lunedì 5 gennaio 2015

Picche o cuori?

La cosa interessante che la seduzione è molto più complicata e incerta della stabilità (della noja?) amorosa. C'è la psicologia, la guerra, la filosofia, la tattica, la strategia, il gioco degli ego, quello del potere.
Dopo una buona ronfata (uh che meraviglia stare qualche giorno a casa nel lusso dei tempi lenti ed ampi) osservo ciò che avviene e sorrido. Adoro l'incertezza, la sfida, il duello dei pensieri, la lotta tra attrazione e repulsione, tra lasciarsi andare ed egoismi dell'ego, l'ironia.
Pensavo di rispondere al commento di nottebuia e a quello di Spirita Libera, poi è diventata una pagina. Quando mi sono svegliato ho rimesso il furbofono in linea (lo so, ogni tanto lo uso anche perché meno angusto proprio in fatto di memoria messaggi) ecco uno scambio dei pensieri.

05/01 hh:mm (*)
_tra scrisse:
Tanguero vuoi stare con i tuoi oggi alla maratona?

05/01 16:28
UnUomo scrisse:
Uh ke ronfata!
Sì stasera al Boscolo, _tra. E voi dove metterete le Vs. preziose zampe?

05/01 16:34
_tra scrisse:
Io ho voglia di tango nuevo ma anche di te. Potrei sposarmi da un luogo ad un altro in modo da soddisfare entrambi i desideri... Ma solo se tu vuoi la mia compagnia

05/01 16:46
UnUomo scrisse:
La questione non è che io non voglia la Vs. compagnia ma che la voglia troppo e oltre.
Quindi stasera vorrei evitare il cestello della centrifuga. :)


Preziose zampe... ella non vuole che le tocchi i piedi, dice che è una sua parte che considera molto intima. Allora mi piace prenderla in giro. :) Quando studiai qualche principio di psicologia della seduzione (già qui alcuni storceranno il naso ma esiste ed è nota, studiata una psicologia della seduzione che, se vissuta ecologicamente, è l'arte di far sentire desiderata, di provocare desiderio, di evocare e far vivere buone emozioni, tutta roba buona, quindi), alcuni principi erano
  • Essere vicini fino a che ella non abbia abbassato le difese, fino a che non ci sia stato un buon contatto fisico.
  • Mantenere una propria alterità, sapere dire di no, quando serve. Dopo il contatto fisico sapere anche allontanarsi (questa è un principio anche del (neo)tantra.
La seduzione non è lineare, né è logica, è paradossale, illogica, come l'amore di cui essa è soglia e porta. Ma cosa significa buon contatto? un bacio? un'ora di baci? petting? la prima volta che hai fatto l'amore? Dopo cosa è opportuno allontanarsi? Dovrebbe essere la terza risposta. Quindi anche su questo il mio no è forse inappropriato. Chi se ne frega.
Ma esso serve a mantenere la mia alterità, a far star bene me (che stasera andrò alla sciccosa milonga a livello superiore a quello di ieri) e, come corollario (del quale a me non interessa granché ma che potrebbe essere il più efficace) stabilire che non sono manipolabile. Avere un oggettino manipolabile sia una delle cose che rende meno sexy un uomo per una donna.
Basta una dormita e tutto cambia. Osservo questo duellare, saranno picche o cuori? Sarebbe gramo risultato tutta questa filosofia se non la vivessi per me stesso e quanto mi accade. Sorrido.

(*): Sapete come impostare il furbofono per cui esso visualizzi l'ora di invio di un breve messaggio di testo piuttosto che quella di ricezione?


37 commenti:

  1. Uhm.. la tua ultima risposta mi pare molto buona. Metti lei nella posizione di dover decidere (e non tu, come ella avrebbe voluto), previo averla avvisata di quel che potrebbe accadere e di quel che non non vorresti accadesse nel caso ella accetti (e l'hai fatto in modo ironico, carino, ci sta benissimo). Mi pare ci sia tutto: disponibilità ma non passivo acconsentire, nonché avviso. Sì, direi che è una bella mossa.

    RispondiElimina
  2. Io uomo lei donna

    Ecco la psicologia della seduzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non altro questa arte spartana di seduzione non crea seghe mentali :D

      Elimina
    2. Uh Francesco quanto è giusto e vero!
      Tutte 'ste menate di studi e poi è tutto così dannatamente seplice quando non lo si vuol rendere complesso per forza...
      Rbadisco: spontaneità ci vuole, altro che contorcimenti metafisici.

      Elimina
  3. Per dirla sul piano francescano, la seduzione (o almeno il grosso della seduzione) si conclude con l'uccello che entra nella fica, NON inizia con l'uccello che entra nella fica.
    O sbaglio?


    Alahambra, la seduzione puo' essere semplice,facile, difficile.
    Dipende da molte cose.
    Anche tu conoscerai persone per le quali essa e' stata perfino impossibile. Quante persone sono letteralmente rimaste impantanate in storie di seduzione lunghe mesi (ma anche anni!) poi fallite?
    Dipende anche dagli obiettivi, dalle persone.
    Conquistare il corpo mente di una persona non mi sembra affatto una cosa cosi' banale.
    E' noto, ad esempio, che i dongiovanni / seduttori seriali ribaltano il principio: non scelgono partner candidati che gradiscono ma scelgono partner ai quali essi piacciono.
    E' ovvio che se io avessi voluto chiavarmi le molte che mi hanno dato segni espliciti me lo sarei fatto. Meno ovvio se, ad esempio, lo avessi voluto fare la prima serata in cui si esce, etc. Anche qui, dipende da quanto tempo, quanta energia, quanta capacita' erotizzante, etc.

    Comunque, anche qui non ci sono regole universali, tanto meno quella della seduzione come cosa semplice se non banale.
    Le relazioni tra le persone mi sembrano la cosa meno banale che esista, quelle anche erotiche e sessuali ancora meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se l'atto sessuale inizia o chiude. Di certo è il fine

      Elimina
    2. Tu riesci a infilare il tuo uccello nella fica di una e solo poi inizi a sedurla, a berci qualcosa, a parlare, ad uscirci?
      Se cosi', come funziona?
      Nel senso che la chiavata come primo atto non e' dei piu' facili. Vedi una in un bar e la chiavi subito? Come si svolge?
      Beh, in effetti tutto e' possibile anche se mi pare difficile.
      Non funziona cosi' neppure nei prive. in genere, dark room a parte.

      Elimina
    3. La seduzione contrariamente a quanto si ritiene ha senso se viene recepita. Altrimenti è un giochetto infantile o peggio ancora unilaterale. Ok io gioco a fare il deduttivo e ti faccio capire che mi piaci. Quanto mi piaci non lo so. Puoi essere una scopato o la donna madre dei miei figli. Ma se la risposta è il gioco al massacro dei mille mila messaggi sei scartata. Sei sicuramente meno meritevole della prossima

      Elimina
    4. Ecco, quello che intendo per semplice, una volta di più, l'ha magnificamente descritto Francesco nella suo modo meravigliosamente crudo.
      Il resto sono fanfaluche e film mentali e seghe alle statue.

      Elimina
  4. Boh, posso esprimermi in termini un po' grossolani?

    Secondo me, nonostante come tu presenti _tra, lei desidererebbe alquanto venire al sodo.
    Certo, capisco la sua situazione difficile, ma quando si e' adulti, perche' giocare cosi' tanto a rimpiattino?

    Se a me piace uno, e io mi offro di fare un corso di ballo con lui, e lui dice "No", io, dentro di me, m'incazzo e penso: "Ok, croce sopra. Se un giorno mi sbavi dietro, non te la daro' nemmeno sotto tortura!"

    Se io invito uno a cena dopo averlo sbaciucchiato assai e declina l'invito senza spiegare, penso "Ok, l'occasione te l'ho data, avanti il prossimo!"

    Certo, sono molto prosaica e insensibile.
    Anche io a volte mi prendo delle belle cotte, ma se me ne risveglio, se tardano troppo a rispondere, ecco, allora mi sfavo (pardon!) e perdo tutto l'interesse. E raramente torna indietro.

    Scusa, ho parlato a braccio, e probabilmente non capisco nulla del gioco della seduzione (in effetti, probabilmente nemmeno ho grande charme). Ma io non riesco a giocare a rimpiattino troppo a lungo.
    O forse parlo cosi' perche' ho la testa altrove, e sono acida.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla da scusarsi, Nuvola.
      Questo è un diario pubblico e quindi il gioco prevede che ci possano essere commenti di ogni tipo e libertà di commentare, purché in tema, senza scopi trollici etc.

      Non so se affrontare qui il tema o in una pagina dedicata.
      Allora, uno dei principi di psicologia di gestione nel project management è:
      NON mischiare MAI il progetto con questioni di affetti, famiglia, amicizie.
      Il motto è
      Fare "amici" nel progetto, evitare di portare "amici" nel progetto.

      Una sorta di Divide et impera che permette di affrontare la complessità di progetti e delle relazioni tenendole separate.

      Non è una tattica di rimpiattino.
      E' una strategia di medio e lungo termine di gestione del rischio e della complessità.

      Elimina
  5. i rapporti uomo e donna sono così complicati, perché chi li vive, riflette sui rapporti le parti più disparate delle proprie esistenze... mai cercato picche da bastardi, e questo mi ha portato i giusti cuori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un certo senso anche l'amore richiede un po' di spartanità, rudezza e forte autodisciplina, se vuoi che cresca sano e vivo.
      Sempre condizioni necessarie, mai sufficienti, in questo mondo.

      Elimina
  6. Vediamo cosa c'è stasera sul canale di UomoCoso... ah c'è una telenovela... no no, aspetta, è un referendum come quelli di Beppe Grillo...

    Volete voi popolo di UomoCoso che egli:
    1. trombi con _cosaX [ ]
    2. trombi con _cosaY [ ]
    3. si limiti a mandare messaggi col telefono [ ]
    4. mi importa una fava [ ]

    RispondiElimina
  7. La sefuzione é un gioco che ha regole note...farsi desiderare....non essere troppo accessibili....mantenere quel po di distanza che crea il desiderio....
    A volte pero sarebbe bello fregsrsenr dei giochini e vivere la passione cosi com e....senza tante sovrastrutture....senza troppe complicazioni mentali....per il puro piacere di condividere.... Ma noi esderi umani siamo strani e amiamo complicarci la vita....purtroppo!

    RispondiElimina
  8. Per fortuna l'amore è un sentimento irrazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa se fosse razionale :D Non basterebbero seimila commenti. In effetti do ragione a Lorenzo, questa volta (ed anche a Francesco, di conseguenza): questa sta diventando una telenovela.. un po' troppi arzigogoli, a pensarci bene.

      Elimina
    2. É un po' quello che provavo a dire da te...
      L'eccesso di tattica c'é perché si prova a contenere con la ragione tutto ciò che potrebbe travolgerti a livello emotivo.
      Provi a giocare e a controllare per provare a prendere il meglio esponendoti al minimo. In fondo nessuno di noi ha voglia di pagare ingiustamente.
      Tutto qui, credo.

      In realtà, purtroppo, tocca mettetsi in gioco. Ma quando ne vale veramente la pena?

      Elimina
    3. Ecco, questa è un'ottima domanda (alla quale non cerco nemmeno risposta)

      Elimina
    4. Come scrissi a _tra la mia è anche una strategia sobillatoria, di estremizzazione.
      La via della vetta.
      O, se vogliamo dirla più prosaicamente, la cottura in pentola a pressione.
      Cosa fai?
      Accendi il fuoco e fino ad un certo punto non permetti che l'energia si rilasci in termini di vapore.

      Elimina
  9. Sedurre è un' arte di dotazione per tutti gli esseri viventi.
    Spesso si dicono tante cose su questi argomenti alcune interessanti altre abusate e mi fermo qui.

    Sulla seduzione ci sarebbe da dire tanto, tuttavia per uno che spesso fa riferimento al tantra, alle tecniche di questa disciplina e penso tu le metta in pratica anche... beh? dovresti saper bene quali sono e come stanno le cose...almeno sulla seduzione.

    A mio parere nel rapporto tra l'uomo e la donna,preferisco in questa sede usare il termine AMANTI; che tutto comincia dall' esplorazione per entrambi dei loro corpi (tralascio il rituale più spirituale); successivamente le loro menti si attiveranno e inventeranno pensieri che portano al desiderio ecc.
    Ora la seduzione è l'elemento fisico,parlato,gestuale,comportamentale,finalizzante a che si concretizzi il tutto nel rapporto vero e proprio IL SESSO.
    Io penso che le grandi cose (nella coppia)si realizzano a poco a poco. e il completamento sessuale si mpotrà ottenere nell'armonizzare l'energia maschile con quella femminile...come avviene per le dinamiche: Yang e Yin.

    Finisco col dire che se nella relazione di coppia tutto inizia e finisce nella scopata, allora io sto con gli animali; almeno essi comunque hanno dei rituali per l'accoppiamento

    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre più convinta che gli animali siano avanti anni luce rispetto a noi. Sempre più convinta.

      Elimina
    2. Quello che dici è verissimo e non credo che sia in discussione.
      Ciò che qualcuno tra cui me sottolinea è che ci sia un eccesso di tattica: ogni azione viene studiata, valutata e sezionata. E' un procedimento che l'Uomo adopera sempre e che porta a dei gran nulla di fatto (e intendo in una relazione tra individui), perchè non è mai autentico.
      Questo è il punto, non la scopata.

      Elimina
    3. Ma per "animali" cosa intendiamo, i batteri che ad un certo punto si duplicano oppure, non so, le spugne che ad una certa combinazione di temperatura, luce, marea, vai a sapere, emettono tutte insieme nuvole di uova e spermatozoi che si incontrano grazie al gioco delle correnti e formano gli embrioni che fluttuano e diventano larve che vivono nel microplancton finché un gamberetto se le mangia? Intendiamo gli insetti che si incontrano grazie ad una scia di feromoni, poi si agganciano con gli appositi uncini nell'esoscheletro e svolazzano come una creatura duplice finché le uova non sono fecondate, poi la femmina le depone sotto una foglia o sopra una carogna, nascono le larve che mangiano e ingrassano poi fanno la pupa, la metamorfosi ed esce l'insetto pronto a ricominciare? O intendiamo che ne so, il leone, il cui maschio una volta che si sente pronto sfida il maschio dominante e se lo sconfigge lo caccia, prendendosi l'harem delle femmine e la prima cosa che fa è uccidere tutti i cuccioli cosi le femmine vanno rapidamente in estro e sono pronte per l'accoppiamento?

      In questa logica anche l'Uomo è un animale. Non so però se oggi come oggi le donne, mentre ti raccontano che cercano il gentiluomo poeta e guardano il culo palestrato dello spogliarellista, mentre straparlano di corteggiamento ma sognano qualcuno che le prenda per i capelli, siano disposte ad ammetterlo.

      Elimina
    4. Ahah, Lorenzo.
      Sei sempre meraviglioso nel tuo essere dissacrante. Penso che sia uno delle caratteristiche salienti per coloro che hanno uno spirito forte e vivo.
      Grazie.

      _tra adora essere presa per i capelli e ieri lho fatto più volte.
      Che goduria, quella zazzera tirata e poi i baci che partivano come schegge!

      Gli animali.. Quali?
      Penso che Daoist si riferisse agli animali superiori, ai mammiferi visto che si riferisce all'accoppiamento diretto e a rituali di accoppiamento.
      Ciò esclude strategia riproduttive come quelle basate sulla dispersione di uova e di sperma, ad esempio.

      Elimina
    5. Daoist
      Amanti è una parola che soffre della predominanza dell'accezione fedifrega rispetto alla sua etimologia di "coloro che si amano".
      Rimando all'ultima tua pagina, sugli Amanti che mi piace tanto.

      Elimina
    6. mai conosciuto una donna che preferisce il corteggiamento alla chiavata potente

      Elimina
    7. 'spetta.
      Ma su quale lasso temporale?
      Sai quale è la lamentela più comune nelle coppie di medio e lungo termine?
      Ormai la sessualità si è ridotta alla sola meccanica (la chiavata non so quanto potente), l'erotismo è sparito, solo un pallido ricordo.
      Comunque... non è questo caso.
      Ieri eravamo così eccitare desideravamo lasciarci andare, andare oltre.
      Come diceva _zzz, in dialetto emiliano, stiamo arrivando a farci (farmi) scoppiare le balle. ;)

      Elimina
    8. magari io conosco donne "sbagliate"

      Elimina
  10. Non so però se oggi come oggi le donne, mentre ti raccontano che cercano il gentiluomo poeta e guardano il culo palestrato dello spogliarellista, mentre straparlano di corteggiamento ma sognano qualcuno che le prenda per i capelli, siano disposte ad ammetterlo.

    Boh, secondo me, in media, lo ammettono.

    Comunque i batteri non appartengono al regno (o dominio?) animale, credo che, nei vari schemi proposti, ci sia il posto a se' per i batteri (ed e' anche il motivo che non ti servono permessi dall'etica committee per fare esperimenti che includono batteri... i batteri li puoi anche maltrattare, non gliene frega niente a nessuno! Pooooooveri batteri)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i boreliani ? Che fanno i boreliani ??

      Elimina
    2. Il regno animale, se ricordo bene
      è caratterizzato da esseri che
      o - hanno un DNA in forma di nucleo di cellule
      o - hanno una funzione metabolica per la quale accingono a risorse esterne
      o - si riproducono
      o - con qualche forma di mobilità
      I batteri sono nel regno animale.
      Non i virus o i prioni.

      _tra adora essere presa per i capelli.
      Mentre camminavamo ci siamo messi a ridere quando le ho ricordato che, anche se mi piace trascinarla e tirarla per i capelli, mi mancava la clava. ;)

      Elimina
    3. In tassonomia i batteri fanno regno a sè, assieme a animali, piante, funghi ed archea.
      So che hanno fatto delle modifiche in tempi relativamente recenti infilandoci altre cose, di cui però non so di più.

      Elimina
    4. Ormai le mie mai così forti nozioni base di biologia non sono più aggiornate.
      Ero fermo a che i batteri venissero considerati appartenenti al regno animale.
      (8|
      Grazie Alahambra

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.