lunedì 11 agosto 2014

Costernato

In questo cuore delle Marche ci sono arrivato ieri con sei ore di viaggio nell'Italia minore e di stupefacente grande bellezza. Mugello, Casentino, alta Umbria.
Oggi quasi otto ore di trekking e bici in anello centrato sulle gole del Furlo e monte Pietralata. Arte, Natura, Storia, Cultura, Cibo, Bellezza, clima, varietà. Associazione estetica incredibile.
A volte rimango... costernato.

5 commenti:

  1. Ricotta salata! lo so che non è vegana, ma è buonissima!!! e vino idem!

    RispondiElimina
  2. Nel senso di sbigottito, spero.. ;)

    RispondiElimina
  3. x Sara:
    Ricotta salata?! Devo chiedere. Qui siamo ancora nelle Marche romagnole, devo informarmi se appartiene alla tradizione qui o più a sud.
    Vino rosso buono sì!

    x franco battaglia:
    Sbigottito e... costernato, allibito, furibondo, rassegnato.
    Perché 'sta bellezza è così grande che... non siamo in grado di comprenderla e rispettarla.
    Alcune osservazioni:
    o - a San Vincenzo, gioiello romanico in contesto agreste (residuale) accozzaglia di auto, quad, moto a ridosso, un ciclomotore addirittura appoggiato sulla parete esterna della fiancata destra;
    o - inesistenza di un qualche criterio urbanistico: edifici sorti ovunque più o meno a caso con stili più o meno a caso (molti dei quali con scarichi non connessi al depuratore che finiscono direttamente nei corsi d'acqua;
    o - pietre miliari e romane, di costruzione, della Flaminia depredate e utilizzate per scopi vari, dal caminetto all'angolo fico del bar paninoteca;
    o - via Flaminia "vecchia" ora chiusa per frana, un meraviglioso transito ciclo pedonale frequentato da centinaia (migliaia in questi giorni) di turisti al giorno che... verrà riaperta al traffico automobilistico.
    Potrei continuare:
    o - ferrovia costa Cagli bombardata alla fine del secondo conflitto mondiale e... sede usata per farci la Flaminia nuova (idem per la ferrovia costa Urbino che è anche città universitaria e turistica frequentata da stuole di studenti e turisti).
    E' come se usassimo una tela del Canaletto per avvolgerci la pancetta steccata.
    Io sono sbigottito dalla bellezza e costernato dal sistematico non-progetto in grande, diffuso per smantellarla, distruggerla, insozzarla, violentarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo proprio inteso così.
      La rabbia per come tutto questa bellezza sia considerata eterna e non ci sentiamo chiamati a tutelarla, proteggerla...

      Elimina
  4. Gioia, è che...
    Abbiamo un patrimonio di Grande Bellezza (terra e cultura in essa formatasi) che ha genealogia proprio nella povertà che ha aguzzato ingegno ed estro (il tango è così straordinario nella sua estetica per la stessa genealogia (italiana)). Ciò però ha il problema nell'arrembaggio e nella violenza di massa moderni alla stessa Bellezza. Come se ci fosse una sorta di condanna filosofica, genesi e apocalisse, in questa realtà.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.