martedì 5 maggio 2015

Sciopero contro la "buona" scuola



_zzz mi ha segnalato questa intervista, sul Mattino, a Paola Mastrocola, "Il sindacato ha rovinato la scuola e l'Italia. Oggi insegnanti scarsi sfornano studenti analfabeti". Riflessione interessante. Uno dei punti contestati è la concentrazione del potere nei presidi. L'intervento renziano assume che sia una buona cosa. Lo sarebbe se i presidi fossero persone intelligenti, competenti, razionali e con etica e dimensione ecologica della vita (io sceglierei MrKeySmasher come preside e insegnante per mio figlio). La questione è: i presidi sono meglio, peggio o grosso modo equivalenti agli insegnanti o di altri metodi di assegnazione-gestione non personali(stici)?
Sebbene io sia ferocemente critico con la demagogia democratica o democrazia demagogica, so che possono esistere sistemi peggiori come le oligarchie travisate o autoritarismi nelle mani di una sola persona.
In altre parole ritengo che un gruppo di pazzi e dementi con meno potere dovuto alle loro risse sia molto meno pericoloso di un pazzo demente con il potere accentrato nelle proprie mani (*).

Le osservazioni di Lorenzo sull'insostenibilità (anche) del sistema scolastico trovano terreno fertile in me ecologista come il fatto che esso sia diventato funzionale al “creare” posti di lavoro e non alla pedagogia e alla ugualizzazione al peggio. Anche quelle di Francesco sono sensate.

La scuola come altre dimensioni del vivere non vive in uno spazio dirittista metafisico ma deve essere una delle voci di un bilancio: abbiamo tot risorse possiamo fare tot cose. Se prendo più di qui devo tagliare di là. Se metto miliardi nella TEEM, BreBeMi, People Mover a Bologna, Merdpo, TAV Brennero, per gli inceneritori, mercato elettrico depravato, per sostenere e favorire lo tsunami migratorio, non li avrò per la scuola.
La scuola è una delle voci di un bilancio e compete con altre. Al suo interno la questione si presenta ricorsivamente: se spendo tot in stipendi, non avrò soldi per le strutture, se spendo tot per le spese correnti, non avrò tut per gli investimenti e viceversa come è noto e risaputo in ogni testo elementare di economia.

Si ripropone il dilemma della falsa percezione di HoCA per il Paese: le regole per la provincia di Bolzano e di Pordenone non possono essere le stesse per la provincia di Reggio Calabria o di Caserta, vale anche per le scuole. Il rischio di baroni, in queste ultime, è una realtà, si pensi solo alla malasanità conclamata di baroni primari in molte strutture sanitarie meridionali. (**)
La classe insegnante non può essere migliore del paese che la esprime, neppure quella dei presidi. Il materiale umano del paese è quello che è.
Anche le scuole dovrebbero essere gestite su base locale con contratti locali: responsabilizzare la gente legandola al territorio e rispetto alle conseguenze proprie scelte. I catanzaresi si scelgano i contratti e le modalità che ritengono e possono sostenere, gli aostani facciano lo stesso.

Da questo punto di vista l'unico rimedio e l'impegno personale, lo studio, nel tempo libero avere varietà di interessi e passioni intelligenti, l'esempio dei genitori di fronte ai figli che è la prima scuola di vita e la più importante.
Stiamo freschi.

70 commenti:

  1. Qui si aprirebbe un'altra pagina sul mito della governabilità, una delle più pacchiane stupidate che caratterizza da lustri lo scemenzaio demagogico poteritico e partitico, insieme con la grande frode del bipartitismo. Se c'è una cosa peggiore del fare cose pessime con le difficoltà di pesi, contrappesi, opposizioni etc. c'è sicuramente il fare cose pessime con più potere, in meno tempo, su scala più grande.

    RispondiElimina
  2. Nella città lombarda in cui vissi per oltre un ventennio c'era un caso paradigmatico di due reparti di medicina generali, sullo stesso piano dell'ospedale maggiore molto buono se non eccellente per quasi tutte le funzioni. Uno che funzionava egregiamente, uno che andava a rotoli, faceva schifo. Stessa struttura, stessa risorse, stesso contesto, due primari distinti.

    RispondiElimina
  3. Il mio post riporta il link allo stesso articolo. TI ho risposto di la.

    RispondiElimina
  4. Ditemi che non siamo dentro Matrix e che queste scene non fanno vomitare:

    Protesta degli insegnanti per la riforma della Scuola

    Una classe di studenti che impara nozioni fondamentali

    Depressione oltre ogni immaginazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtyroppo io osservo una associazione sempre più frequente tra coloro che sostengono i nuovi invasori e la violenza delle migrazioni di massa e quel canto che racconta la lotta contro l'invasore straniero.
      Come è noto in teoria della comunicazione sono i fatti che contano.
      Quindi la maggior parte della sinistra mi sta portando a detestare quel canto che inveve aveva un senso e è/sarebbe bello.
      Ciascuno padrone a casa propria senza invasori di nessun genere!

      Elimina
    2. Lascia perdere per un nanosecondo l'invasione.

      Pensa per quale ragione la gente sente la necessità di cantare una canzone che idealmente rimanda alla guerriglia, con particolare riferimento alla guerriglia comunista, dentro una classe di bambini stranieri oppure durante una manifestazione dei sindacati della Scuola.

      Che concetto vogliono esprimere cantando quella canzone?

      Elimina
    3. Ti rispondo io, anche se non pretendo d'avere la verità in tasca: qualche personaggio in maggiore o minore buonafede (spesso "minore") dà il "la" con un motivetto che tutti conoscono, gli altri si aggregano perché cantare tutti insieme è emotivamente coinvolgente. Per quanto riguarda i gregari che si accodano, va bene "Bella ciao" come andrebbe bene l'inno nazionale (non meno gettonato e non meno a sproposito), come andrebbe bene una canzone di Vasco Rossi o di qualche altro personaggio popolarmente stranoto, come andrebbe bene un bell'Alleluja di quelli insegnati a catechismo, come andrebbe bene il jingle che accompagna gli spot del "Mulino Bianco".

      Del fenomeno s'avvantaggiano i manipolatori di qualsiasi parte politica (e non solo politica). In questo campo sono molto attivi i manipolatori "mancini", ma chi è stato ad una manifestazione d'area berlusconiana negli "anni d'oro" del berlusconismo non avrà problemi a riconoscere che altrettanto abili sono stati i manipolatori di quello schieramento. Se poi si tornasse indietro di alcuni decenni, si troverebbero esempi d'oro nell'uso manipolatorio delle canzonette fasciste... e via all'indietro o lateralmente fin dove vi pare d'andare.

      Elimina
    4. Naa, troppo facile. Queste storie non le puoi raccontare a uno che da bimbo marciava in cortile cantando "bandiera rossa" invece della canzone del pulcino.

      Elimina
    5. Pero', Lorenzo, tu stesso dicevi che tuo padre era costretto a cantare le canzoni fasciste.
      Passano i decenni ma i comportamenti umani e collettivi sono sempre quelli. Una tendenza orribile alla omologazione. I comportamenti gregari creano dei mostri e le peggiori cose della storia sono sempre state movimenti di massa.
      Ovvio: le minoranze non hanno la forza per imporsi.

      Ora c'e' l'omologazione a sinistra che e' come le altre, lo stessa insofferenze per chi non si adegua al coro pecoreccio.

      Elimina
  5. Io credo che abbiamo tutti quanti avuto insegnanti pessimi, altri in gamba, altri ancora che ti facevano innamorare della loro disciplina.
    Io ho fatto il liceo classico, non mi perdevo una domenica con le amiche, ma il sabato studiavo, eccome!
    Oggi mi sento dire dai genitori che i ragazzi il sabato, poverini , devono riposarsi!
    E allora cosa si aspettano?che la scuola prenda dei figli pigri e svogliati e glieli restituisca dei geni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche mio figlio studia di meno di quanto studiassi io.
      E va anche meno bene di me.
      Io non avevo le distrazioni continue che ha e, sottolineo, sia sua madre che io che il suo semipadre siamo abbastanza attenti a evitare eccessi nei mille trabiccoli musicali, virtuali, internettici.
      Come scrivevo in chiusura di questa pagina la prima scuola è la famiglia e se in famiglia si tiran su i figli come fossero principi e principesse, senza coinvolgerli in nessun lavoro e portando loro l'acqua con le orecchie, si otterranno degli smidollati che non hanno alcuna idea né di impegno, né di volontà.
      Brava Sara, concordo!

      Elimina
  6. Se penso a certi insegnanti di mio figlio mi viene l'orticaria. Prima di assunerne di nuovi dovrebbero licenziare gli/le competenti. Ma in questo paese vige il principio del lavoro in ambito statale come diritto divino...e nessuno tocchi Caino. Ziocane, si fanno anche tre mesi di ferie pagati e si lamentano pure. Li manderei a raccogliere pomodori, cazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi correggo: dovrebbero licenziare gli Incompetenti.

      Elimina
    2. Credo che la cosa valga per tutti i settori lavorativi. Capisco che la scuola costituisca un ambito molto particolare e strategico perchè si occupa delle generazioni future, quindi l'attenzione dovrebbe essere massima.
      Se seguissimo la tua logica, bisognerebbe licenziare mezzo mondo in tutti i settori non meno fondamentali per la vita di tutti noi: industria, informazione, sanità, agricoltura, politica, e via discorrendo.

      Gli antichi avevano già chiaro tutto e dicevano: "Schola magistra vitae", la scuola è maestra di vita. Impari subito che ci sono persone eccezionali e stupidi o che l'autorità non è infallibile.
      Chiaramente, deve esserci sempre la figura genitoriale, non si può demandare tutto alla scuola.

      Elimina
    3. Non ho esperienza di pubblico, sempre lavorato nel privato.
      Ho ferie e malattia pagate solo da un paio di anni. Del resto, tutto il precariato lavora nelle stesse condizioni.
      Non esiste una categoria "insegnanti": si tratta (com'è ovvio) di persone. Ho avuto incontri luminosi di docenti che si portavano in campeggio gli alunni nei loro fine settimana, ed esempi vergognosi (maestra alcolista intoccabile e intrasferibile). Il problema, a parer mio, è quello di tutto il comparto pubblico. La maestra in gamba va incentivata, l'altra va allontanata. Stop.
      E poi. Come la mettiamo con la formazione? Tutti sanno che nessun docente è obbligato ad aggiornarsi?

      Elimina
    4. x Spirito Libero:
      Il mio peggiore fu un insegnante di fisica alle superiori.
      Leggeva il Manifesto in classe, non aveva voglia di fare nulla, aspettava solo di andare in pensione con quelle formule assurde da pensionati bebè tipo quindici anni sei mesi e un giorno di contributi.
      Uno così fa dei danni incalcolabili.
      In effetti un approccio maoista, andare farli lavorare duramente, sarebbe rieducativo. Mi viene in mente la pulizia delle discariche diffuse che si sono formate lungo le strade dovuta ai "gioiosi usi e costumi della ricchezza colorata dei migranti".
      Quindici anni sei mesi e un giorno di pulizia.
      Ogni tre quintali di rifiuti differenziati conferiti, un giorno di pena in meno.
      Eh!? :)

      Elimina
    5. NotteCoso, forse facciamo finta di dimenticarci il nocciolo del problema: I DANNATI SOLDI.

      Gli "insegnanti" non sono "persone", sono stipendi, pensioni, contratti, concorsi, titoli, carte bollate, ricorsi, eccetera. Tutto questo ha un costo che viene sostenuto con le imposte.

      Adesso mi dirai che non è un problema tanto il "debito" è sostenibile. Adesso però è il periodo delle dichiarazioni dei redditi e il concetto di "sostenibile" lo possiamo toccare con mano.

      In poche parole, ognuno valuta se le imposte che paga sono commisurate ai servizi che riceve.

      Ci sono persone che ricevono 100 e danno 10, questi sono contenti. Ci sono persone che danno 100 e ricevono 10, questi sono scontenti.

      Io però mi domando e chiedo, quando si canta "bella ciao" praticamente ovunque, ormai la devi cantare anche al casello altrimenti non si alza la sbarra, quale sia la logica con cui vengono amministrate le risorse dello Stato.

      Non so, forse siamo in guerra e non me ne sono accorto. O sono io il nemico e qualcuno è in guerra contro di me?

      Elimina
    6. UomoCoso, ormai sei perso.
      Non ti rendi nemmeno conto della satira implicita nell'invocare il "metodo maoista" contro uno che legge il Manifesto.

      Elimina
    7. x nottebuia:
      I cialtroni nella scuola fanno più danni di cialtroni in altri settori. Proprio perché inquinano segmenti vulnerabili e in formazione.
      Quando Umberto Bossi si oppose all'idea di ridurre gli insegnanti elementari da tot ad uno aveva ragione: se tu metti una classe di bambini nelle mani di una cialtrona, incompetente, fancazzista, la rovini.
      I genitori sono a loro volta figli e persone di questa società.
      Spesso le note e le punizioni dovrebbero essere comminate a questi rovinafigli che crescono, non di rado, dei bamboccioni.

      Elimina
    8. x gioia:
      > La maestra in gamba va incentivata, l'altra va allontanata
      Come farlo? Il problema è capire come farlo.
      Decidono i genitori? manineicapelli
      Decidono gli alunni? manineicapelli
      Decidono i presidi? ohmammamia
      Decidono i sindacati? mi suicido subito
      Decidono gli altri docenti? ecco 'na nuova casta.

      Elimina
    9. x Lorenzo:
      Certo che bisognerebbe applicare un metodo comunista (anche se il comunismo maoista e quello occidental-sovietico sono stati alquanto diversi) al cialtrone fancazzista comunista.
      Pena del contrappasso.

      Scherzi a parte, l'idea maoista di "rompere" i ruoli di potere e le patologie che essi comportano ha un che suo valore.
      Una sorta di rotazione non agricola ma professionale.
      Qui invece abbiamo i ministri dei trasporti che non hanno mai preso un treno di pendolari e che se ne girano con l'aereo, l'auto blu, i ministri della sanità che si vanno a curare nella clinica privata.
      Una dissociazione completa tra realtà e teoria.
      Dimmi che sbaglio!

      Elimina
    10. Sbagli.

      Tutto quello che ha anche una vaga connotazione comunista è necessariamente sbagliato. Cose, persone, idee, qualsiasi cosa.

      Il tuo sbaglio è che continui a volerci avere a che fare. Non farmi formulare delle teorie sul perché.

      Elimina
    11. Lorenzo, Uomo

      Mai come in questo ambito la logica dal basso è quella giusta. Preferisco la scuola pubblica, preferisco sia lasciata libertà di insegnamento.

      Ho avuto insegnanti di tutte le risme e di tutti gli orientamenti politici. Fancazzisti assoluti e gente che si legeva i compiti in classe anche di notte per capire meglio gli studenti e le loro necessità.
      C'era il docente "Bella Ciao" e c'era il docente "Vincere, e vinceremo!"

      Quando poi sono sbarcato nel mondo, ho visto che era di gran lunga peggiore della scuola che avevo frequentato. Un disastro totale: meno male che, almeno, non ero cresciuto nella bambagia e una mezza idea me la ero già fatta a scuola...

      Occhio: con questo non voglio giustificare i difetti della scuola che DEVE essere migliorata, come tutte le cose. Voglio però dire che il materiale umano è sempre quello, per quanto si tenti di selezionare: difficilmente riusciremo a ritagliare ambiti perfetti nel contesto in cui ci troviamo...

      Elimina
    12. Infatti lo vedi quante manifestazioni ci sono di docenti "vincere e vinceremo" che fanno cantare "faccetta nera" agli immigrati.

      Smettila di vendere balle NotteCoso, sai che non sono la persona più accondiscendente del mondo. Non mi provocare.

      Una cosa è ovvia: la Scuola è solo una incarnazione tra le più critiche e impegnative (anche per i numeri coinvolti) della Pubblica Amministrazione. Non è la Scuola che fa cacare, è tutta la Pubblica Amministrazione, esattamente per le stesse ragioni.

      Aspettarsi che chi è colpevole dello sfascio sia anche capace di porvi rimedio è abbastanza insensato.

      Elimina
    13. Lorenzo, io però ricordo che quando c'erano gli scioperi, gli insegnanti "bella ciao" erano la minoranza. La maggior parte erano presenti, non facevano notizia e si continuava a far lezione.
      I Telegiornali poi parlano solo dello sciopero, ma la maggioranza silenziosa sta sempre in classe.

      Comunque, a partire dagli anni 80 a mio avviso la logica si è completamente ribaltata. Il trend dominante non era più quello del comunista con l'eskimo ma il paninaro con i vestiti firmati. Chiusi gli anni 70, si è aperta l'era degli Yuppies e del perbenismo reaganiano-thatcheriano...(l'ideologia culturale dominante è decisamente cambiata)

      Poi, su questo, mi rendo conto che possiamo aprire una flambata pazzesca...

      Elimina
    14. Ovviamente il mio commento era riferito agli disegnati CIOFECA che scaldano la cattedra, non dubito che vi siano anche docenti in gamba e assolutamente meritevoli ma il loro e' piu' un volontariato che altro... soni pagati al pari di chi non fa il minimo sindacale (a proposito dei sibdacati:altri grandissimi perditempo inutili... si andassero a rileggere gli articoli della costituzione che li riguardano e iniziassero a fare il loro vero dovere) e magari si prendono pure parole dagli altri perxhe' non fanno gli scioperi del cazzo, che guarda caso sono spesso collegati a giorni festivi..cosi' sifanno pure i ponti al mare, questi fancazzisti. Criterio Meriticratco! Chi lavora seriamete sia ben pagato, chi non fa niente a casa.

      Elimina
    15. La scuola alla Gelmini, quella che "ha preso" non ricordo se la laurea o l'esame di stato a Messina. Stiamo freschi.

      Ovvero la plastica berlusconiana nella scuola, il modello yankee "prepara idioti specialisti del millimetro quadrato USA&getta per l'azienda xyz". Dal vajolo al colera.
      Ad esempio, una critica che viene da sinistra, contro gli invalsi (che in principio sarebbero una cosa sensata) è che abituano gli alunni a schemi di complessità elementari: segna 'na crocetta qui, non segnarla là.
      E questo è da sempre un modello di valutazione statunitense.
      Io lavorai con non pochi statunitensi e neppure degli sprovveduti e non è che siano 'ste cime, eh!?
      E' la mentalità della semplificazione brutale che sta sotto ai puritani stelle&strisce, la stessa per cui hanno inventato tutte le peggiori cose del modernismo, soluzioni banali che peggiorano i problemi che vorrebbero risolvere.

      x Lorenzo:
      > Tutto quello che ha anche una vaga connotazione comunista è necessariamente sbagliato.
      Lorenzo, posso accettarlo a mo' di battuta, ci rido su, ma finisce lì.
      Tutte le correnti di pensiero e politiche della storia hanno avuto e hanno pro e contro, cose sensate e assurdità, fascismo e comunismo non fanno eccezione.

      Elimina
    16. Il "trend dominante" significa che gli statali venivano assunti tra i "paninari" o tra gli yuppies? Farnetichi.

      Elimina
    17. UomCoso, quale battuta? No no, era una affermazione di fatto. Inutile se vuoi perché lo so che tu ne sei contaminato e non puoi farne a meno.

      Elimina
    18. >lo so che tu ne sei contaminato
      Lorenzo, se vogliamo pensare al metterci in categoria bene & male per sostenere una lotta, come artificio, potrei darti anche ragione.
      Se veramente assumi questa stupidata come categoria mentale, non ti distingui da loro che assumono, appunto, che tutto ciò che non sia nei loro dogmi marxisti, progressisti, internazionalisti, ugualisti, sia male.
      Io detesto le forme di pensiero religioso.

      Elimina
    19. Sei cosi contaminato che ormai non ti rendi conto che fai della auto-ironia involontaria.

      Sai cosa c'è che non va nei test INVALSI e negli altri test che vengono somministrati agli studenti? Che i punteggi medi degli studenti italiani sono molto bassi e che mentre il nord si mantiene nella media europea, il centro è abbastanza sotto e il sud (dove vengono reclutati i "vincitori di concorso") è a livelli pessimi, molto sotto.

      SI vogliono occultare i dati di fatto e cioè che gli studenti italiani sono impreparati e che i diplomi vengono rilasciati solo al fine di permettere le carriere nel Pubblico Impiego ma non corrispondono alla preparazione minima necessaria. E si vuole occultare il fatto che tutto il meccanismo dei "titoli" e dei concorsi è costruito come parte del sistema assistenziale e del voto di scambio.

      Poi non ci vogliamo domandare a quale mamma risponde tutta questa gente che vive di trucchi, imbrogli, assistenzialismo e favori.

      Perché i paninari e gli yuppy.


      Elimina
    20. x Spirita Libera:
      > guarda caso sono spesso collegati a giorni festivi..
      Mettere gli scioperi il venerdì o il lunedì li squalifica completamente.
      E' una operazione stupida, da furbetti del sindacato (i furbi pensano di essere intelligenti e invece sono scemi): avete visto che partecipazione? In realtà un x% se ne è andato a casa, a passeggiare in città o al fiume.
      Se uno sciopero è indetto il lunedì o il venerdì io tendo a non parteciparvi (a volte non ci riesco, come in questo caso).

      Elimina
    21. UomoCoso, tu detesti, non detesti, però vieni da una certa strada e vai su una certa strada. Non vuoi o non puoi cambiare strada. E per camminare sulla strada su cui cammini, devi postulare che i "comunisti" (in tutte le declinazioni) siano intrinsecamente "buoni".

      Siamo sempre al solito discorso, se io intervenissi ad uno degli incontri coi tuoi "gasisti" e similari, direi le stesse cose che sto dicendo qui, partendo dalle tre categorie a salire. Se è necessario, potrei anche preparare una lezioncina ex-cathedra sulle falle teoriche del pensiero marxista, anche se non serve perché NESSUNO di quelli che si dichiara "di sinistra" conosce veramente il marxismo.

      E dopo avere dato della merda a tutti i presenti, non potrei più fare parte di quel consesso. Perché io non chino la testa, non abbozzo.

      Tu invece ci vuoi/devi stare dentro e quindi non solo devi abbozzare, ti devi anche auto-convincere che tutto sommato abbozzare abbia anche la sua giustificazione, che non è tutta merda ma è anche un po' cioccolata.

      Fammi il piacere però, non essendo io uno "pseudo-intellettuale" preferire evitare i paroloni come "categoria mentale". Chi va ad una manifestazione del sindacato e canta "bella ciao" non ha delle "categorie mentali", vuole che il Partito/Stato gli garantisca il lavoretto e la pensioncina. Tutto molto terra-terra.

      Elimina
    22. Lorenzo, lo sforzo per trovare un metodo rigoroso e "oggettivo" di valutazione è encomiabile.
      Quindi gli INVALSI come strumento di misura in più, non come unico strumento di misura.
      La questione è che sempre più frequentemente si tende a "testizzare" la realtà, al pensiero semplice e debole.
      Quando questa robaccia dei test arriva pure a diventare prova unica addirittura a livello accademico, stiamo facendo una porcata.
      Tra le altre cose questi metodi dovrebbero in qualche modo anche compensare le maniche stralarghe di valutazione in meridione. Università di Messina nota appunto per essere un centodiecificio.

      Tra le altre cose _rio, il tuo simmetrico caro amico mio, mi ha mostrato più volte esempi di test INVALSI fatti col culo, ovvero in cui la risposta corretta non esisteva oppure erano più di una.

      Per me il metodo scrtitto + orale + eventuale INVALSI (che in certe materie non ha senso) non può prescindere da scritto e orale.

      Elimina
    23. Aggiungo, grazie alla abnegazione e alle capacità professionali degli insegnanti, pare che tra il 70 e l'80% degli Italiani sia un "analfabeta funzionale". Cioè una persona che sa leggere ma non sa capire il significato di un testo appena un po' complesso. Anche questo fatto, arcinoto, viene occultato in tutti i modi.

      La "buona scuola", la "riforma della Gelmini", bla bla. Poi tutto questo si traduce solo in stipendi, pensioni, contratti, carte bollate. Gli studenti continuano a non sapere leggere.

      In un mondo ideale bisognerebbe domandarsi "ma gli studenti sanno leggere?" ma nel mondo reale ci domandiamo "ma come mettiamo "a ruolo" i duecentomila precari, di cui centonovantamila vengono dal Sud?". Sono due domande abbastanza differenti.

      Un po' come la storia delle pensioni, bisognerebbe domandarsi "ma ce li abbiamo i soldi per pagare le pensioni?" invece la domanda è "ma il diritto alla pensione è adeguatamente rispettato?".

      Elimina
    24. UomoCoso, il tuo amichetto ti ha mostrato una cosa che serviva a sostenere il punto e cioè che è meglio non somministrare nessun test. Perché il test è fatto col culo, quindi nessun test è meglio.

      Rimane però la verità che ho scritto sopra e cioè che gli studenti sono semi-analfabeti. Se non fai il test, non hai nessuna misura, quindi puoi sostenere che non sono analfabeti, sono "diversamente leggenti". Perché alla fine la vera conoscenza non viene dal leggere i libri vecchi e stantii, la conoscenza viene dallo stare con la gente, l'esperienza di vita.

      Guarda, non so perché scrivo queste cose, nel mio attuale stato emotivo. La nota positiva è che, essendo ormai invalido non potrei scatenare l'inferno anche volendo. Quindi mi spegnerò come il replicante in Blade Runner e tutto si dissolverà nella pioggia.

      Elimina
    25. @Lorenzo

      Dai, non è così. Ricordo che al 4 anno di scientifico facemmo uno scambio culturale con degli studenti anglosassoni.

      Noi studenti dello Scientifico spiegavamo letteratura latina (ma anche letteratura inglese) ai loro universitari che frequentavano lauree brevi.

      Loro frequentano 4 anni di scuole superiori in cui passano spesso più tempo in palestra che sui libri (eh, ma lì si che lo sport è valorizzato, neh!) - a 18 anni iniziano università ridicole (criminologia, cinema, ...) e a 21 sono già "laureati" in ingegneria dello specchietto retrovisore.

      Ah: e, tra l'altro, per frequentare molte di quelle università la gente inizia a pagare polizze assicurative da quando i bambini hanno tre anni, perché le scuole si pagano a peso d'oro.
      Attenzione: loro pagano il giusto per coprire le spese, perché quel tipo di scuole deve GUADAGNARE sulla pelle degli studenti. La loro Scuola è una IMPRESA che DEVE fare il maggiore profitto possibile (quindi altro che bocciature e selezioni. Test del cazzo, pubblicità, e via...)

      In un normale liceo noi ci spacchiamo il cubo 5 anni sulle versioni di latino, sugli integrali e su Dante Alighieri. Per fortuna non hanno ancora stravolto la Scuola Superiore come hanno già fatto con l'università (dove c'erano le belle Lauree Magistrali di 5 anni, altro che 3+2, con i crediti e i punti-premio).

      Con certe polemiche (del cazzo, permettimi) abbiamo dovuto rincorrere e copiare i loro modelli e abbiamo introdotto laureette (sempre del cazzo, perdonami) di 3 anni che non servono a niente.

      Discorso assunzioni nella scuola: Lorenzo, non c'è "assunzione" come nella scuola privata con selezione del personale. Ci sono graduatorie e punteggi: tu fai supplenze, maturi un certo punteggio, e poi passano in ruolo i primi delle graduatorie, periodicamente.
      Se hai una laurea, vai e fai il supplente: nessuno ti discriminerà se canti o non canti "bella ciao". Punto.

      Stiamo sempre all'auto-razzismo italiano...noi facciamosempre schifo, all'estero son sempre bravi...

      Elimina
    26. Va tutto bene. Gli insegnanti sono la parte migliore della Nazione. Gli insegnanti che cantano "Bella Ciao" sono la parte migliore della parte migliore, migliorissimi.

      Poi hai ragione, questo non è vero:
      "Secondo i dati pubblicati nel 2005 dell'Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo (UNLA) basati sul censimento del 2001, degli italiani sopra i sei anni quasi sei milioni erano privi di titolo di studio o analfabeti, cioè l'11% contro il 7,5% dei laureati. La stessa fonte riporta uno studio OCSE secondo cui l'Italia nel 2002 era terzultima fra 30 paesi per numero medio di anni di scolarità della popolazione di 25-64 anni, prima solo di Portogallo e Messico. Gli illetterati, cioè gli analfabeti, coloro senza alcun titolo di studio o in possesso della sola licenza elementare costituivano invece il 36,5% della popolazione sopra i sei anni, circa 20 milioni sui 53 censiti nel 2001.[5]"

      E nemmeno questo è vero:
      "Altri dati sono stati forniti dal progetto ALL (Adult Literacy and Lifeskills - Letteratismo e abilità per la vita), dedicato specificamente all'analfabetismo funzionale, nell'ambito di una ricerca comparativa internazionale promossa dall'OCSE. Le indagini svolte sulla situazione italiana nel 2003-2004 su un campione della popolazione compresa tra 16 e 65 anni hanno denunciato un quadro non brillante: su tre livelli di competenza alfabetica funzionale (inferiore, basilare e superiore) il 46,1% degli Italiani è al primo livello, il 35,1% è al secondo livello e solo il 18,8% è a un livello di più alta competenza.[8]

      Il linguista Tullio de Mauro cita vari studi, concludendo che nel 2008 soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea.[9][10]"

      Tralalala, viva viva, c'è il punteggio, gli anglossassoni, noi al liceo.

      Elimina
    27. Aggiungo, non è vero quello che vedo quando esco di casa e incontro la gente, che ormai usa il "tu" sempre e comunque perché sa coniugare i verbi solo al presente, all'imperfetto e al passato prossimo, non è vero che la gente non sa ne come si fabbrica un tappo di sughero ne come fa un aereo a volare, per non dire di cose più complesse, come trovare l'area di un poligono, eccetera.

      Siamo nel migliore dei mondi possibili. Abitato dalla gente migliore possibile. Tranne ovviamente i paninari e gli yuppie, il "capitale umano", c'è anche il film. Un po' come quell'altro film consolatorio, con Bisio che va ad imparare come si vive in un paese della Campania.

      Non ho più neanche la forza di bestemmiare.

      Elimina
    28. Lorenzo, occhio però che io non voglio semplificare tutto riducendo ogni cosa a Italia = buono, Estero= cattivo o viceversa.

      Sto solo dicendo che ci sono tanti risvolti e che non siamo sempre e solo stronzi. Tutto qui.

      Poi, secondo me, gli estremi si toccano sempre. Il "comunismo" che tu aborri ti sta arrivando via "Liberismo".
      Il mercatone GLOBBBALE ha bisogno di gente mediamente uguale, culturalmente uniforme dal Giappone all?Italia, per poter vendere a tutti gli stessi prodotti. Tutti parlano lo stesso inglese maccheronico Nord a Sud per veicolare gli stessi messaggini semplici. Eccetera.

      Occhiio, insomma.

      Elimina
    29. Non capisco cosa c'entri tutta questa pappardella col fatto che il commesso della Coop mi dice "dammi la tessera" perché non sa dire "mi dia la tessera". Oppure se alla radio il commentatore (che si vanta della laurea) dice cose come "se la Juventus avesse schierato Pippo, aveva fatto due gol in più". Oppure cosa c'entra col fatto che ai miei tempi dovevo correggere i testi scritti dai miei dipendenti, tutti laureati, prima di mandarli ai clienti perché c'erano, oltre strafalcioni con i verbi, anche le doppie Z, le C e le Q messe a caso o cose come "biancha", eccetera. Nota bene, c'è il correttore ortografico.
      Ormai siamo al punto che anche nelle pubblicità scritte e parlate ci sono degli errori grammaticali ovvi e nessuno se ne accorge.

      Non ci sono "tanti risvolti". C'è il tentativo di nascondere la verità e di spargere menzogne. Stiamo andando avanti cosi da decenni, compreso il famoso "ventennio berlusconiano" che se vai a vedere l'elenco delle legislature, per 10 anni ci sono stati governi di sinistra, epperò nessuno lo dice, QUINDI non è mai successo.

      Gli estremi? Quali estremi? Te lo ripeto, vedi per caso una scuola colonizzata da insegnanti di Casa Pound e Forza Nuova? Vedi per caso sfilate e cortei con croci celtiche e gente che salta nel cerchio infuocato?

      Il "liberismo" è un'altra balla, che si perde in una tempesta di balle. Aspettiamo che la Grecia vada in default col governo Tsipras, osannato al grido "basta con l'austerità". Come se il problema anche li non fosse che un quarto della forza lavoro è mantenuta dallo Stato, più i pensionati eccetera, ma le "politiche neo-liberiste".

      Dai, inutile anche parlare, tu mi proponi un mondo del tutto metafisico dove il commesso della Coop non esiste e se anche esistesse, gli basterebbe cantare Bella Ciao per essere un semidio.

      Elimina
    30. Abbiamo anche sorvolato sulla questione del finanziamento della "perequazione" delle pensioni. Bisognerebbe chiedere alla Corte Costituzionale dove andremo a prendere i soldi, quei 15 e rotti miliardi di euro, solo per quello. Ma cosa vuoi chiedere a "giudici supremi" che sono di nomina politica?

      Quale sistema di balle colossali più ovvio e catastrofico del sistema pensionistico italiano? Cosa sono disposti a fare pur di non ammettere che è tutta una truffa?

      E in questa truffa, che peso ha il Pubblico Impiego e che peso ha il sindacato?

      Ebbe... il "liberismo", la "austerità", il "rigore".

      Elimina
    31. Io veramente non proponevo modelli metafisici. Stavo solo rilevando che non possiamo nemmeno restare intrappolati dentro una narrazione fatta di comunisti cattivi.

      Ti sto proprio dicendo che il Mercato (ancora prima dei Comunisti) ha bisogno di creare una società fatta di individui uniformi.
      Le aziende hanno solo bisogno di vendere lo stesso smartphone in Corea, in Ungheria e a Busto Arsizio.
      Lo smartphone parla lo stesso inglese semplificato che puoi capire tu e un indonesiano.
      Poi uscite e andate a guardare lo stesso film in lingua originale perchè fa più figo (in inglese compresi scoppi ed effetti speciali), poi vi sedete in un pub dove tutti si sentono a proprio agio. Stessa birra e stesso menu semplificato.

      Poi ti meravigli che un commesso sia vestito sempre con pantaloni da lavoro blu (gli stessi che indossano anche negli uffici) e che ti dia del tu??

      E' colpa del fatto che tutto il mondo ascolta bella ciao??

      Per dire: è colpa di Carlo Marx? (occhio, non voglio qui fare l'apologia del comunismo, sia chiaro e non fraintendermi)

      E di chi è l'egemonia culturale che forgia intere società a essere fatte così (visto che tu qui mi parli di egemonia culturale) ???

      Elimina
    32. > esco di casa e incontro la gente, che ormai usa il "tu" sempre e
      > comunque perché sa coniugare i verbi solo al presente, all'imperfetto e al passato prossimo,
      > non è vero che la gente non sa ne come si fabbrica un tappo di sughero ne come fa un aereo a volare, per non dire di cose più complesse

      Già.
      Le spaventose regressioni di massa, moltitudini di sempre più mediocri a cui propinare prodotti scadenti sempre più industrializzati.
      Ci sono più cofattori in questo rincoglionimento di massa.
      Se è vero che la sinistra contribuisce con l'ugualizzazione alla mediocrità degli insegnanti al resto contribuisce tutto.

      Il telerincoglionimento di massa con i Buongiorno che hanno abolito i congiuntiivi è ciarpame berlusconiano, di una classe orribile di gentaglia ladra che pensava che l'unica dimensione della paese fosse quello di renderlo di plastica e di far più soldi possibile in meno tempo possibile.

      Le masse di idioti dipendenti da qualsiasi nuova scoreggia social è questione di tecnoteismo e globalizzazione.

      Lo sradicamente dalla terra e dai saperi delle mani, dalla cultura libresca è mondiale e anche, in Italia, regionale, visto che il disprezzo per il lavoro manuale è diffuso in tutto il paese e particolarmente grave nel sud "ellenistico".

      Dalle mie parti le uniche istanze di cultura e di forme culturali anceh non libresche per i poracci sono fatte da preti e comunisti e questo bisogna riconoscerlo.

      Come dice nottebuia, non possiamo crearci dei fantasmi anticomunistici in testa. Ad essere antagonisti a priori si perdono i lumi dell'intelletto.

      Il 90% dei mezzi di comunicazione di masse e pure la rete è ormai pattume pubblicitario infarcito da informazione vuota dannosa o falsa.

      Bambini che passano ore alla console invece che arrampicarsi su un albero pure cadendo e facendosi male poi diventano delle amebe fisiche e mentali.
      Pensare che sia colpa (solo) dei comunisti potrà forse farti sfogare, Lorenzo, ma non è vero.

      Elimina
    33. UomoCoso, prego leggere qui:
      http://eldalie.blogspot.it/2013/09/milionesimo-post-sulla-scuola-e-sulla.html?showComment=1430928620276#c9015704164356660803

      Non vorrei incattivirmi troppo ma tu stesso tendi all'automatismo.

      Elimina
    34. @ NotteCoso:
      "Poi ti meravigli che un commesso sia vestito sempre con pantaloni da lavoro blu (gli stessi che indossano anche negli uffici) e che ti dia del tu??"

      Non mi meraviglio, infatti:

      "E' colpa del fatto che tutto il mondo ascolta bella ciao??"

      Si.

      Elimina
  7. A proposito dei sindacati, ecco quello che intendevo quando commentavo la sparata "siamo tutti migranti":
    Australia, ecco i giovani «schiavi» italiani

    Ora. l'idiota di turno che canta "bella ciao" vede questo fenomeno come un affratellamento dei popoli, tutti uguali, tutti fratelli, schiavi loro, schiavi noi ma che bello. Invece la persona con due neuroni capisce che dietro c'è un meccanismo, un progetto di globalizzazione e di alienazione etnica e culturale.

    Follia masochistica.

    RispondiElimina
  8. Ma tu, quando usi (a volte apparentemente fuori luogo) il termine ecologico/ecologia intendi "Aria fresca,aria pulita, idee fresche, docenti freschi ecc.". E per non andare oltre...ma questi rappresentanti del popolo (parlamentari) quanto sanno di tecniche di insegnamento, modelli di istruzione, quali reali competenze hanno per e da proporre, visto che il livello di istruzione che si trascinano dietro è abbondantemente scarso ecc.

    Ciao UUIC per dirla con il VI° partiarca Zen Hui-Neng " siamo ciò che mangiamo " e anche quì un po di ecologia non guasta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi il povero che mangia merda è una merda, il ricco che mangia oro e gemme, è oro e gemme.

      Coma fare a meno del VI Patriarca...

      Elimina
    2. Per lei, forse è difficile comprendere la metafora...mangiare, pensare ecc. Comprende ora?

      Meglio finirla quì.

      Elimina
    3. Capisco bene invece. Il povero non solo mangia la merda ma non ha accesso ne alla informazione ne al metodo per elaborarla. Già gli antichi Greci avevano il concetto di "belli e buoni" che si riferiva ai giovani aristocratici, che non solo erano gli unici che potevano permettersi di passare il tempo in esercizi ginnici ma erano anche gli unici che potevano permettersi una istruzione.

      Io compiango la gente che pensa di trovare chissa quale saggezza in santoni alieni.

      Elimina
    4. Daoist ha scritto benissimo, siamo ciò che "mangiamo".
      Sia in senso letterale che metaforico.
      Gli ingegneri anglosassoni dicono Garbage in, garbage out!.
      Ancora, la qualità di ciò con cui alimenti corpo e anima e mente è assolutamente indipendente da censo, professione, livello di nozionismo, potere.

      Io temo che l'attitudine ad avere strumenti culturali sia più una cosa che si apprende in famiglia che nella "istruzione".
      A scuola ti possono anche far leggere Leopardi o D'Annunzio qualche ora in un anno ma se poi a casa hai dei genitori che si farciscono di pattume televisivo, il cui unico intgeresse è l'outlet, chi o la gazzetta, non è che poi ti "alimenterai bene" quando sarai indipendente.

      Elimina
    5. La menzogna colossale dei tempi moderni è quella delle tre categorie. Noi in teoria viviamo in una Repubblica che si fonda sulla democrazia rappresentativa e sul suffragio universale.
      Il suffragio universale implica che il voto mio, il tuo, quello di un genio e quello di un mentecatto, quello di un santo, quello di un criminale, valgono tutti uno, tutto uguale.

      Quindi, a parte la ovvia considerazione che se sei ricco sei anche colto, se sei povero sei ignorante, quindi tipicamente il ricco pensa meglio del povero e infatti da che mondo è mondo governano gli aristocratici, c'è la considerazione che in Italia NON siamo quello che mangiamo, siamo quello che decide il Partito.

      E il Partito si fonda sulle menzogne, la riscrittura continua del passato e sulla tripartizione della società nelle tre categorie. Dove a chiacchiere l'operaio conta come Dalema, nei fatti no.

      A scuola ti possono anche fare leggere altre cose perché tanto Leopardi che Dannunzio sono tipiche espressioni della italianità periferica, decadente e inutile. Nessuno al mondo sa chi fossero tanto Leopardi che Dannunzio.

      Ma qui parliamo del parlare, siamo già saliti di un livello, cioè a discutere COSA deve essere insegnato a scuola, quando la premessa è che non abbiamo i soldi per sostenere i costi della Scuola.

      Anche questa è una capriola decadente.

      Elimina
  9. UomoCoso, piccola selezione:
    http://eldalie.blogspot.it/search?q=invalsi

    RispondiElimina
  10. UomoCoso io non ho mai scritto niente del genere. Mio padre era un bimbetto nella ultima parte del ventennio fascista, ha fatto appena in tempo a mettersi la uniforme di balilla che era finito tutto.

    Comunque, ancora ti sfugge il punto della questione. La ragione per cui mio padre era un balilla è ovvia, c'era un regime e tutti i bimbi che andavano a scuola erano automaticamente balilla.

    Ma per quale ragione io cantavo "bandiera rossa"? Se seguo il tuo paragone la ragione è che c'era un regime e tutti i bambini che andavano a scuola in quegli anni erano tutti piccole guardie rosse.

    Fast forward, arriviamo al 2015. Per quale ragione si canta "bandiera rossa" ovunque, in ogni riunione pubblica? Perché il regime persiste e anzi, è diventato ancora più pervasivo, vedi Renzi col suo "Partito della Nazione".

    1984, altro che.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi trovo incredibile che tu lo dica con tale noncuranza, che si canta Bella Ciao (non Bandiera Rossa come ho scritto sopra, non hanno più le palle per tirare fuori falci e martelli) per via della "omologazione". Come se fosse una quisquilia, una cosa normale.

      Non è normale manco per niente, sembra normale solo a quelli "omologati".

      Elimina
    2. I regimi soft e pure non cosi' soft (gli squadristi, i fodamentalisti sono sempre presenti, ne e' arrivato uno qui stasera) cercano di irrigimentare le masse e cio' si inizia a farlo proprio nelle scuole.
      Certo che c'e' un regime.
      Prendi un gruppo di persone allineate ad un pensiero unico e inizia a rompere la loro superficialmente uniforme ortodossia: prima cercheranno di ignorarti, poi di deriderti poi si passa all'azione fisica che tenta di sopprimerti.
      Beh, il consumismo e' molto piu' sottile ancora (e' interessante leggere come gli homo sono trattati nei percorsi forzati di un ipermercato, studiamo l'etologia e la sfruttano, di fatto sono recinte per bestiamo a percorsi ufficialmente liberi ma molto efficacemente guidati).
      Il crescitismo e' un'altro di queste convinzioni di massa che tendono all'isteria dogmatica.
      I regimi del secolo scorso, in quanto brutali, erano molto meno pericolosi a medio e lungo termine.
      Il post-comunismo e' una via di mezzo: apparentemente crede di avere una superiorita' culturale in realta' appena ne smascheri le incogruenze e le assurdita', le fanfaluche, smaschera subito il suo volto violento, totalitario.
      I regimi di destra sono stati meno violenti e sadici di quelli di sinistra in quanto hanno sempre garantito, in generale, la liberta' economica.

      Elimina
    3. Quest'ultima osservazione di Lorenzo mi porta ad aggiungerne una mia (alla quale non avevo mai pensato -- grazie Lorenzo).

      Com'è che dalle nostre parti ci si preoccupa tanto della presunta offesa che arrecherebbe a certi religiosi "alternativi" l'obbligo di praticare ritualità come quelle dei canti natalizi, mentre nessuno pare preoccuparsi dell'offesa (del tutto sovrapponibile) arrecata dall'obbligo di cantare certi inni d'ispirazione politica imposto a chi ha convinzioni politiche diverse, magari opposte, in celebrazioni quali il 25 aprile? Con lo stesso criterio, chi si preoccupa dello stato emotivo dei pur pochi monarchici in occasione delle sontuose manifestazioni del 2 giugno?

      Solo io colgo una contraddizione insanabile nella sua totale irrazionalità o, se preferite, nella sua pelosa tendenziosità?
      Tutto ciò senza voler minimamente prendere posizione per uno schieramento o per l'altro; il ragionamento sia per quanto possibile asetticamente astratto.

      Elimina
    4. Allarghi troppo la faccenda. La diluisci, la annacqui.

      Si discuteva della Scuola. La Scuola attuale è il risultato di settanta anni di regime cattocomunista. Nel caso del pubblico impiego, più comunista che catto.

      Poi si, c'è anche il consumismo, quello che tu chiami "crescitismo", l'epatite virale e tante cose brutte. Ma non c'entra tanto con il pubblico impiego e le sue modalità.

      Elimina
    5. MrKeyCoso, la risposta alla tua domanda retorica è ovvia ma la scrivo a beneficio di eventuali lettori trinariciuti.

      Esiste UNA SOLA verità storica, quella che i comunisti-ex-comunisti continuano a riscrivere all'indietro, a seconda di come gli fa comodo. Una verità storica che non si distingue dalla attualità, è tutta una sovrapposizione per cui i "partigiani" di ieri sono i "partigiani" di oggi, i "nazifascisti" di ieri sono i "nazifascisti" di oggi. C'è sempre una guerra in corso, ogni anno l'Italia viene "liberata". E' un po' come una messa, si rimette in scena costantemente la stessa storia, la riviviamo. Con le opportune modifiche.

      Se tu ti lamenti che ti tocca sfilare inquadrato, che ti tocca cantare l'inno, si vede che sei un nazifascista. Non ti preoccupare, hai un posto da comparsa nella parte del cattivo nella replica di quest'anno.

      Il "ragionamento asetticamente astratto"... basterebbero i numeri. Ma qui abbiamo a che fare con gente che partecipa ad una messa, a dei dogmi di fede, ad una chiesa, eccetera. Quindi non c'è ragionamento che tenga.

      QUALSIASI sia l'argomento, dalla Spesa Pubblica alla Immigrazione.

      Elimina
    6. MKS, quante volte ho osservato che il comunismo e' un nuovo oppio dei popoli, una nuova religione?
      Ritualita', faziosita', ortodossia, inclusione/esclusione, volonta'; di egemonia ideologica, di universalismo, etc. .
      Karl Marx ha fallito miseramente: ha ottenuto esattamente l'opposto dei risultati che si proponeva.
      Ma di questi paradossi ce ne sonoun tot, si pensi appunto ai cantori di "una mattina mi sono alzato e ho tovato l'invasor" che sono fanatici fondamentalisti nel sostegno e nell'apologia dell'invasione in corso.
      I lumi della ragione, il materialismo scientifico...
      Siamo all'oscurantismo piu' sordido e cieco.
      Si pensi solo alla ripresa della censura.
      La rivoluzione si compie, si torna al punto di partenza.
      Artefici di cio'che blaterano di combattere.

      Elimina
    7. Prego leggere qui:
      http://video.repubblica.it/politica/scalfari-nel-pd-serve-un-alternativa-a-renzi-potrebbe-essere-pisapia/199974/199014?ref=HRESS-2

      Poi leggere la biografia del compagno Pisapia. Scherzano? Manco per un cazzo.

      Elimina
    8. è un bravo cristo Pisapia. pensa che non si ricandida. e quando mai succede una roba del genere in Italia !

      (anche se come sindaco non è stato peggio della Moratti ma neanche tanto meglio)

      Elimina
    9. PS: a me su tutti mi piace l'inno sovietico. mi fa venire la pelle d'oca.

      Elimina
  11. Lorenzo: "Nessuno al mondo sa chi fossero tanto Leopardi che Dannunzio."

    Peggio per loro. Del resto, non è che dalle nostre parti si sappia gran che dei grandi letterati giapponesi o indiani. E va bene così! Perché nel bene e nel male qui non siamo né in Giappone, né in India, e Giapponesi ed Indiani non sono in Italia. Finché dura (e, con l'andazzo attuale, temo che non sarà per molto).

    Ma questo, dai soliti benpensanti poco usi a pensare, potrebbe essere etichettato come un ragionamento leghista, con il preteso sottinteso che "leghista" sia (chissà perché dovrebbe esserlo, poi...) un insulto.

    P.S. Si noti come, benché insegnante, non ho sbagliato neppure un verbo nonostante la profusione di tempi oltre il presente, l'imperfetto, ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora riformulo il concetto:
      Con tutte le cose che si possono imparare dello scibile umano, sia Leopardi che Dannunzio secondo me stanno abbastanza in fondo nella lista.

      Sapere coniugare i verbi, cioè padroneggiare il linguaggio, serve perché il linguaggio è uno strumento di indagine e di conoscenza, vedi "logos".
      Il linguaggio viene prima della matematica di base e della geometria.

      Ma idealmente, se uno studente italiano riesce a collocare Dannunzio in un determinato periodo storico e contesto culturale, per me tanto basta, non serve che conosca i suoi scritti, che tanto non contengono niente di utile. Invece lo stesso studente deve conoscere almeno la filosofia greca, perché affronta il 90% delle questioni fondamentali. Se poi conosce anche qualcos'altro di filosofia, tanto meglio.
      Poi deve conoscere la fisica almeno fino ad Einstein, per lo stesso motivo, con la fisica prima di Einstein si risolvono il 90% delle questioni fondamentali della vita quotidiana. Poi se sa qualcos'altro di fisica, tanto meglio.
      E via via.

      Per me non esiste un avvocato che non sa contare o un ingegnere che non sa scrivere. Detto questo e cioè che la formazione almeno fino alla università dovrebbe tendere ad essere enciclopedica, in Italia non abbiamo bisogno di letterati, abbiamo bisogno di gente di scienza.

      Sempre che non vogliamo finire tutti a fare i centurioni a beneficio dei turisti.

      Il "benché insegnante" spero sia ironico, nel senso giusto.

      Elimina
    2. D'accordo su tutto quello che hai scritto in quest'ultimo commento. Pensa che, pur insegnante di musica tento di far balenare qualche barlume d'approccio scientifico nelle menti dei ragazzini. In una percentuale di casi che darebbe impietosamente ragione a Mendel e alle sue osservazioni sull'incidenza dei caratteri sull'avvicendarsi delle generazioni di piselli, quella metodologia d'approccio, incredibilmente!, lascia il segno. Certo rimane una maggioranza che, spiace dirlo ma è così, non è attrezzata per muoversi in quella direzione (non ci arriva, perché come per il fisico, non siamo tutti uguali neppure nel cervello).

      "Benché insegnante" era ironico, certo.
      Tra l'altro, non sono laureato. Comunque sia, essere laureato non necessariamente va di pari passo col rientrare nella percentuale mendeliana favorevole alla quale facevo cenno poco sopra. Dalle nostre parti si attribuisce al titolo accademico ben più importanza di quella che sarebbe opportuno attribuirgli. Anche perché ho lasciato i "banchi" di scuola quasi trent'anni fa, ma da allora ho imparato tante, tante cosette. Come me, tutti coloro che hanno un minimo di curiosità e di tempo da dedicare alla cura delle proprie possibilità cognitive.

      Elimina
    3. Io però non concordo sul discorso del "non essere attrezzati". Certo, abbiamo talenti diversi ma la formazione di base degli studenti è solo questione di metterci abbastanza impegno e convinzione, da parte della Scuola intendo.

      Fosse per me gli insegnanti dovrebbero essere pagati molto meglio. Ma gli si dovrebbe chiedere di formare "cittadini", nel senso sopra descritto, cioè persone complete.

      Il guaio è che nella Scuola lo studente non è lo scopo, la ragione di esistere, il prodotto, è il servo, la scusa, l'impiccio. Ciascuno di noi viene considerato servo, scusa e impiccio dalla Pubblica Amministrazione in ogni momento della nostra vita.

      Tranne coloro che, in un modo o nell'altro, diventano "funzionari" della macchina e assurgono quindi allo status di "chierici", con tuttii benefici dello status.

      Ricordo ancora una intervista ad un deputato del PD che proponeva l'allargamento dei criteri minimi per l'arruolamento nelle Forze Armate dicendo che questo avrebbe creato più occasioni di lavoro per i giovani. In altre parole, non ci serve un esercito vero, ci serve un esercito di nani, di culoni, di panzoni, un circo. Che però distribuisce lavoretti e pensioncine.

      Elimina
    4. 25-50-25. La casistica nella quale mi sono imbattuto in trent'anni di insegnamento mi permette di dire che Mendel aveva colto nel segno. Se avesse studiato le possibilità d'apprendimento dei cervelli umani, anziché il colore dei fiori dei piselli, le sue conclusioni sarebbero state con ogni probabilità le stesse. Da parte mia, non c'è intento denigratorio nei confronti di alcuno -- se uno ha certe caratteristiche, ha quelle caratteristiche, punto. Si può essere ottime persone anche con un cervello non al fulmicotone, così come si può essere ottime persone senza un fisico da atleta olimpionico. Quel che possono realisticamente fare gli insegnanti è (tentare di) fornire alle persone i mezzi migliori per esprimere il potenziale loro proprio, tenendo anche presente che esiste, particolarmente nelle fasi evolutive dello sviluppo, chi non gradisce avvantaggiarsi delle opportunità offerte, per una miriade di ragioni. La mitologia del "siamo tutti uguali" e del "non è concepibile l'insuccesso" è frutto del pensiero "di sinistra" (quello più fideistico) tanto quanto altre fantasie di quelle che fan cadere le braccia al solo pensarci. La scuola garantita per tutti è una cosa, l'apprendimento di qualità garantito per tutti un'altra -- la prima è realizzabile, il secondo no. Poi, sulla carta, si può scrivere quel che si vuole.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.