venerdì 15 agosto 2014

Fuochi di paglia

Martedì sera c'era _via Weltaugen in milonga.
Abbiamo pure ballato un paio di tanda insieme. In un certo senso mi sono pure impegnato ma... La vedevo da lontano ballare e non provavo alcuna emozione. Mi viene in mente un... fuoco di paglia.
C'è questa cosa ricorrente, molto frequente. Una mi piace all'inizio, mi attizza.. Poi il frequentarsi porta conoscenza, da essere sessuale, da femmina a essere umano, persona, inizio a osservare ombre e difetti, la complessità si svela, interesse e attrazione svaniscono.
L'assenza di un piacere erotico lascia nudo l'aspetto relazionale e questo è, appunto, complesso. Se la femmina  ipomorfosa a persona che non mi sconfinfera (e.g. è stata ambigua o poco corretta nel relazionarsi) perde interesse.
Questi fuochi di paglia sono sintomi ricorrenti. Ciò non va bene nel limbo in cui mi trovo. Ci vorrebbe un Intimacy come terapia.

12 commenti:

  1. io non ci riesco a ricordarmi i nomi!

    RispondiElimina
  2. mi riferisco ovviamente ai nomi delle tue amiche.
    Ma sai che già il fatto che tu dia loro il nomignolo di targhe d'auto lussemburghesi, invece di scrivere il loro nome proprio è indicativo!

    RispondiElimina
  3. Uomo...se per intimacy intendi intimità... questa non può prescindere dall'avere una qualche forma di rapporto. E si sa che rapporto equivale a svelarsi nelle proprie luci ed ombre, pregi e difettacci che ognuno ha.
    Se invece parliamo di una sana e salutare TR.. il discorso cambia. Ma pare che quella da sola non ti soddisfi nemmeno...
    Così è assai complicato trovare qualcosa. :)

    RispondiElimina
  4. Ecco, io vado nel senso opposto.
    L'interesse erotico (quando c'è) viene sempre dopo la conoscenza.
    Belle teste un po' contorte = interesse.
    :))

    RispondiElimina
  5. Ovviamente farai quel che riterrai meglio. Mi sento di consigliarti di prendere in considerazione il fatto che certe "relazioni", se non c'è una molla che spinge imperiosa, non sono per niente obbligatorie. A volte le percepiamo come più importanti di quel che sono anche per via d'una certa "spinta" che arriva dal contesto sociale. Sai, quel che è "normale", quello che non lo è; quello che è giusto, quello che non lo è; quello che è buono, quello che non lo è; e così via. Spazzatura. La nostra natura di scimmia imitatrice che ci spinge verso i comportamenti standard deve esserci nota affinché ci si possa difendere (e non è sempre facile, proprio perché è... la nostra natura).

    RispondiElimina
  6. Come al solito, paio l'unica a pensare cose diverse.
    Quello che penso è che ti ha fatto chairamente capire ch enon ce n'è, e tu adesso fai quello che non la vuole, cercando di convincerti. La conclusione a cui arrivo si scrive da sè.

    RispondiElimina
  7. x Spirita Libera:
    Una sana chiavata ora aprirebbe il varco a molte energie accumulate. Sarebbe + che terapica, sarebbe una bomba nel vulcano dormiente.
    Da qui non riesco a definire collegamenti nelle pagine: Intimacy fu Orso d'oro a Berlino, intendo quell'opera cinematografica.

    x gioia:
    Anche a me le cose troppo semplici non attizzano. Neppure quelle troppo complicate. La linea e nojosa, il groviglio faticoso. Mi piacerebbe una qualche curva.

    x Astrolabia:
    Ti rispondo qui.
    Non so quanto ci sia di teatrino premeditato. Non penso granché.
    Negli anta sai bene ciò che vuoi e ciò che non vuoi e e ogni stagione che passa la lista è sempre più lunga e precisa.
    La mercanzia di quest* non mi interessa (molto). No grazie. Arrivederci

    x MrKeySmasher:
    Apprezzo spesso il tuo punto di vista originale, distinto. La fortuna è che vivo bene sublimando. Questa fortuna è anche un problema perché la Natura mi fa desiderare una morbida tiepida profumata bagnata. Da questo punto di vista sono un esemplare maschio di Homo piuttosto standard.
    Buongiorno a te, Smasceraccio! :)

    x Alahambra:
    Poi la volpe disse: tutto sommato quest'uva non mi garba neppure.
    :)
    Che ti devo dire?! Sarà pure che il testosterone è calato per gli anni e per il bucefalo in letargo esagerato ma... se una mi fa capire che non le interesso e non mi prende molto (come _ara la ferrarese o _ina l'aretina) il mio interesse è fuoco di paglia. Troppo sbattimento per... arrivare al ludio.
    Cause e conseguenze entrano in risonanza.

    RispondiElimina
  8. x Sara:
    L'elisione della parte iniziale del nome l'applico per i nomi di *tutte* le persone che cito qui dentro, senza distinzione. Vale per cari amici, per le ex, per compagni del gas e di ascensioni, per tangher*, anche per le donne che tento di sedurre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho capito, ma poi come si fa a ricordarli?

      Elimina
  9. E la regola dice "Se non ti fermano mentre ti allontani ... continua a camminare". Vale per i LUI e vale per le LEI.
    Ciao. Marilena

    RispondiElimina
  10. x Sara:
    Alcuni nomi abbeviati cerco di caratterizzarli: l'aretina, Mora di Rovo, tesoriere del gas, ...
    Lo scopo è di rendere impossibile riconoscimento e gugglamento (ricerca). Me li dimentico pure io...

    x IL MIO BLOG IN UNO ZAINO:
    Strategie. Quella che indichi tu con uba che uso io (se non dà segni non è interessata) in coppia sono garanzia di insuccesso seduttivo assicurato.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.