giovedì 22 gennaio 2015

Non è semplice

Era un po' stravolta. Dalla lotta che subiva tra mente e corpo.
C'è Gesù lassù!
Aveva visto un piccolo crocefisso che ancora ho in un angolo, sopra il letto. Quel signore era un tipo interessante e ancora è presente in casa mia, nonostante gli abusi di quanto egli disse da sempre compiuti dai seguaci. D'altra parte io cerco di trovare un insieme conciso di parole che possa descriverla almeno sommariamente. Ecco, Ammasso armonico di contrasti.
C'era il ruscello copioso che aveva tra le gambe, una lubrificazione che non so se definire barocca ma che era bellezza in sé.
Poi i sussulti voluttuosi e lunghissimi quando è venuta perché mi ero dedicato il suo punto G. Ma non erano gli unici sussulti. C'erano sussulti e contorsioni nella lotta tra la sua mente e il suo corpo.
Me lo aveva detto in vari modi, più volte. Già prima, vengo a casa tua ma non aspettarti nulla.
Poi "Stasera non ce la fatto, non riesco a fermare la testa", poi "No, ora fermati", allontanatasi a sedere, bella nella sua nudità tanto liscia e morbida fuori quanto contorta dentro.
C'è Gesù lassù! poi dovrei anche riportare in questo diario altri pensieri, altre riflessioni di un sostrato moralista ("Però Osho si scopava le vergini!").
Mi aveva detto che aveva seguito i corsi liceali di studio in un istituto cattolico salesiano. Anche io fui chierichetto. Quale ragazzo di famiglia borghese per bene italiana non crebbe, in quegli anni, nel mondo cattolico? Molto più cattolico di quanto non si pensi, di quanto non appaia. Mi viene in mente quella frase del Dizionario Erotico di Massimo Fini.

Chiunque abbia avuto una ragazza che è stata dalle Orsoline, dalle Marcelline o in altri istituti di suore sa i piaceri che se ne possono ricavare. Lei si vergogna e si eccita della propria vergogna. Una miscela esplosiva.

Questa volta salesiani, resta l'esplosivo. E l'esplosioni non sono affatto sempre innocue.
_tra non è una persona semplice. Francesco direbbe che è squinternata, Alahambra che lo sono io.
No. I suoi talenti artistici, la capacità evocativa nei pensieri e nelle parole che li comunicano mi affascinano. Ma tutto questo non è certo lontano da un travaglio che io, galileanamente, osservo. Osservo il come ma non so nulla, ancora, del perché.
Osservo una lotta furiosa tra la libido naturale e la mente.
Avevo scritto che la sua scelta vegana mi faceva pensare. Il rapporto col cibo è uno degli indicatori più fedeli del rapporto con l'eros.
Ieri sera le avevo preparato una crema di cavolfiore, un'insalatina tiepida di cappuccio al comino, carciofi alla romana e il fuoco assai vivo nel caminetto. Ma il cibo e la gola sono poco più che necessari nel suo vivere. Ieri sono stato teso, una sorta di ansia culinaria ed oltre, per tutto il pomeriggio. Ma non mi aspettavo che facessimo l'amore. Un po' arietina, ego pazzesco, vuole guidare, un via di mezzo tra volitiva e polare. Vieni e poi potremo, se vuoi, vedere fino a che punto resistiamo.
Anche se non abbiamo fatto l'amore,  mi è piaciuta la mia eccitazione, il fatto che ella se la sia goduta, mi è piaciuto dedicarmi a lei, metterla al centro delle mie attenzioni. Ho goduto nel vederla godere, un po' stranito e  incredulo nel vedere il suo dibattersi, più tirava il freno a mano e più pigiava sulla tavoletta dell'acceleratore. Tutto sommato il mio autocontrollo dovuto a qualche anno in più apre spazi su nuovi territori del piacere, su nuovi panorami.
Quando _tra ha goduto ho sentito che si è allontanata. Sono calati i baci, si è rivestita velocemente, è tornata ancora una volta e poi è andata. Mi è piaciuto che non ci siamo quasi detti parole, mi ha preso alla fine il volto tra le mani e mi ha baciato teneramente.
Vuole gli spazi, vuole il tempo e _tra sa che sono solo ingredienti e non è detto che la ricetta abbia successo. Mi guardava, vicina e lontana, attratta e repulsa, artefice del suo travaglio, della sua febbre, della voglia e della paura.
Le ho scritto grazie per il tempo concessomi e che ha fatto bene ad essere intelligentemente egoista, mi ha permesso di godermi ore splendide e di fini piaceri. Tutto tace.


("giantessfoundyou, onemoreformycollection", tinyslavelikegirlass)

51 commenti:

  1. Sei persistente. Io l'avrei mandata a quel paese tempo addietro. Ma anche qui, a te piace inviluppo contorto, a me piace la semplificazione. Cerchiamo cose diverse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella vita ci sono i tamburi e ci sono le sinfonie.

      Elimina
    2. Non volevo esprimere un assoluto. In questo ambito non esiste un riferimento, ognuno fa storia a se. Una cosa che per te è piacere per un altro è dolore.

      Elimina
    3. Anche io esprimo un relativo.
      Ci sono i momenti della danza transe sui tamburi e quella della commozione per un Ave Verum Corpus mozartiano (grazie nottebuia!), caro Lorenzo.

      Ieri eravamo finito, per qualche momento, a parlare della contiguità tra piacere e dolore.
      _tra decise di partorire il suo primo bipedino senza epidurale, mi diceva che ci sono parti dolorosi che vengono detti anche orgasmici.

      Ieri ero combattuto tra la mia brama di penetrarla e il desiderio di rispettare i suoi tempi e la soddisfazioni di vederla abbandonarsi al piacere, per quanto... non ci fosse il mio cazzo in mezzo ma le mie labbra, i miei occhi e le mie mani.
      Forse non dolore ma sicuramente contrasti quasi eccessivi.

      Elimina
  2. Anch'io fui chierichetto, e spesso ho sognato di dedicarmi al sacerdozio.
    Mi vedevo bene in un piccolo studio all'interno di un'antica canonica sperduta tra le montagne, circondato da libri con cui passare lunghe sere di studio e meditazione...

    ma poi ho preferito le sinfonie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, no, io non ho mai desiderato dedicarmi al sacerdozio. Già a quel tempo c'erano cose che non riuscivo a capire in quel mondo.

      Le sinfonie? Sei musicista?

      Elimina
  3. Risposte
    1. la retorica trita e dozzinale di minimo fini ti fa male!!!

      Elimina
    2. Ieri sembrava che _tra l'avesse scelta proprio lui per dimostrarmi la validità della sua tesi.

      Elimina
  4. Risposte
    1. No
      E neppure lo avevo previsto.

      Elimina
    2. era previsto che _tra venisse sulla tua bocca a colpi di lingua ?

      Elimina
    3. Io lo avevo intuito, io so che per lei sarebbe successo e intuivo che io non sarei stato al centro di particolari attenzioni genitali ma solo di altro tipo.
      Mi aveva detto che ha un ego spropositato (mi piace anche per questo e per la sua sincerità).
      Io avevo intuito che ella NON ha un rapporto semplice con la sessualità.
      Se vogliamo essere affilati (tranchant), ho usato il tuo termine "squinternata". Io preferisco l'immagine del freno a mano tirato e del pestare sulla tavoletta dell'acceleratore.
      Poi mi aveva detto di non aspettarsi nulla.
      Poi, a pasto, che ha l'incubo di rimanere incinta, che come vegana non potrebbe pensare ad un aborto.
      Ecco, acceleratore e freno.
      Io ho assecondato i suoi tempi.
      Pensa che le avevo iniziato a togliere una spallina. Ella l'ha rimessa a suo posto.
      Io allora l'ho baciata e carezzata ancora, le ho toccato i seni e dopo un po', irruente, si è denudata il torso e poi ha fatto lo stesso con me.
      Io posso suggerirle, poi ella desidera credere di "guidare" (dettomi anche questo esplicitamente) e prende l'iniziativa.
      E' un gioco a due, come nel tango più alto in cui non c'è più solo la marcatura (proposta) maschile e l'ascolto femminile ma in cui ci si scambia i ruoli.

      Elimina
    4. A Fra', ha aspettato tanto Uomo, continuerà ad andare a pippe per un altro po'.

      Magari la prossima volta ci sarà inversione di ruoli ;)

      Elimina
    5. Nooo, ma possibile che quando mi distraggo succede il meglio ???

      Vai Uomo, CAZZZOOO!!!!

      Elimina
    6. Veramente vado una cippa che mi hanno soppresso quasi tre treni (due col ritardo tosto del terzo).
      Che mi viwn da bestemmiare.

      Elimina
  5. Ispirato...non commento. Tuttavia ti rimando al mio ultimo post...queste cose hanno il diritto di essere vissute; poi forse discusse...se comprese in se e per se.

    Buona serata UUIC...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, Daoist.
      Verrò a leggere la tua pagina, sempre meravigliose quelle sull'amore visto da occhi del Tao.

      Elimina
  6. cioè ma come si fa a seguire la teoria di Massimo Fini?
    le orsoline, tzs, ma che siamo nel 1400 dopoFQ? maronna che antico...se fossi tra, fra, pra, ti arrostirei l' uccello, a sapere che racconti sfumature così intime...non sta bene, non è da galantuomini ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. x S.:
      > come si fa a seguire la teoria di Massimo Fini

      Ehm
      E' la sua teoria che tenta di descrivere la realtà.

      >le orsoline, tzs, ma che siamo nel 1400 dopoFQ

      Guarda, che sotto sotto, la maggior parte degli italiani ha un sostrato cattolico più o meno forte.
      Le persone profondamente agnostiche o atee sono rare.

      > a sapere che racconti sfumature così intime
      Io non ho mai incontrato alcuno di coloro che leggono. Ho parlato alcune volte solo con alcuni di voi, scritto in privato, spesso con la mail con l'identità virtuale.
      Forse solo _zzz e un altro paio di persone conoscono la mia identità personale, persone che io reputo affidabili.
      UnUomo.InCammino è uno e nessuno.
      _tra è una sigla che identifica una donna e nessuna.
      Diventare nudi e vulnerabili, anche in parte, ti fortifica.
      Hai mai partecipato a sessioni di psicodramma collettivo?

      x Francesco:
      Tantrici e taoisti possono non farlo.
      Ma io non ho la loro sapienza del corpo.

      Elimina
    2. psicodrammi collettivi? e lo chiedi a me? io vivo in una città di psicodrammi collettivi, mi capitano ad ogni angolo e di ogni natura e ti dirò questo mi piace assai di questa Città, non sei un nessuno, qui sei sempre qualcuno, nel bene e nel male. Ma quale Osho, Budda e Gesù, qui chi conta è il Tu.

      Elimina
    3. oh dimenticavo, si scopa senza Tao, quello se vuole può guardare dietro la serratura :)
      e che pippe mentali...brrr

      Elimina
    4. Gli psicodrammi sono un filino diversi da quello che capita in ogni angolo e di ogni natura in codesta città.

      > e che pippe mentali
      Ma, sai, per alcun* persone una relazione erotica è un po' meno rozza del
      bela bello scambiamoci i numeri apetitiviamo ceniamo apri le gambe dammi il cazzo duro fiki fiki tromb tormb ahhh ohhhh ronf ronf
      Ogni tanto alcune persone hanno delle pippe mentali e vanno oltre la meccanica porno.
      :)

      Elimina
    5. Comunque io, proprio perché sono della vecchia scuola concordo sulle orsoline ma concordo anche sul fatto che un gentil-uomo certe cose se le tiene per se.

      Elimina
    6. Lorenzo, in linea di massima tu hai perfettamente ragione. non leggerai mai nel mio diario racconti anatomici, anche se posso garantirti che potrei fare post da 150 commenti. ma UUIC ha sempre utilizzato la blogosfera per raccontarsi a 360°, e non vedo perchè debba smettere adesso.

      Elimina
    7. Perché non sta raccontando se stesso.

      Elimina
    8. esistiamo in quanto in rapporto con altri. e quando scriviamo lo facciamo parlando di chi ci circonda. l'importante è che UUIC non faccia nomi, cognomi o metta foto. che c'è chi lo fa tra l'altro

      Elimina
    9. bada bene non entravo nella natura del vostro rapporto, dunque non sono io che ho parlato di meccanica del porno, ma automaticamente, sei tu che svelando la magia di un incontro, lo stai facendo diventare un pruriginoso racconto da bar...oltretutto come giustamente fa notare Lorenzo, bravo Lorenzo,
      parlando di emozioni di un altra persona. La pornografia e la mancanza di rispetto, direi anche la violenza, descrivendo le particolarità di questa persona, le trovo più oscene che se avessi messo il tuo pisello in 3D, compri'

      Elimina
    10. Correzione: io ho frequentato spogliatoi, caserme, bar, giardinetti, eccetera e non si fanno "racconti", o si allude soltanto oppure si descrive con un linguaggio greve ma coinciso (vedi la domanda di Francesco sopra). Il "racconto", prolisso e dettagliato, che mi fa venire in mente certi video "soft core", non appartiene all'universo maschile "vecchia scuola" che conosco io. Magari è cambiato di recente, non saprei.

      Comunque il motivo per non raccontare non è solo per rispetto del partner, è anche per rispetto di se stessi. Certe cose, sia nella azione che nei sentimenti, secondo me hanno senso nella sfera privata. Quando li si pubblica, li si banalizza. Anche perché non sono razionalizzabili e quindi condivisibili.

      Lungi da me il ruolo di censore comunque, se UomoCoso si sente di scrivere, scriva.

      Elimina
    11. ed io sono d'accordo con te...diamo a cesare etc..

      Elimina
    12. L'osservazione della realtà è il primo dispositivo spirituale.
      Il pruriginoso, il non gentile, il fastidio o altre reazioni emotive sono o non sono nelle vostre menti come è del tutto ovvio che sia.
      Io sono sereno e convinto dell'ecologia.
      UUiC e _tra non sono altro che due idee di esemplari di homo; osservando le loro vicissitudini avrete una reazione. Spero vi possa essere di beneficio.

      Elimina
  7. Chierichetti? Orsoline? Salesiani? Il dizionario erotico di massimo fini?
    Oh Uo', non farmi impressionare però, ché io mi metto paura dei film horror!
    :)

    RispondiElimina
  8. che la storia tra UUIC e _tra sia malsana è certo come certo è il sole che sorge ogni mattino
    non solo ella è un tantinello squinternata ma egoista forte.
    io da una cosa starei lontano come un abitante della Transilvania si teneva alla larga dal castello del conte dracula.
    ma UUIC è così. io lo conosco da anni. alcuni di voi pure e anche personalmente.
    probabilmente la mia donna gli farebbe lo stesso effetto sessualmente parlando di un canguro dello zoo di Perth. e posso garantirvi che è abbastanza diversa dal suddetto canguro.
    e a parziale giustificazione io dico da maschietto che storie malate così le abbiamo avute tutti.
    io ne ho avute due. la prima non fa testo, avevo 23 anni. ma nella seconda avevo 41 anni, quindi non proprio uno sbarbato.
    UUIC però te lo devo dire. ne uscirai malino tu da 'sta storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Fra, non esagerare.
      Sono grandi tutti e due, sapranno gestire la cosa. 'Sto casino per una leccata non ricambiata? ;)

      Elimina
    2. Io se sto nudo con una donna e non trovo soddisfazione a livello cazzo vado di matto

      Elimina
    3. Ovviamente, ma capisco Uomo che trova soddisfazione anche solo nel dare, senza ricevere (non sempre, of course)

      Elimina
    4. Effetto di un canguro dello zoo di Perth...
      Ahah
      :)

      _tra mi piace perché è assai originale nel suo insieme di contrasti di eccessi.
      Ovviamente c'è un rischio ed esso è tanto più elevato quanto maggior parte di te ci metti.
      Stasera ella andrà ad un raduno di arti visive io in una milonga creativoide. Siamo liberi e per il momento ancora autonomi. Vedremo, ci sono molti rischi e molte opportunità.

      Vorressere Nagnocca, in fin dei conti, appunto, quanto casino per una mancata chiavata. Del resto io sono quasi tre anni, da quella orgetta in tre, che non infilo il mio cazzo in una fica o in una cula. Quindi non è che sia cambiato granché se non il piacere di una manciata di ore splendide insieme.

      Elimina
    5. No. Comprendo Uomo.. e perché, come sottolinea Wannabe, dovrebbe trovare soddisfazione "solo nel dare"? Una lubrificazione in suo onore è realmente già enorme "bellezza in sé" ;)

      Elimina
    6. Francesco e WB e coloro che sottolineano la mancata trombata dicono che è necessario salire la scala, partono dalle fondamenta, ovvero che un rapporto tra una donna ed un uomo è un rapporto in cui il cazzo entra nella fica o nella cula e ciò li unisce fisicamente.
      In un certo senso è il tantra più profondo.
      Solo che io mi trovo in cima, con _tra che ho conosciuto negli spazi artistici e/o squinternatici e devo scendere la scalinata fino ad arrivare alla chiavata (permettetemi, linguisticamente, di mettere insieme registri diversi).
      Quando il corpo di una donna mi comunica la sua eccitazione e il suo piacere per me è un piacere grandissimo.
      E' il mio egoismo pazzesco, questo.
      Proprio mi piace. Molto!
      Veramente un piacere. Ecco, se per assurdo (è un dispositivo assai... logico) andiamo alle condizioni al contorno opposte, io che godo e vengo e ella che rimane impassibile o quasi, per me sarebbe brutto, squallido. Preferisco molto ella che viene ed io no che io che vengo ed ella no.
      Sempre osservando che sono situazioni incomplete.
      A me non piace neppure quando entrambi vengono insieme, come mi capitava spesso. Uno si perde il piacere del piacere dell'altro.

      Elimina
    7. No, Man, ma stai tranquillo. E' tutto giusto: loro infatti non si preoccupano del possibile inizio, quanto del possibile finale.

      Elimina
    8. Questione di prospettive.
      Ma a ben guardare io neanche mi preoccupo

      :)

      Elimina
    9. Wannabe: Voi non vi preoccupate, voi ridete mentre lui soffre e s'offre...

      guai a voi, anime prave...

      :))

      Elimina
    10. ma infatti, ma che minchia soffre ?

      Elimina
  9. Non sempre i tempi fisici corrispondono a quelli emotivi...sicuramente lei avra' ancora bisogno di tempo per armonizzare i due aspetti. Trovo molto positivo che, nonostante i suoi blocchi mentali, sia riuscita a lasciarsi andare, e' segno che si fida di te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una delle mie sensazioni.
      Ogni tanto prende atto della fiducia, molla il freno e fa uno scatto in avanti.

      Elimina
  10. A volte non è facile mettere da parte la mente per dedicarsi completamente al corpo. Mi pare però che sia andata benissimo ugualmente, contro ogni sua previsione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono un po' mentale mentre faccio sesso.
      Ma non così mentale.
      Quindi per me è semplicemente semplice essere meno mentale di _tra ma è semplicemente difficile non esserlo affatto.
      Non so.
      Non ho né le competenze né l'esperienza sul campo (ecco, quella proprio no ;) per capire se e come fare per essere nel corpo ovvero, in quei momenti, un po', almeno un po' qui e ora.
      Molte delle tecniche del tantra sono proprio per essere calati completamente nel corpo durante l'eros. Anzi, per dirla tantricamente, per essere l'atto.
      _tra ha avuto piacere con il petting, a me ha dato piacere farle provare piacere e sentirsi molto desiderata.
      Io non sono nella testa di _tra e non so che previsioni ella si fosse fatta.
      Ho solo osservato il suo comporto, scatti, frenate, le frasi che ha detto.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.