domenica 24 maggio 2015

Il cuculo dopo le piogge

In quei trenta metri che separano l'uscita dalla tettoia sotto la quale lascio la bici avevo deciso che, no, non pioveva a sufficienza per la mantella che è sempre un discreto ambaradan e poi sgocciola  dal portabagagli in treno.
Stikaatsi! Poi ho sgocciolato io in treno. Freddo e umido, colla condensa sui finestrini.
Scendi al paesello e, galera miseria, non c'è proprio nessuno che sale in auto oggi cheduepallepropriooggi.
Venerdì sera ho acceso il fuoco, riportato su molle e alare. Fino a sudare, da umido e freddo nel midollo nelle ossa fino al rossoarancioneambra del fuoco "bullo" e scoppiettante.
Aprile e maggio erano stati secchi qui. Ora dopo tre giorni di grandi piogge, il verde straripa al punto che riesce a fendere la nebbia mattutina. L'acqua è fredda quando ci entri poi culla, disseta, rasserena.
C'è il concerto degli amori uccellini che entra dalla finestra socchiusa. A volte arrivai, in alcuni giorni delle prinavere, perfino a odiarlo per intensità.
Su tutto c'è il cuculo. Nulla più che il cuculo mi rapisce e mi porta in volo sopra il bosco e i prati tronfi, ora, di mille verdi lucidi, cangianti. Così, tornato bambino, a casa della nonna, sento sotto il bipedinone che ha sonno più leggero e  sono felice.
Ora il cuculo ha terminato il suo concerto silvestre, come me a chiusura di questa pagina.

15 commenti:

  1. ma che animo poetico ...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri mattina, sarebbe stato difficile non esserlo.
      Almeno per me che ho una parte nordica, non so se norvegese, irlandese o britannica che ama la pioggia, il verde e il tempo "atlantico".
      Grazi Essa.

      Elimina
  2. E' una cosa strana.
    Da bambino, quando c'erano ancora i campi coltivati a granaglie tutto intorno, il volatile dominante era il passero. In estate c'erano anche i rondoni. I merli colonizzavano cespugli e aiuole, i piccioni le piazze.

    Adesso le coltivazioni sono molto diminuite e lontane da dove abito. I passeri sono scomparsi. Il volatile dominante è la cornacchia, che prospera nei parchi e nei giardini. Onnivoro, oltre predare i cestini e i cassonetti, fa strage di piccioni, che sono drasticamente diminuiti. Il merlo più o meno è rimasto uguale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fauna cambia col tempo.
      Ad esempio rondini e rondoni calati drasticamente: non solo problemi di inquinamento chimico (veleni, pesticidi, insetticidi, etc.) ma anche il fatto che numerosi edifici rurali (in Lombardia li chiamate cascine) sono stati ristrutturati, volti e sottotetti rifatti, restaurati, chiusi, verandati, etc. e migliaia di nidi distrutti e luoghi di nidificazione distrutti.
      Ci sono alcune specie legate ad ambienti specifici (anche agricoli) e se questi cambiano, spariscono, ne soffrono.
      Buongiorno Lorenzo.

      Elimina
  3. vedi, se ti muovevi in macchina non ti bagnavi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. INVALSI, se ti fossi mosso in macchina non ti saresti bagnato. :)

      Elimina
    2. Io non so se tu faccia apposta, perché scrivi di fretta, per provocazione, Francesco.
      Non mi sembra che tu scriva così male a casa tua.
      Povera Consecutio temporum, dio bono!
      In confronto Mike Bongiorno era un cruscante, eh!?

      Elimina
    3. Spezzo lancia a favore di Fra. Accade anche a me, quando commento di straforo dall'ufficio o in condizioni di equilibrio precario in metro, di prestare poca attenzione alla struttura grammaticale

      Elimina
    4. Beh, io so che non sono esattamente un don giovanni in questa fase della mia vita.
      Ma da qua a projettare il mio stallo come condizione sulla quale impostare un paradigma ne corre, no!?
      Il fatto che esista gente che esce dalla maturità senza sapere come si usano il congiuntivo e il condizionale fa parte di quella regressione generalilzzata del paese.
      Non a caso ho citato Mike Bongiorno. Le televisioni commerciali berlusconiane (e quindi in seguito da parte della Rai nella lotta agli ascolti) in stile stelle e strisce sono state l'esempio di come far peggiorare le masse usando i mezzi di comunicazione di massa in modi pessimi.
      Io sento degli strafalcioni alla radio che mi si rizzano i capelli.
      Quelli sono giornalisti, cioè gente che dovrebbe avere buone base d'italiano come un veterinario conosce l'anatomia o un erborista i principi delle principali erbe.

      Elimina
    5. Ma tutti sanno "bella ciao".

      Elimina
  4. Da me ci sono 5 o 6 piccioni a cui si e'unito un colombo. Di notte sento la civetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un paio di anni fa avevo una coppia di tortore che veniva a tubare regolarmente e io, sotto il tetto, le udivo parecchio. Du palle!
      La civetta anche da me. La adoro! :)

      Elimina
    2. A proposito, diversi anni fa mi recai a visitare una casa nelle campagne a ovest di Milano, verso Abbiategrasso e quando aprii lo sportello dell'armadietto della caldaia, collocato sul balcone, dentro ci trovai uno strigiforme, cioè un uccello a forma di gufo/civetta, alto circa 40cm, grigio topo, che dormiva appollaiato sopra la caldaia, a sua volta ricoperta di deiezioni. Presi discreto spaghetto, richiusi lo sportello e me ne andai.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ma lo trovate veramente così poetico?
      Io ho scritto quello che ho osservato, sostanzialmente.
      Io amo Mario Rigoni Stern ma non so se lo definirei poetico. Ecco, un fine osservatore, un grande amante della natura egli era. Per me meglio che poeta. ;)
      Anche Corona non è male, anche se con spirito più recente.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.