martedì 19 maggio 2015

Antagonisti a sé stessi

I blocchi neri raccolgono, come ultras o altri movimenti di violenza collettiva, persone che vogliono sfogarsi, che desiderano esprimere il loro rancore, diventano collettori di violenza. La violenza esiste e trova sfogo. Non è un'apologia dei blocchi neri, solo una constatazione della realtà. Anzi, da sempre sostengo che è necessario imporre limiti molto duri, l'ecologia della repressione, anche per permettere a questi sensation seekers di rischiare veramente, di vivere la trasgressione e non una parvenza di trasgressione.

Su Il Manifesto - vado a memoria - in occasione degli scontri per il G8 a Genova, la classica immagine in grande che caratterizza la prima pagina di quel quotidiano, immortalava un blocco nero con le Nike ai piedi che stava tirando qualcosa (una molotov?) contro 'na roba multinazionale.
So che hanno "beccato" un blocco nero con un (presunto) rolex al polso. Qui sotto, da un articolo del corriere, un antagonista contro capitalismo, multinazionali, sfruttamento,  no global, etc. con calzature opportune. Tutto e il contrario di tutto, antagonisti fino ad esserlo a sé stessi.
Questo va a inficiare notevolmente le ragioni delle proteste, della resistenza, in questo caso alla devastazione Merdexpo. Un po'  come gli scioperi indetti di venerdì.


(reuters)

17 commenti:

  1. Man, ma chi sono questi blocchi neri? Certo, ci vuole un discreto coordinamento per muoversi nella maniera in cui si è visto, no?

    Mi ha colpito l'immagine dei bastoni tutti uguali, una sorta di armamento comune.

    RispondiElimina
  2. UomoCoso io trovo veramente fantastico che tu faccia finta di non vedere, oppure non veda, che sarebbe peggio, che non si tratta affatto di "persone che vogliono sfogarsi, che desiderano esprimere il loro rancore" ma che invece si tratta di fenomeni che continuano la linea "para-rivoluzionaria" del comunismo italiano non-ufficiale.

    Questo non significa ovviamente che se tu parli con un tizio mascherato questi ti sappia fare l'esegesi de Il Capitale. Non sono mai esistiti i "militanti" coscienti e consapevoli. Sono solo la carne da cannone, indottrinati perché eseguano gli ordini.

    Riguardo il fatto che vestano "alla moda" o che siano benestanti, anche quello è sempre stato vero. Senza citare il solito Pasolini e il borghese antagonista che se la prende col poliziotto proletario, cito il fatto che Robespierre era figlio di avvocato, membro di antica famiglia di notai e "nobiltà di toga". Scuole "bene", Sorbona. Donat Cattin, parlamentare e ministro della DC è sepolto col figlio, ex capoccia di Prima Linea che tra le altre cose uccise un magistrato.

    Quindi, ogni anno siamo qui a ripeterci sempre le stesse cose e questo è il problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi vogliamo vedere la questione da un punto di vista pratico, cioè ignorando i difetti mentali di chi si professa "di sinistra", quando dici "no al capitalismo" devi anche dire "ecco qui il sistema alternativo", altrimenti non dici niente, è come fare un peto.

      "Il sistema alternativo" della collettivizzazione, oltre a essere tecnicamente sbagliato, non funziona per tante ragioni ovvie, la più ovvia è che si collettivizza per poi ricreare una aristocrazia tramite il Partito.

      Sfasciare tutto o non sfasciare alla fine è irrilevante. Qui siamo bloccati dal fatto che chi dice "no" non ha una proposta. Da cui la ripetizione infinita e ossessiva, la paralisi.

      Elimina
    2. Io sinceramente faccio anche fatica anche a inquadrarli in una precisa parte politica (su questo punto poi può anche darsi che mi sbagli, ma non credo di aver raccolto sufficienti elementi e informazioni per avere ragionevoli margini di certezza)

      Io poi dico: possibile che se ci mettessimo un casco io e te ci arresterebbero in mezza giornata e di questa gente non sia stato ancora fatto uno screening dettagliato, soprattutto risalendo a COME, QUANDO e PERCHE' sia stata possibile una simile azione "corale" ?

      Mah...

      Elimina
    3. Appunto, io invece non posso credere che ci sia gente come te, NotteCoso che "fatica ad inquadrare" un fenomeno che esisteva quando io sono nato e che continua ad esistere nel 2015.

      La ragione per cui il fenomeno perdura è che la "sinistra" da sempre adotta il trucco delle "due facce", con una occupa le istituzioni e con l'altra occupa le piazze.

      Chiaro che la faccia istituzionale a parole si dissocia e si indigna ma nei fatti è contigua, cosi come la faccia rivoluzionaria a parole combatte il sistema ma nel fatti è una coreografia fine a se stessa, che gira in tondo, non potendo abbattere lo "Stato Borghese" senza abbattere la faccia istituzionale.

      Il PD di oggi, avendo incluso anche la DC, dimostra questa schizofrenia in maniera ancora più palese, basti vedere la "dialettica" interna che gira gira e non conclude niente. Un contentino a tutti e via andare.

      Elimina
    4. Dai, siamo pratici. A Milano il sindaco è Pisapia. Vai a leggere la sua biografia.

      Quando hai letto la biografia del sindaco di Milano non solo capisci perché certi fenomeni continuano senza soluzione di continuità a livello istituzionale ma anche, visto che i Milanesi l'hanno eletto, che il fenomeno è parte del vivere quotidiano, ormai fa parte del paesaggio, del modo di essere e di pensare della gente.

      Se io passo col rosso, mi mandano a casa le forze speciali ma se devasto qualche posto come "militante" allora ho la patente di "antifascista" eccetera, quindi sono implicitamente nel giusto.

      Immaginati se un giorno ti fermano i Carabinieri per un controllo, tu tiri fuori un bastone e cerchi di darglielo in testa. Se ti sparano nessuno si scandalizzerebbe. Se invece la stessa cosa la fa un "incappucciato" dei centri sociali, il Carabiniere è un nazifascista e l'incappucciato è un partigiano. Quindi se il Carabiniere finisce all'ospedale, bene, se ci finisce l'incappucciato processo per crimine di guerra, indignazione popolare, canti commemorativi, lapidi sul luogo del misfatto.

      Elimina
    5. Dai, Lorenzo, ma devo raccontare a te la storia di questo Paese?

      Le stragi impunite di destra e di sinistra, gli attentati, la guerra fredda (da una parte e dall'altra), le strumentalizzazioni, gli utili idioti di una parte politica sfruttati da quell'altra?

      Sai anche tu che fai in fretta a raccattare un po' di balordi, infiltrarli e strumentalizzare tutto...

      Ripeto: non ho elementi per parlare su questa specifica vicenda, però conosciamo bene le premesse da cui partiamo. Non c'è solo destra e non c'è solo sinistra. (cessata la guerra nessuno era più fascista, ma questo era un paese spaccato a metà, se proprio vogliamo ricondurre tutto semplicemente al rosso e al nero).

      Elimina
    6. Appunto, la Storia continua. Niente di nuovo sotto il sole.

      Però il sindaco di Milano non sono io e non è nemmeno un pincopalla qualsiasi. Al governo non ci sono io e il mio partito degli elfi, c'è il PD.

      Vai a vedere tale Casarini, vecchio capoccia di centri sociali, cosa fa di mestiere.

      Eccetera eccetera.
      Poi si, servizi deviati, stragi, bombe, omicidi misteriosi, anche Presidenti che trattano armistizi con la mafia... e con questo?

      Qui si parlava dei "BlackCosi" e io ho scritto da dove vengono e dove vanno, cioè che girano intorno e ho spiegato perché continuano ad esistere da prima che nascessi io, tali e quali.

      Elimina
    7. Si, ma tu sai che io potrei individuare una certa azione e lasciar fare per strumentalizzare. Sono rossi e li sfrutto per fini comodi ai neri. Oppure sono neri, ma li sfrutto per obiettivi target di quelli rossi.

      C'è Milano, ma c'era anche Genova, poi ci sono anche importanti città in Europa dove certi film sono andati in onda in maniera abbastanza simile.

      Alla fine, il potere (quello vero) non è né rosso né nero: mira, semplicemente, al potere e si serve di tutto, travalicando ogni cosa.

      Elimina
    8. Tu puoi lasciar fare per strumentalizzare, puoi fare accadere eventi o piegare eventi a tuo favore ma quelli che vanno in manifestazione mica ci vanno perché sono costretti. ci vanno perché da 70 anni c'è questa mistica del rivoluzionario (più o meno consapevolmente comunista) e loro vogliono fare parte della comunità dei "compagni" e partecipare a questa messa, che come la messa cattolica, rimette in scena ogni volta la stessa identica storia.

      Ripeto, forse non è chiaro. A me nessuno propone di andare in manifestazione perché, a parte che non credo che la manifestazione possa ottenere un qualsiasi scopo utile e anzi, normalmente è controproducente, mi dovrebbero poi spiegare le ragioni.

      Invece c'è gente per cui la manifestazione è un "evento" che ha una sua esistenza indipendente che prescinde sia dallo scopo che si vuole ottenere che dalle ragioni. La manifestazione è sempre e comunque una cosa che nobilita chi vi partecipa, è una cerimonia sacra e i "militanti" sono investiti di una autorità e di una missione altrettanto sacre, per il solo fatto di essere li.

      Il "potere vero" non ha niente a che fare con tutto questo e non stiamo parlando di "potere vero", stiamo parlando di quattro ( a volte quattro più quattro) pirla che, per una idea confusa di "rivoluzione", spaccano cose e si picchiano con la Polizia. E stiamo parlando del fatto evidente che questi quattro pirla sono contigui alla "sinistra" istituzionale che li nutre e li protegge, perché non può rinnegare la mistica rivoluzionaria senza dire che Dio non esiste.

      Riguardo i Neri, premesso il solito discorso sul significato storico delle parole destra - sinistra e del significato nella "vulgata" attuale, se per ipotesi fantascientifica una roba come Genova l'avessero organizzata Casa Pound e Forza Nuova, facendo venire i camerati da tutta Europa, in Italia sarebbe stata dichiarata la legge marziale e se ci fosse scappato il morto, di sicuro non gli avrebbero intestato vie, piazze e aule parlamentari.

      Elimina
  3. Devo dire che ... ritengo non ragionevole uniformare i blocchi neri in una unica categoria con caratteristiche simili o connotata ideologicamente in modo uniforme.

    Ho fatto l'esempio degli ultras:: in quel movimento si infilano persone che sono anche poco interessate al calcio ma che sono molto interessate alle devastazioni.

    La violenza e la possibilità di devastazione sono allettanti e lo sono ancor più per gruppi persino incompatibili.

    Il borghese figli di papà che ha sinistre mire salvifiche, un piccolo catechista e missionario che salva la società dalle sue ingiustizie e lo fa con una catarsi violenta (la categoria del parcheggio la Mercedes a 3' a piede dal centro sociale e poi vado in esso per organizzare l'azione antagonista).

    Il balordo che è incazzato perché non può essere Ronaldo o perché ritiene ingiusto che non possa farsi l'audi TT nuova e deve andare in giro con la sua Punto e va al centro sociale per fare il "degenero".
    Sono le razzie di esclusi dai beni posizionali che si sono già viste in varie città del mondo.

    Ci sono gli inflitrati che fomentano l'azione violenta per poterla sfruttare per scopi di potere. La stessa dirigenza del paese può decidere alcune strategie piuttosto che altre a scopo di propaganda e di formazione delle masse.

    Ci sono delinquenti e vandali che semplicemente salgono sui disordini come su un autobus per i loro scopi.

    Ci sono, infine, anche degli antagonisti con una preparazione ideologica e politica come tra gli ultras ci sono anche degli appassionati sfegatati della loro squadra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Man, però se uno ha un briciolo di sale in zucca non si fa strumentalizzare.
      Seconda cosa, come vedi, l'aspetto ecologico è decisamente passato in secondo piano...

      Elimina
    2. L'aspetto ecologico è inviso alla maggioranza degli homo e alla hybris di specie.
      Non c'è motivo per cui i blocchi neri facciano eccezione.

      Elimina
  4. UomoCoso, non solo non concordo con la tua generalizzazione che taglia i legami tra gli incappucciati e la "sinistra", trovo che sia un riflesso condizionato che ancora a te è indispensabile per tenere in piedi tutta una serie di consuetudini a cui non puoi rinunciare e per non dovere tirare le conclusioni del ragionamento.

    Invece cosi i fatti di Genova sono uguali a un derby Roma - Lazio e risolviamo tutto col famoso "disagio sociale" che spinge le plebi alla violenza irragionevole. Tutto molto più semplice e tranquillizzante.

    Infatti io non devo andare a rileggere la biografia di Pisapia, posso fare finta di non ricordare le manifestazioni che vedevo a Milano quando ero alle medie, al liceo, all'università, al lavoro e ancora oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io invece ricordo e vedo, non mi piace il gioco delle tre scimmiette.

      Elimina
  5. Ecco un interessantissimo reportage che mette insieme il mio incubo peggiore (Parenzo) con l'incubo peggiore di Francesco (Di Stefano):
    Di Stefano il fascista 2.0 che per fermare i migranti vorrebbe rioccupare la Libia

    Sempre tenendo presente che il contrario è impossibile, cioè non esiste un "giornalista - showman" di Casapound che "intervista" con presa per il culo un esponente della "sinistra".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maggior parte delle cose dette da Di Stefano sono sensate.
      Rispetto a lui io sono più libertar(ian)o su alcune cose ma sono dettagli.
      Noi siamo arrivati ad un tale religiosismi sinistro e a regressioni oscurantiste così gravi che Salvini e Di Stefano sono gli unici che, in campi come identità nazionale, egalitarismo (Ieggi uguali per tutti) sono degli Statisti illuminati.

      Parenzo è uno di quei mestieranti della morale che campano creando problemi.
      Il fatto che egli sia religioso praticante (dell'ebraismo, non del cattolicesimo o dell'islam) non è affatto un caso.
      Sono persone false, ipocrite e di un moderatismo fanatico, fondamentalista, con le quali non puoi parlare. Ripetono come degli ossessi i loro slogan, i loro versetti, i loro articoli costituzionali come degli invasati.
      Sono tra le persone peggiori che esistano, che causano problemi in cascata e sempre più grandi.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.