èlite, adombrando l'ipotesi che potesse avere accesso non solo alla propria fantasia, ma anche a piani più o meno precisi per arrivare proprio agli scenari descritti. Ora, non so se dare credito oppure no a questa ipotesi, però sicuramente vale la pensa pensarci un attimo, fosse anche per scartarla senza se e senza ma.

      Elimina
    4. Ho letto anche io di tutto e del contrario. Ma la letteratura non descrive la realtà, la immagina.

      Allo stato attuale non esiste la solita società futura coi ricchi barricati ai piani alti e la massa brulicante dei morti di fame che si contorce al piano terra, tipo uno degli ultimi film, Elysium.

      La realtà è molto più complessa, intricata e stratificata. Ogni torre d'avorio è sovrastata da una torre di argento che è sovrastata da una torre d'oro che è sovrastata da una torre di platino. Ogni livello inferiore ha un livello inferiore che ha un livello inferiore. E poi ti puoi spostare in orizzontale su ogni piano e magari anche in diagonale.

      L'evento catastrofico e catartico è estremamente improbabile mentre è più facile che le cose sfumino una dentro l'altra nel corso dei decenni. Non è una situazione di ferro incandescente, di incudine e martello, è una situazione di minestrone che ribolle con dentro di tutto.

      Nello specifico dell'Italia, gli Italiani sono il peggior nemico di se stessi. Siamo partiti male fino dall'inizio, essendo l'Italia una delle ultime Nazioni costituitasi e quindi eterogenea e male assortita. Pronti via due guerre mondiali, sulle cause e conseguenze delle quali si potrebbe dibattere all'infinito. Finite le guerre l'Italia è praticamente tornata allo stato pre-unitario e cioè quello di colonia di imperi stranieri, con in mezzo il Vaticano a frustrare ogni tentativo di unificazione, chiamando in aiuto di volta in volta questo o quel potere.

      Per farla breve, sulla pila di tutte le sfighe storiche che paghiamo, è stato buttato il carico del cattocomunismo che ci ha dato il colpo di grazia.

      Se poi uno mi dice "ma come, guarda in Svezia metà sono immigrati" io gli rispondo "e a me che mi frega, saranno problemi degli Svedesi". Fatto sta che esiste un progetto di annientamento che usa l'arma demografica e il controllo delle coscienze e che sta operando nel posto dove vivo, sulla gente che mi circonda.

      Io mi oppongo per quanto posso.

      Elimina
    5. In merito alle obiezioni di tipo "pietistico" e cioè bambini morti, gente che affoga, eccetera, mi fa abbastanza ridere considerato che mentre paghiamo per traghettare gli invasori paghiamo anche quelli che finanziano e dirigono i tagliatori di teste, bombardiamo gente più o meno a caso, facciamo affari con tutti i capimafia locali, eccetera eccetera.

      Insomma, facciamo la pentola e anche il coperchio, ce la suoniamo e ce la cantiamo.

      A rigore di logica, se volessimo essere caritatevoli o filantropi, dovremmo andare ad aiutare nei paesi di origine degli invasori, dando la priorità a quelli che non hanno da mangiare, non prestare aiuto a quelli che vengono reclutati per invaderci, ai quali vengono forniti i mezzi per traversare continenti e oceani.

      Il famoso ex-ministro avrebbe dovuto diventare medico nel suo paese, studiando nelle scuole locali. Non è una conquista di civiltà il fatto che le organizzazioni cattoliche l'abbiano contrabbandata qui da noi e abbiano cospirato in violazione della legge per poi passare il testimone al PD che l'ha fatta diventare una icona. Tutto il contrario.

      Tra parentesi oggi su Radio Radicale mi è capitato di sentire Bertinotti che auspicava una convergenza, una mescolanza tra marxismo e cattolicesimo, in quanto uno istanza di egualitarismo e l'altro istanza di libertà individuali. Ma a nessuno suona un campanello d'allarme quando un Bertinotti diventa cardinale ufficializzando una cosa per altro ovvia?

      Elimina
    6. Lorenzo scrisse:
      > Il delirio sui condomini è presente decine di film di fantascienza, cosi come gli scenari catastrofici e post-atomici ma ad oggi non si è verificato
      > Qualcuno ha detto che ripetendo una certa affermazione, essa diventa vera. Diventa vera solo per certi, non per tutti.


      Signor Lorenzo, non si faccia prendere troppo dal tranquillismo interpretando come metafisico ciò che è fisico, reale.
      Un bel condominium in via Adriano, a Milano (solo uno dei molti nelle grandi città, non ho tempo per cercarne, emerge solo perché è cronaca odierna)
      E questo luogo “ameno” ancora è mitigato, negli effetti, non ci sono ancora sotto di esso alcune fiamme piuttosto calde come avverrà in futuro, col calo delle risorse lì importate e l'ulteriore aumento della domanda.

      P.S.
      Un delinquente marocchino crepato: espulso ed ancora in Italia.
      Che goduria. Un problema in meno.

      Elimina
    7. Ohps, mancava il collegamento al papero del corriere sul principio di Condominium a Milano.

      Elimina
    8. Ecco un'altro caso di Condominium già ad un discreto punto nella realizzazione.

      Milano, Alloggi Aler, via degli Etruschi

      Elimina
  18. Sono stato a mia volta prolisso ma ho dovuto ripetere le cose scritte sopra, senza aggiungere altro.

    Il che dimostra un'altra conseguenza di un certo modo di pensare, il CIRCOLO VIZIOSO, che di persè è demenziale.

    Se io affermo una cosa mi aspetto che mi di dica:
    1. sbagliato, per questo e questo motivo.
    2. giusto.
    3. bisogna specificare meglio il punto tal del tali.

    RispondiElimina
  19. x Lorenzo:
    Lessi cosa avviene nei condomini di una grossa citta' (non ricordo se MI, RM, NA o altro ancora).
    Una sorta di regno delle violenze con soprusi e un fenomeno di neofeudalesimo violento basato sulla capacita' di soprafffazione.
    Era un papero del corriere, diciamo almeno un paio di anni fa se non di piu'. Dovrei ravanare in rete ma ci vorrebbe molto tempo.
    Ovviamente tutto vero. Diciamo che in quei condomini mancano le classi agiate che si tengono ben lontante da quelle "robe".
    Ora, prendi una realta' cosi' e accendi un po' di fuoco sotto la polveriera.
    Ad esempio, supponi che inizi ad esserci una crisi alimentare, ad esempio uno sciopero dei camionisti duro, alla francese, per una decina di giorni.
    Poi potrebbero esserci altri legni da aggiungere al fuoco: taglio della sanita', interventi delle forze di polizia, etc.

    Gli svedesi sono gia; stati messi a erro e fuoco.
    Ci sono parti grandi di citta' come Malmoe che sono islamizzate, una espulsione degli svedesi o delle loro usanze (cose tipo donne svededi insultate per la mini, o menate per prendere il sole in piscina in topless etc.).
    Ancora, dovrei ravanare e recuperare gli articoli di cronaca di un tempo.

    Cattocomunismo: marxismo e cattolicesimo: si scopre l''acqua calda.
    Si, non ferro incandescente e incudine ma cottura a fuoco lento: la rana (gli "italiani") c'e' dentro e non riesce ad uscire, fino a schiattare.

    x MrKeySmasher:
    Condominium sara' sicuramente romanzata che uno deve vendere.
    Secondo me e' uno scenario assolutamente probabile.
    Sara' interessante vedere cosa succedera' nei formicai umani urbani cosa avverra' piano piano che i rifgornimenti di risorse con cuivengono alimentate cesseranno.
    Comunque non corretto parlare col tempo futuro: sufficiente vedere cosa succede nelle citta' siriane o in quelle irachene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io posso supporre senza fatica un collasso progressivo di parti, cosi come io stesso sto piano piano soccombendo all'avanzare dell'età.

      Ma mentre io muoio perché oltre un certo livello tutto il sistema collassa, il Mondo nel suo insieme è costruito in modo tale che se muore una parte ne cresce un'altra, è una Idra.

      Può essere benissimo che l'Italia e gli Italiani tra 500 anni siano un lontano ricordo, è già successo in passato.

      Quello che è estremamente improbabile è che l'umanità regredisca nel suo complesso.

      Quindi i discorsi eco-apocalittici sono a mio avviso privi di senso e anzi, controproducenti. Infatti a me del Mondo nel suo insieme interessa relativamente, a me interessa cosa succede in un raggio di 50 metri attorno casa mia, poi 5oo metri, poi 5 km, poi 50km eccetera.

      Arrivato al Po inizia a diventare un altro Paese. Sotto la Maremma è un altro pianeta, quindi proprio non me ne frega niente.

      Elimina
    2. Figurati cosa posso pensare della immigrazione.

      Ci ho pensato ma non riesco a immaginare cosa c'è nella testa della gente che festeggia il mescolamento delle "razze" (termine improprio) e che esce la sera per andare a mangiare porcherie "etniche".

      Non che io voglia sottomettere altri o fargli violenza ma non capisco perché il kebab DEVE essere meglio del risotto.

      A proposito, una cosa divertente è che il Kebab è diventato il piatto nazionale della Unione Europea, lo trovi da Edinburgo a Atene, da Oslo a Reggio Calabria. E dentro il negozietto trovi gli stessi personaggi scuri e ambigui che non sai che lavoro facciano, quanti siano, dove e come vivano.

      Unificati dal kabab, festeggiamo il no del referendum scozzese, evviva evviva. Boh.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.