venerdì 9 gennaio 2015

Feconda?

In giro per la diariosfera (ad esempio qui da franco battaglia in alcuni confronti) osservo... il perché del successo della invasione islamica. Il masochismo, l'inclinazione ad essere dominati, ("il sommo della felicità umana risiede nella sottomissione: al padrone nell’erotismo, a Dio nell’islam")  sottolinea Emmanuel Carrère nelle sue considerazioni su Sottomissione, la distopia romanzata di Michel Houellebecq è evidente.La maggior parte delle persone però non ammette le proprie pulsioni e relative fanfaluche e stupidaggini che testimoniano quanto esse siano sradicate, lontane dalla realtà (qui, il primo pensiero buddista "Ama te stesso e osserva!" è così straordinariamente insultato e violato in entrambi i precetti). Esse le sofisticano costruendo una superfetazione morale che vorrebbe elevarle, nobilitarle: sintomi di malattia creduti segni di valore.

Io cerco di aprire la vista di mio figlio sulla realtà e sul fatto che il rispetto è solo tra pari (come osservava Tucidide) e che se uno ti mette sotto, ti sottomette, tu non sarai né pari né avrai dignità ne egli rispetto per te. Diventi correo della tua indegnità e dell'inquinamento del tuo dominatore, lo lasci dominare senza che esso se lo debba meritare. Questo avviene anche quando si sfoga per alcune cose (violenze sul campo di calcio o tentativi di bullismo) e io cerco di fargli capire che farsi rispettare, con un'azione fisica decisa, quindi violenta, non solo è utile alla sua dignità, alla sua integrità ma è anche ecologico in quanto educa gli egoici a prendere conoscenza dei limiti, li educa al rispetto del prossimo, di te. Un pugno è un atto di amore per il prossimo se lo stimola a migliorarsi. Sapete che non parlo solo.
Uno dei problemi peggiori di questa deboscizzazione, del politicamente corretto, di origine cattolica e socialista/comunista è proprio che essa distrugge la componente spirituale, verticale delle persone.
La metafora delle pecore, così spesso usata nella bibbia (non so se nel corano) è veramente metaforica di questo degrado dell'essere umano a numero massificato, mediocre, indegno, pecoreccio.
La dimensione spirituale è verticale, è l'asprezza della vita (impone il qui e ora!) e il fatto che essa ti esercita e ti impone un miglioramento e solo se tu migliori il mondo migliora e questa è La Dimensione spirituale. E' l'esatto contrario della visione degradante, massificante, omologante che costituisce il nucleo teologico e sociologico dei monoteismi.

Invasione feconda? Che stronzata! Come può essere fecondo essere dominati come esseri indegni? D'altra parte.... sposto un po' il punto di osservazione, mi alzo ancora un po'. Da questo nuovo punto di vista anche l'invasione islamica, come tutte le cose, ha dei pro  ovvero una certa ecologia, quello di destare le persone dal loro torpore, inette, orizzontali, di provocare una re-azione oppure, se questa non ci sarà, di comportare l'eliminazione di ciò che non è degno, che non reagisce, che non evolve e che è arrivato a tali punti di corruzione spirituale.

Segnalo due belle citazioni di Eraclito di Luca Massaro.

Interno cattedrale di Colonia


35 commenti:

  1. io da sempre ritengo giusto che ogni relazione sociale sia improntata sulla reciprocità. amore, lavoro, sport, diritti

    il porgi l'altra guancia è concetto che non mi appartiene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Francesco.
      La rispetto è l'equivalente relazionale della simmetria, la reciprocità quello etico.
      I sistemi sani sono sostanzialmente simmetrici. L'assenza di simmetria è un indicatore pressoché universale di problemi.

      Il porgi l'altra guancia ha senso se è reciproco: io sono forte e posso accettare, una volta, che tu mi possa fare male e io comprendo che tu ti possa essere sbagliato: tengo a te e quindi, per questa volta, non reagisco.
      Se uno dei due continua a tirare pugni sulla guancia dell'altro la relazione non sussiste anche perché colui che ha la guancia scossa, prima avrà fratture alla mandibola e alla mascella, poi emorragia per lesioni cutanee e più profonde, e se non interromperà "il gioco" muore, soccombe.

      Elimina
    2. Francesco e UomoCoso, avete entrambi torto. La reciprocità è un concetto che in natura non esiste. O sei leone o sei gazzella. O sei ragno o sei mosca. Voi siete ancora condizionati dall'idea cattocomunista della "armonia", del "bisogno di amore".

      Io non ho nessun bisogno di dare o chiedere "rispetto" a/da tutte le creature. Mi scelgo amici e nemici. Coi nemici devi usare il motto dei cattivi del film Karate Kid e cioè:
      "colpire per primi, colpire più forte".

      Aspettare che uno ti tiri uno schiaffo per restituirglielo è una cosa solo un attimo meno scema che prendere lo schiaffo e porgere l'altra guancia.

      Elimina
    3. E comunque, nello specifico, la situazione è questa:
      1. L'Europa si sgretola a causa della carie che è la "sinistra".
      2. L'Europa non ha amici.
      3. Grazie sia alla "sinistra" che ai non-amici, ci siamo portati in casa milioni di immigrati che invece di "integrarsi" come nella bella favoletta, sognano di trasformare l'Europa in un posto analogo a quello da cui arrivano.
      4. Siamo solo all'inizio, più l'Europa si sgretola e più le forze ostili intensificano gli sforzi e con maggiore efficacia.

      Tutto considerato il futuro è già scritto. Basta guardare la TV con gli occhi e le orecchie aperte per capire cosa ci aspetta.

      Elimina
    4. Lorenzo, ma tu qualche amico ce l'hai nella vita ? no, perchè intelligente sei intelligente, ma dici un sacco di fesserie.....

      Elimina
    5. Baciami le chiappe, pirla (per la seconds volta).

      Come capita con le menti deboli, invece di straparlare di "vita" e di dire che le mie sono "fesserie", prova a dimostrare una tesi contraria. Se la tua dimostrazione è efficace e la tua tesi falsifica la mia, allora ho torto.

      Elimina
    6. Cosi, perché a fare copia incolla di luoghi comuni sono capaci tutti.

      Elimina
    7. Mi sembra che, per quanto scomode, inusuali, Lorenzo abbia detto delle cose o naturali o ragionevoli.
      Sulla carie... non so.
      Penso sia l'agio e una certa mollitudine, un certo servilismo utilitarista e furbesco, quindi la (in)cultura più che la "sinistra".
      L'unica resistenza dura e tenace ora è quella ecocivica in Val Susa che ha una componente di sinistra.
      Sono gli unici che lottano per degli ideali.

      Elimina
    8. Lottano per degli ideali?
      E' la mia definizione del cretino.

      Elimina
    9. Ci sono poche cose che mi fanno imbestialire come leggere la miliardesima ripetizione di "get a life", luogo comune che è stato inventato insieme a HTTP. C'è dietro tutto un cosmo di pochezza e superficialità da sciampista con la cingomma che non riesco a tollerare.

      Elimina
    10. è evidente che c'è qualcosa nelle idee di lorenzo che proviene dal proprio vissuto e che necessariamente ne mina l'analisi. è tutto talmente unilaterale da essere assai poco credibile. lo scrivo qui Lorenzo tanto so che passerai. resta inteso che dei tuoi insulti me ne sbatto il belino come direbbero a Genova, sono abituato a trattare con autentiche merde, figurati a rapportarmi con te. anche se a sensazione tu sei grosso, in un testa a testa probabilmente mi stendi anche se io sono cesciuto in un quartiere popolare.

      Elimina
    11. Lorenzo e Francesco: litigio nei vs. luoghi o via mail.

      Fesserie, baciare le chiappe sono provocatori. Nulla di.male, il testosterone è la biochimica maschia ma... nel caso vogliate "suonarvele" anche solo verbalmente non disturbate qui.
      A meno che non rimaniate in tema argomentando.
      Da questo punto ha ragione Lorenzo: argomentare!

      Da questo punto, Francesco, la tua sintesi è un limite.
      Rispetto ai quattro punti di Lorenzo definirli "fesserie" significa "sono in completo disaccordo, sono falsi" ma se non spieghi perché è... dogmatico (islamico): è così perché lo dico io.
      Poi uno sanguigno reagisce.
      Un po' come dovremmo fare con questa cacca islamica.

      Elimina
    12. Mi fa ridere l'espressione "ne mina l'analisi" detto da qualcuno che non fa nessuna analisi.

      Fammi vedere la tua di analisi, te lo ripeto, la confrontiamo con la mia e poi vediamo quale delle due è minata.

      Col "vissuto" di chiunque, il mio, il tuo, quello di UomoCoso, mi ci sciacquo i gioielli di famiglia. Lo ripeto per l'ennesima volta, sono trucchetti retorici da parrucchiera, quando dico che mi fai ridere è un eufemismo. Dovrebbe essere chiaro per altro che oltre un certo livello io non vado. Se costretto mi sottraggo, tanto non ne vale comunque la pena.

      UomoCoso:
      La ragione per cui non può spiegare niente è la stessa per la quale Hollande si affanna a dire che non è successo niente, che non c'entra niente l'Islam, che dobbiamo combattere il "razzismo" e lo "antisemitismo" (cosa che ovviamente punta nella solita vecchia direzione).

      Io dico solo di andare a vedere chi sono le personalità che occupano ruoli istituzionali in Italia. Da dove arrivano e dove vanno e se serve, riascoltare il celeberrimo discorso di Vendola in Piazza Duomo. Una volta fatto questo, è inevitabile anche capire cosa succede e cosa succederà.

      Preferiamo fare le tre scimmiette? Benissimo. O meglio, malissimo ma non posso farci niente.

      Elimina
    13. Non sempre scrivere quanto una divina commedia equivale ad analisi il vostro punto di vista è noto: io sono il bene, gli altri sono il male. Io la penso diversamente. Se quella terrorista squinternate (bella figa, ripeto) vi fa un pompino o vi dà il culo magari vi fa pure cambiare idea

      Detto questo, per me l'islam rimane merda ma per ragioni completamente diverse dalle vostre

      Chiudo la discussione

      Elimina
    14. > Lottano per degli ideali?
      > > E' la mia definizione del cretino.
      Ihihih
      Beh, detto da un idealista come te, non è male! >:)

      Elimina
    15. > Se quella terrorista squinternate (bella figa, ripeto) vi fa un pompino o vi dà il culo magari vi fa pure cambiare idea

      Ahaha
      Francesco, sei al delirio completo.
      Lo vieni a dire a me che posso stare per anni senza chiavare.
      Ihihih

      Insomma, effeti del testosterone. :)

      Elimina
    16. Non è al delirio, è al livello di conversazione che si faceva stravaccati sulla rete della branda in camerata, a naja.

      Se Franscesco scende un altro po' passa a comunicare a gesti.

      Quando dice "io la penso diversamente" dopo avere detto che la mia analisi è "minata" dal mio vissuto, secondo lui ha fatto una mossa furba, secondo me non ha niente da dire che non sia già stato detto da altri, basta accedere la TV o la radio su un canale qualsiasi.

      UomoCoso, considerato il tuo modo di esprimerti, capisco che per te avere delle idee e degli ideali sia sinonimo. Invece no. La differenza te la spiego in due parole: io ho le MIE idee, non seguo le idee DI QUALCUN ALTRO, se non in maniera accidentale. Uno che "combatte per degli ideali" è tipicamente intruppato in un movimento e in una ideologia ed appartiene alla prima o alla seconda categoria. Nello specifico dei NoTAV ti ho già spiegato perché tutta la logica è fallata in un altro thread.

      Elimina
    17. Ma se tu, io e Antonio abbiamo una idea /ideale / pirillaz / congettura / cippirimerlo, chiamala come vuoi, e ci impegnamo e lottiamo per esse, sono idee nostre e pure di qualcun altro.
      Ci sono questioni sulle quali è impossibile avere 7.2 miliardi di uniche, originali e distinte idee diverse.
      Nel momento in cui tu ti unisci su una lotta con altre persone, per forza sei "intruppato".
      Del resto se non ti "intruppi" e tu sai quanto per me anarcoide sia difficile, sarai sempre sottomesso e messo sotto da quelli che lo fanno e lo fanno bene.
      Esiste una disciplina del gruppo e una squadra coesa di buone persone sara' sempre vincente rispetto a un coacervo misto con dentro anche alcuni campioni/geni/superlativi chiamali come vuoi liberi.

      Vedi, ad esempio, il noto confronto tra i crucchi magnacrauti e i sonatori d imandolinoedell'ammooore.

      Elimina
    18. Assolutamente no. Nego tutto quello che hai scritto.

      I crucchi sono l'antonomasia delle conseguenze catastrofiche dell'intruppamento, una volta che prendono il via non riescono più a fermarsi proprio perché antepongono la "disciplina del gruppo" alla autonomia.

      Ti faccio un esempio di unione di intenti:
      - atto primo: arriva il messaggero correndo, cittadini della libera Lorenzia, le armate di UomoCoso marciano dall'appennino bolognese!
      - atto secondo: orsu, cittadini, indiciamo l'assemblea. Propongo che i padri coscritti si rechino alle loro case, si armino e si ritrovino fuori le mura tra un'ora, marceremo incontro alle armate di UomoCoso.

      Esempio di intruppamento:
      Dio ha stabilito che tutto il mondo deve essere sottomesso alla sua volontà e ci ha promesso a noi, i suoi servi, il dominio di tutte le genti. Sia lodato Dio e il suo profeta UomoCoso. Orsù, seguaci di UomoCoso, marciate per sottomettere gli abominevoli infedeli della Lorenzia alla Vera Fede.

      Elimina
    19. Se adesso mi dici che i NoTAV sono nella condizione della Lorenzia e non della UomoCosia, mi faccio due risate.

      Elimina
  2. il porgi l'altra guarcia è un altra stronzata cristiana per sottomettere le persone e per indurle a non reagire alle angherie, insieme alla vita è una valle di lacrime, o la vita è l'anticamera della morte. La religione è nata per non condurre l'uomo alla felicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le religioni sono uno strumento di controllo delle masse.
      Esse hanno il loro interesse ad aumentare il numero di seguaci come prima cosa quindi di imporre un modus vivendi in cui l'intetesse del singolo soccombe a quello e della religione stessa e della comunità.
      I problemi? Vari: l'apologia della gregarietà mediocre, falsi ideologici, spegnimento della coscienza critica, citrullizzazione e ignorantizzazione dei loro adepti, etc. .
      NON è problema di dolore sofferenza e loro apologia (dagli USA viene la stupidera del pensare positivo e della felicità perenne che sono pure peggio!).
      E' il (semi)falso ideologico forse il loro inquinamento più grave.

      Elimina
    2. Tutto cosi ovvio e banale che non vale la pena scriverlo. Anche l'anticlericalismo è una posa.

      Elimina
    3. Il fatto che sia ovvio rende ancora più necessario ricordarlo visto che ogni scoreggia solo perché religiosa provoca demenze compulsive da parte di zeloti e di idioti del politicamente corretto.

      Elimina
    4. Leggendo i libri religiosi non trovo nulla di Umano in quello che dicono,oltrechè razionale e intelligente La chiesa demonizza il sesso elemento fondamentale per procreare, con la convenzione che bisogna far sesso solo dopo il matrimonio e solo per procreare, e l'islam predica la guerra agli infedeli in uno dei versi nonchè la schiavitù delle donne. Poi il fatto che il maiale è inpuro e non altri animali è un altra cosa che vorrei capire. Da ultimo vorrei notare come molti fessi seguono i precetti senza un minimo spirito critico. La negazione di sessualità e castità da parte di monaci e preti ha portato spesso a devianze sessuali e alla pedofilia. Contro gli inpulsi sessuali non puoi andare, questi li puoi disciplinare ma non negare.

      Elimina
    5. UomoCoso, se nell'anno 2015 bisogna dire cose che dicevano i savi di Grecia migliaia di anni addietro, significa che o siamo massimamente ignoranti o siamo idioti o entrambe le cose

      Ma se uno è arrivato all'età adulta essendo massimamente ignorante e/o idiota, per esperienza ti dico che è inutile qualsiasi tentativo di dialogo.

      Questo non significa solo che non puoi dialogare con un "detentore della fede", non puoi dialogare nemmeno con gli elettori del PD, che magari non hanno delle convinzioni cosi radicate e definite ma sono radicati nella pochezza ripetitiva di pochi stereotipi.

      La maieutica socratica, come la nascita, è un processo laborioso e doloroso. Non a caso la premessa perché possa funzionare è che la "partoriente" e la "levatrice" si riconoscano l'un l'altro in un patto di cui si accettano tutte le conseguenze.

      Uno che si culla nelle sue sicurezze stereotipate ed artefatte, con le poche preoccupazioni che gli vengono dal quotidiano, difficilmente è disposto a rimettere tutto in discussione. Anzi, nella maggior parte dei casi si "va sul personale", per un altro meccanismo psicologico automatico.

      E' tutto molto triste e anche noioso.

      Elimina
  3. La violenza è brutta bestia da domare, per cui sarei molto cauto nel consigliarla, anche a livello formativo pre-puberale, in quanto si sa come e quando comincia e non si sa come e quando finisce. Forse è questa la vera necessità degli stati, il loro scopo, ch'è quello di arrogarsi l'esercizio e l'uso (regolamentato) della violenza affinché nessun individuo o gruppo di individui (una parte del tutto) possa prevaricare sugli altri. Questo a livello teorico, poi è chiaro: a volte uno schiaffo è davvero una panacea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La violenza e la prevaricazione sono del tutto naturali. Il resto. cioè l'utopia della non-violenza e della non-prevaricazione è solo inganno e finzione. Più o meno come il "matrimonio" con due uomini e un bambino.

      Elimina
    2. Grazie Luca e benvenuto!
      Anche l'inettitudine si sa quando inizia ma non come finisce.
      Io cerco di educare UnRagazzo a governare una sana aggressività che si rapporti al contesto.
      Ad esempio: a scuola avvisare prima che certi atteggiamenti sono sgraditi. Se i comportamenti continuano rispondere con una durezza sufficiente a renderli sconvenienti.
      Porgi un pugno, non certo l'altra guancia.
      Se ti fai rispettare le aggressioni cessano, se non le contrasti il livello di violenza aumenta. La mancata di violenza reattiva diventa un potente fattore di aumento della violenza.
      Come sta succedendo con l'invasione islamica. I tolleranti, gli inetti, i masochisti sdilinquiti sono i primi responsabili dell'aumento complessivo e in prospettiva della violenza.

      Elimina
    3. La violenza e la prevaricazione non sono solo quella dello schiaffo. Per esempio, è violenza e prevaricazione costringermi a vivere in un ghetto, costringermi a lavorare due terzi del tempo per pagare le tasse, costringermi a certi comportamenti, eccetera.

      Capita quando lo Stato invece di essere una libera associazione di individui, diventa una organizzazione con cui certi gruppi di potere asserviscono gli individui.

      Più passa il tempo e più mi convinco che su tante cose gli Americani hanno ragione. E UomoCoso sa di cosa parlo.

      Elimina
    4. La specie e' stupida.
      Molte persone non riescono neppure ad osservare la realta' e, per evoluzione, sono incapaci di concepire i rischi che non siano espliciti ed immediati.
      Del resto, se non fosse 'na specie di idioti, cose assurde come il nucleare, la crescita, le discariche aeree (inceneritori), l'autossicodipendenza, le religioni, il bipartitismo, i feticci, etc. semplicemente non esisterebbero.

      Gli statunitensi sono un coacervo bigotto di tutto e il contrario di tutto che esploderanno appena le risorse caleranno.
      Del resto cosa vuoi? Non e' certo la crème de la crème europea da cui essi originano.
      Un po' come la feccia umana di zotici, delinquentoidi e senz'arte ne parte che arriva a milionate in europa: gente in gamba nei paesi di orgine ha un qualche ruolo e non emigra.

      Elimina
    5. Io mi riferivo a certe teorie anarchiche-libertarie di cui abbiamo discusso altrove.

      La frase "gli statunitensi sono...." non la prendo in considerazione perché si situa ad un livello di semplificazione cosi eccessiva che non ci posso arrivare nemmeno sforzandomi. Ma ti suggerisco che è esattamente il contrario, le gente in gamba quando si trova in una situazione insostenibile, emigra.

      Elimina
    6. E infatti se io sono ancora in Italia significa che sono una merdaccia. Per onestà intellettuale non posso che riconoscerlo.

      Elimina
    7. > La frase "gli statunitensi sono...."

      Hai ragione in assoluto e torto statisticamente.
      Anche tu segnali, critichi o apprezzi atteggiamenti usi consuetudini di certi gruppi etnie culture etc.

      Il mio istruttore mi disse una cosa molto saggia: non ha senso andare via perche'.. non puoi fuggire da te stesso.
      Si lotta e si migliora qui!

      Elimina
    8. Dai, un certo livello di generalizzazione è ammissibile e inevitabile ma oltre un certo limite, a maggior ragione quando è uno stereotipo di un certo tipo, si passa da generalizzazione a iperbole.

      Il tuo istruttore è un cretinetti. Infatti se è vero che non fuggi da te stesso, puoi fuggire da un sacco di altre cose. Io rimango me stesso, qui nel ghetto e nella villa di Hug Hefner, solo che qui sono circondato dai mutanti, brutti, sporchi e probabilmente cattivi, nella villa sarei circondato dalla topa spaziale.

      Sul fatto di migliorare qui, dipende se uno considera il miglioramento possibile. Per me siamo molto oltre il punto di non ritorno. Non riesco più a guardare la TV (quella di mia mamma, io non ce l'ho), ad ascoltare la radio o a leggere un quotidiano. Oggi sentivo Renzi, non riuscivo a credere che uno cosi possa essere PdC in Italia eppure è vero.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.