domenica 17 maggio 2015

Piccole cose

Nella notte tra venerdì e sabato è stato tango.
Musica dal vivo (più impegnativa da ballare per variazioni e improvvisazioni) ed _ela anima di seta. Quando si diventa un ridente, - a tratti perfino ilare - palpitante ed emozionante animale a quattro zampe. Una piccola cosa così Grande.
Ieri ho lavorato in casa: spesa, lavorato per piccoli, poveri e vecchi  lampadari "modernariali",  sistemato e pulito casa, acquistato vino e imbottigliato, cucinato. Sono cancro e queste piccole cose casalinghe mi hanno sempre dato molto piacere. In compagnia, infine, brodo e lesso finali con una boccia di barbera che ho fatto invecchiare due anni e mezzo, cena finta povera s u p e r l a t i v a!!
Qui c'è nebbia e un mare di verde brillante. Tra poco si parte verso i monti alti (o... meno bassi! ;).
Stasera poi, ancora dolce vita in milonga.
Piccole grandi gioie e piaceri domenicali a voi.

22 commenti:

  1. Tanta bellezza :) Buona domenica Uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vissuto due giorni in uno, ieri. :)
      I buoni auspici sono stati efficaci.

      Elimina
  2. I vecchi lampadari mi incuriosiscono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano lì da anni e anni... ho fatto alcuni lavori e ora... sono pronto per poterli montare.
      Vecchi, poverissimi, semplicissimi e meravigliosi (per me). :)

      Elimina
    2. Ma poi ci metti le foto??

      Elimina
    3. Direi di no.
      Mai pubblicato foto inerenti la mia casa / le persone che frequento / frazione in cui abito / edifici o luoghi che frequento, Pippa.
      Non me ne volere.

      Elimina
    4. Tranquillo, Uomo. Ognuno la sua policy. Solo curiosa, che quando si parla di cianfrusaglie e modernariato non sono più in me.

      Elimina
  3. off topic

    ecco perchè gli immigrati ci sovrasteranno.......

    http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/15_maggio_18/negra-non-prende-10-offese-studentessa-eee30e78-fd4f-11e4-89c0-2d04d30beee6.shtml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco mi fai ridere. Gli immigrati ci sovrastano per il solo fatto che sono qui in violazione delle nostre stesse leggi. Siamo come le verginelle della letteratura che dicono no no e intanto...

      Elimina
    2. qui invece spiegato perchè Renzi governerà fino al 2065

      http://www.termometropolitico.it/1174493_vitalizi-lopinione-di-parte-del-pd-cuperlo-tagliarli-non-risolve-problemi-finanza-pubblica.html

      Elimina
    3. Lorenzo, non sembra che quel senegalese sia un irregolare, intendo il padre, a maggior ragione la figlia.

      nelle classi delle superiori in Italia è ormai prassi diffusa che i figli di cinesi, slavi e africani (già i latinoamericani direi meno) vanno spesso a scuola.

      qui non volevo fare politica, volevo rappresentare una cosa che noi genitori sappiamo benissimo. lì sì che ci giriamo dall'altra parte, altrochè.....

      Elimina
    4. Mi fai ancora più ridere con la paroletta "irregolare", che suggerisce che esistano immigrati "regolari".

      L'unico immigrato regolare è il turista o lo studente che entra in Italia col suo passaporto e col suo visto richiesto al consolato italiano del suo Paese, oppure il cittadino di uno Stato con il quale l'Italia ha stipulato un accordo di libera circolazione.

      Tutti gli altri, compreso l'ex-ministro con la K, sono immigrati che entrano in Italia e vi soggiornano violando la Legge. Una Legge che è stata prima aggirata con ripetute "sanatorie" con le quali sono stati distribuiti permessi di soggiorno a chiunque li richiedesse, poi resa superflua con la depenalizzazione per cui chi risiede in Italia senza documenti e senza permesso compie un illecito amministrativo meno grave che la sosta vietata per cui tu vieni sanzionato se parcheggi dove non dovresti.

      Tu non fai MAI politica, la politca è la amministrazione della Cosa Pubblica. Invece sei bravissimo a ripetere certi pensierini che sappiamo entrambi da dove arrivano e dove vanno.

      In passato mi sarei domandato che gusto si prova a volere popolare l'Italia di immigrati di etnie non-europee. Adesso mi è del tutto evidente che si fa per le ragioni delle tre categorie della "sinistra", cioè per idiozia, per ribellismo adolescenziale e per tornaconto della peggior specie, quello del "tanto peggio, tanto meglio". E poi, non dimentichiamoci che la "sinistra" schizofrenica mentre governa l'Italia sta ancora combattendo la guerra civile mai archiviata.

      Ho detto che mi fai ridere? Non è vero.

      Elimina
    5. C'è qualcuno in questo blog che pensa che il coretto di bimbi colorati che canta "bella ciao" mentre gli astanti compiaciuti li riprendono col furbofono sia qualcosa che dimostra quanto l'Italia sia "avanti"?

      Elimina
    6. Sto discutendo di demagogie filo mass migrazioniste a base di mezze verità di queste cose da Menisa Allo Specchio.

      Ecco il benaltrismo di Cuperlo, ancora una delle demagogie a cui manca mezza verità.
      Che è vero che il taglio dei privilegi alle caste può incidere poco dal punto di vista dei volumi, ma ha effetto educativo di importanza straordinaria.


      Aggiungo che è ovvio che ci siano immigrati con una forza dovuta a spartanità delle loro vite che noi abbiamo perso da almeno una sessantina di anni. Ma ciò non significa che il rimedio stia nella importazione di decine di milioni di alloctoni.
      Francesco, la prossima volta allora il nuovo iPhone invece di regalarlo a tua figlia, la mandi in ristorante a fare la sguattera e lo regali alla ragazza senegalese brava in diritto.
      E' un po' coerente sul tuo pensiero, direi.

      Elimina
    7. eri più simpatico in mezzo all'orzo

      comunque quella ragazzina sicuramente va meglio a scuola di mia figlia, del figlio di uomo o di tua nipote, o di tuo nipote.....

      'sta negra di merda !

      Elimina
    8. uomo, esistono le persone. che ci danno fastidio, quando sono migliori di noi, perchè sono diversi da noi. qui non c'entra come educhiamo (male) i nostri figli, ma come guardiamo con "stupore" alla diversità. non è un fatto nuovo. è sempre successo. pensa ai figli degli immigrati del sud 40 anni fa. naturalmente non si importavano solo brillanti laureandi ma anche provati delinquenti.
      in questi giorni ha fatto scalpore l'undicenne figlio di senegalesi che ha picchiato una coetanea perchè portava il crocefisso, salvo poi scoprire che sotto il crocifisso lui ci giocava sempre a calcio balilla e che si è trattata di normali screzi tra undicenni.
      io rifuggo il sensazionalismo, di qualunque tipo, credo che convenga anche a te fare la stessa cosa.
      ma quando arriviamo a negare una cosa evidente (che in una classe di bianchi a primeggiare sia l'unica adolescente di colore) o ancor peggio andiamo a cercare altre cause (quell'adolescente in Italia non doveva starci) vuol dire che come capacità di ragionare siamo messi male. peggio che alla frutta. molto peggio

      w la milonga naturalmente ! :-)

      Elimina
    9. > 'sta negra di merda !

      Queste sono le tue/vostre parole razziste o antirazziste (che sono duali, le due facce delle stessa medaglia).
      Mai scritto roba del genere.
      Tu non hai capito il concetto n° 0 base del problema
      perché non vuoi capirlo.

      Elimina
    10. La frase "esistono persone che ci danno fastidio" è abbastanza ambigua.

      La stessa persona non ti da fastidio se la incontri al bar ma se invece la trovi seduta suo divano nel soggiorno di casa tua comincia a cacare un po' il cazzo, se poi quando gli chiedi "scusi chi è lei, cosa ci fa in casa mia" questo ti risponde "questa casa è di tutti" a quel punto scommetto che ti darebbe parecchio ma parecchio fastidio.

      Ma ecco l'abile mossa: non si parla di casa tua, si parla dell'Italia e l'Italia non è degli Italiani, concetto vagamente "fascista", l'Italia è di tutti e quindi non è di nessuno. D'altra parte, non si dice "siamo tutti migranti?", non si dice "siamo tutti clandestini"? Quindi non esistono nemmeno gli Italiani, cioè quelli che potrebbero rivendicare il possesso dell'Italia.

      Veniamo alla ragazzina in questione oppure al crocifisso. Francesco, ma a chi la racconti la favola che questi articoli vengano pubblicati PER CASO? A chi la racconti che la smentita segua PER CASO? Pensi che qui siamo tutti bambini di tre anni e adesso diciamo

      "noo, hai visto quel ragazzino nero, mica ce l'aveva col crocifisso! Tutta una montatura dei biechi razzisti".

      Oppure diciamo:
      "guarda che infami in quella classe che sono invidiosi della ragazzina studiosa e non vogliono riconoscerle il merito solo perché è nera..."

      Ma basta con queste corbellerie da due soldi.
      La ragazzina nera non è "sbagliata" perché è nera ma perché, sempre ammesso che suo padre non sia un diplomatico o un dirigente di azienda venuto in Italia con tutte le carte in regola, non dovrebbe studiare in una scuola italiana ma in una scuola del Congo. E non perché è nera ma perché, esattamente come il ministro con la K, non si entra in Italia e non vi si risiede senza documenti e permessi di legge.

      Oppure, diciamo che vale tutto e allora vale anche rubare, pagare coi soldi falsi, qualsiasi cosa.

      Elimina
    11. Lo ripeto forse non è chiaro: solo un cretino può pensare di fare studiare tutti i ragazzini congolesi nelle scuole italiane.

      A quanto pare nessuno si preoccupa cosa facciano i ragazzini in Congo.

      Quindi la logica conclusione è che si premiano i Congolesi che sono immigrati illegalmente in Italia e si puniscono i Congolesi che rimangono legalmente (o perché non hanno altre possibilità) in Congo.

      La cosa è tanto più paradossale quando viene dalla "sinistra" che in teoria dovrebbe "stare dalla parte dei deboli" e quindi dei ragazzini rimasti in Congo. Invece no, quelli possono anche andare a farsi fottere, a noi piacciono solo quelli che vengono qui, non importa come.

      Elimina
    12. Adesso parte l'obiezione meccanica: "ma questa ragazzina è nata in Italia" da cui "jus soli subito, priorità del Governo". Anche per quello esiste o esisteva una normativa, indicata (se non l'hanno rimossa) nel sito del Ministero degli Interni. Lo sanno anche i sassi che nascere in Italia non ti rende ipso facto italiano.

      Inoltre, la faccenda dello "jus soli" ha il simpatico corollario che la ragazzina nasce in Italia, acquisisce la cittadinanza e quindi per transizione la fa acquisire di fatto a tutti i suoi familiari, perché non puoi espellere padre, madre, fratelli, zii, nonni, eccetera.

      Invece dello "jus soli", aboliamola una volta per tutti la cittadinanza. Invece di 50 milioni di Italiani, facciamo 50 milioni di "cittadini del mondo", quindi di APOLIDI, gente che non ha una "polis".

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.